Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Luca Fantin
Titolo: Misteri a Venezia
Genere Giallo Thriller
Lettori 2057 43 29
Misteri a Venezia
La luse sotocoverta la gera fioca, solo poche lampade a petrolio le dava un po' de lume, e la puzza de suor la gera insopportabile. I galeotti i gera esausti da le lunghe ore de navigazione co le so man feride, costrinse a remi par dý e par note che i gera diventandi ormai color sangue, e i pareva quasi una prosecuzion de le brazze.
Gera el gran giorno.
El paron benefico el gaveva da dar a uno de lori la tanto agognata libertÓ, al pi¨ meritevole e fidato. El gera arivÓ presto chela matina e el se trovava arente a le guardie, vestito in modo impecabile come sempre. El osservava i omeni che ghe lanciava ociade imploranti, sperando de esser scelti.
Alla fine el so sguardo el xe cascÓ su un ragazzo giovane, biondo e minuto, co'l viso angelico.
Tuti quanti i ga capýo che la scelta la gera stata fata e i sguardi carichi de odio i se ga fermÓ sul prediletto del paron e signor de la nave. Girava dele strane voci sul ragazzo, cose che gera megio no divulgar, segreti che doveva restar ne l'ombra, chiusi in uno scrigno a doppia mandata se no se voleva rischiar la pele.
El paron el se ga avvicinÓ al giovane e ghe ga tocÓ la spala. El gera el segnale: le guardie ghe ga tolto subito l'anello dal colo che lo imprigionava al so posto, donandoghe finalmente la libertÓ.
A quel punto Andrea, uno dei rematori pi¨ anziani, no el ga resistio e el ga scominziÓ a criÓr e a sbragiÓr: tocava a elo esser liberÓ! El gera elo el pi¨ devoto vogatore de la flotta navale e quindi tocava a elo, no a quel novellino imberbe. El ga fato apena in tempo a veder el calcio del fusil de la guardia che ghe se avvicinava al viso e po' el buio.

Le prime luci del giorno sfilavano tra le fessure de le imposte che el commissario Vianello ghe teneva sempre un po' socÓ. El profumo del mar al matin jera na sensazion inebriante, un incanto che no se stufava mai e ogni volta el godea pieno come se fusse la prima. Era na de le robe che el apreziava de pi¨ de Venezia e che el ghe dava na spinta a sopportar el so lavuro, le incombenze e la malvagiÓ contro la quale el dovea lottar spesso e volentieri. La sirena de un pescherecio che stava lasciando el porto ghe arriva fin lÓ dal Canal Grande, e Andrea se rende conto che el vive in uno dei posti pi¨ belli del mondo. Quela note per˛, ghe aveva fato un incubo e ancora ghe jera la fronte imperlÓ de sudor. Ghe sta lÓ steso nel letto a guardar un punto de soffito, cercando de metter a fuoco un ricordo. La sera prima ghe aveva partecipÓ a un convegno che parlava del significado dei cognomi pi¨ comun e antichi de Venezia. El xe ven¨ fora che el so cognome, Vianello, che ghe veniva direttamente dal periodo de gli schiavi, rappresentava el momento quando uno schiavo el ghe vien liberÓ e l'anelo che el ghe portava al collo, el lo toglieva. Via anelo, appunto. Solo adesso se rendeva conto, ma parecchie volte ghe parÚa veramente de sentir sto anelo e so peso, proprio lÓ dove el se capitava de pasar le man, a la base del collo. Ghe spalanca le imposte e se mete sul terazin par prender el caffŔ, come el fa solitamente. Ghe piaseva godersi el mar e da quel punto Venezia jera proprio uno spetacolo. Ghe avea la fortuna de stargar in un palazo otocentesco che g˛deva de una vista invidiÓbil. "Uno dei piccoli privilegi del mio lavoro," se disse portando la tazetin ale labre e aspirando l'aroma. La CittÓ se stava mettendo in moto col so brusiar de vaporeti, motoscafi e g˛ndole e i turisti pi¨ mattinieri ghe jera giÓ, desiderosi de goderla per ben. All'orizonte se intravedeva anca la prima nave da croziera in vicinanza. Vianello ze partio. El commissariato jera a pochi centi metri de casa soa e sto jera na comoditÓ che el permeteva de magnarse el traje. E poi, se ghe fusse stai problemi, no i avrebe esitai a contatarlo. Quando el xe rivÓ in uficio, ghe altri iera giÓ al lavoro. Jera na bela squadra che el lo spalejava in ogni ocasione e Vianello jera orgoglioso de lori, e poi Marco Boscolo e Alessandro Trevisan iera coetani soi e li considerava come soa famia. Era el solo no sposÓ, anche se andava verso i cincanta e spesso le mogli de i colegi el lo invitava a pranzo e lu no se lo fece ripetar dui volte. I risi e bisi e el bacalÓ mantecÓ el lo gaava letteralmente fora de testa, e no ci avrebe rinunciÓ per gnente al mondo. Prima de metarse a la scrivanza par ocuparse de le solite carte, se inform˛: "Allora tosi, che ghe xe de belo sta matina?" "Ci aspettan al Ponte de Rialto, commissario. Pare che un matto scatenÓ sia salta' gi¨, dando con el muso su un taxi de aqua, asandoghe le penne," rispose Boscolo. "Ottimo inizio de setimana, dunque," esclam˛ Vianello mentre se riprendeva la giacca e rifaceva la strada indrýo. El motoscafo el gera parchegiÓ proprio lÓ davanti e in un bater d'ocio la pattuglia gera giÓ sul posto. L'ambulanza gera appena rivada e i curiosi se gera messi in fila su la riva. La scena che se presenta davanti ai lori oci, anche se cruenta, sembrava anca buffa: el cadavero de un giovane el ga sfondÓ el lunotto del barcon e se intravedeva le gambe fora, mentre el corpo el xe stÓ dentro.
El d˛tor stava giÓ facendo i rilevamenti del caso mentre a riva un uomo de mezza etÓ, agitatissimo, cÚrchava de spiegar l'accad¨o ai colegi che li gh'avea preced¨i. Avanzarono a fadýa tra i curiosi, fin che rivÓr al condutor del taxi, el qual spieg˛ lor de essersi visto arrivare de colpo sto giovane e de no aver pot¨ far gnente par evitarlo. Avea cÚrchÓ de metter la retromarcia ma no g'era servio e l'impato g'era stÓ fatale. Intanto, i infermieri lo convinsero a prender un sedativo par calmarlo. Un po' pi¨ in lÓ, g'era un grupeto de ragazzi disperai che piangeva quel che dovea esser probabilmente el cadavero del so amico. Iera giovani, tuti ventenni. Boscolo g'avea provÓ a interrogarli, ma senza successo perchŔ iera de nazionalitÓ tedesca. El commissario Vianello se rivolt˛ al colega: "Trevisan, chiama subito un interprete e convocha'li appena posibile che vojo sentirli par sentir cosa ghe sano del ragazzo. E gia' che ci sýamo, fŔmo'gli subito anca l'alcol-test". "Pensa che siano reduci da na serata de bagordi, commissario?" rispose l'altro mentro cÚrca un numero nel cellulare. "Propenderei par el sý, ma xe ancora presto par dirlo". El d˛tor legale conferm˛ la morte per sfondamento de la scatoła cranica e autoriz˛ el trasporto del povereto. Piano piano anca i curiosi cominciaro a ndar via, e Vianello, scotendo la testa, constat˛ che anca quel giorno la soa curiositÓ, spesso macabra, g'era stÓ sodisfata. Se g'era fato l'ora de pranzo e el g'avea un apuntamento con un ristorador so amico che ghe g'avea preparÓ un piato de sardine da lecar i baffi, ma dopo quella vista el so stomaco el g'era chiuso, cosý decise de aspetar i ragazzi in commissariato. Intanto el motoscafo co Trevisan e Boscolo el jera partýo senza de lu: lor i gh'avea na famia che i stava aspetando par magnar insieme. Quelche volta ghe pesava viver da solo, ma el commissario Vianello cÚrca de butar via queli bruti pensieri, anche se risultava sempre pi¨ difficile. Spesso se ritrovava a guardar le orde de ragazze che invaeva la soa cittÓ fantasiando su le lori vite. Le prime cote, magari el matrimoni, e dopo le vedeva giovani femene alle prese co i fioi, gioie e dolori. Quel lo intristiva un po', voleva dir che el tempo el stava passando e anche se ghe jera ancora apetente e le donne el lo guardava con interesse, i primi cavii bianchi iera el segno che l'etÓ la se avanzava, e no ghe jera pi¨ tempo par le smancerie o i sogni. Nel tardo pomeriggio cominc˛ l'interrogatorio de ragazzi. Tuti ghe teneva la testa bassa e nessun parlava. Iera evidente che iera ancora scossi. Incalzai dalle domande del commissario amissero de aver passÓ na note de bagordi, ma senza esagerar. I avea bevi un po', ma come l'alcoltest g'avea confermÓ, iera apena de sopra de la quantitÓ consentida e comunque no g'era sta tale da spiegar un gesto cosý smodÓ come quello fatto dal lori compagno. Confermaro che el lori amico el ga scavalca' la balaustra del ponte all'improvviso, tirandose de sotto senza che i gavessero impiedýo. Forse no se jera nemmeno accorto de l'imbarcazion che stava sovragiungendo, e comunque el g'era tardi par far qualcosa. Ogni tanto confabulavo tra de lori, guardando in giro, par no far sentir dal interprete. Ghe jera un ateggiamento sospetto da parte lori, perchŔ par i investigatori pareva che i avessero qualche cosa da spiar. Vianello i conged˛ e el caso pareva avviar a na chiusura rapida.

Una ciucca presa mal e na mattana che ghe costa la vita a un giovane lontano dal so paese. I genitori lo garessero rivisto dentro una bara. "Forse - pens˛ tra sÚ e sÚ el Commissario - anche per sto che no g˛ voluto dei fioi". Interrogaro anca el condutor del taxi, ma pi¨ che confermar che quel ragazzo ghe sia volÓ addosso all'improvviso, no pol far. Ghe tornaro indrio la patente nautica, in fondo la primavera la stava sul porton e no podese permetter de perder una stagion. El consolato tedesco el stava s'ativando par rimpiatrar i ragazzi e la salma prima possýbile, no ghe serveva tira' fora le indagini, visto che parÚva tuto molto ciaro.
Luca Fantin
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto