Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Silvia Devitofrancesco
Titolo: Occasione inaspettata
Genere Commedia romantica
Lettori 178
Occasione inaspettata

Aprile 2005

Jason

La pioggia batte incessante sul tetto della mia modesta auto di seconda mano, lo so, questa macchina merita di essere condotta in un centro di rottamazione, ma le finanze di uno studente di Economia e Management non sono degne di nota quindi non mi resta che essere fiero della mia bambina di lamiera col cofano ammaccato, la carrozzeria alquanto discutibile e la vernice scolorita qui e là.
Premo sull'acceleratore e mi dirigo verso Chelsea stando ben attento a non superare i limiti di velocità, l'ultima cosa che voglio è trascorrere la serata su una barella del pronto soccorso. Serata che, francamente, mi piacerebbe vivere in una maniera ben più elettrizzante, ecco.
La macchina procede spedita sull'asfalto bagnato e la mia distanza da lei si accorcia sempre più. Modestamente, non per vantarmi, ho sempre riscosso un ampio successo con le donne. Madre natura è stata benevola nei miei confronti donandomi un bell'aspetto, un certo savoir faire e quel giusto pizzico di seducente mistero che sembra piacere tanto alle fanciulle.
Parcheggio lungo la stradina che conduce alla mia meta, la villa di Margaret, gentilmente pagata dal papino facoltoso.
Mi scruto nello specchietto retrovisore e sistemo i capelli che mi sfiorano gli occhi, dovrei tagliarli, lo so, ma ho scoperto che hanno il loro effetto sulle ragazze quindi soffro con piacere se in palio c'è un lauto premio.
Un'ultima sistemata al collo della camicia, un ampio respiro e via i cattivi pensieri!
Afferro il bouquet di rose rosse che avevo appoggiato sul sedile del passeggero, mi guardo rapidamente attorno, chiudo lo sportello, inserisco l'antifurto, per abitudine più che per reale necessità, e procedo senza indugi, già pregustando la magia della serata che mi aspetta.
Sapete, quando ho visto Margaret per la prima volta sono rimasto profondamente colpito da lei, ovviamente, è inutile precisarlo, nell'accezione maschile dell'espressione. Be', come descriverla, Margaret è semplicemente e unicamente Margaret. Lunghi capelli biondi piastrati tre volte al giorno, occhioni azzurri e un fisico da mandare in tilt il cervello e gli ormoni. Ah, Margaret, hai il pieno controllo della mia mente, penso con aria estasiata mentre un ampio sorriso di soddisfazione mi illumina il volto. Ancora pochi passi e finalmente potrò stringerla tra le braccia.
La finestra a pianoterra attira improvvisamente la mia attenzione. La luce calda dei faretti crea un cono luminoso che si estende sin nel viale, travolgendomi.
Senza perdere il sorrisetto sornione, divenuto a tutti gli effetti mio marchio di fabbrica, sposto lo sguardo verso la sala nella quale Margaret mi attende in tutto il suo sensuale splendore. Lei è lì solo per me, lei attende me...
COSA SONO QUELLE OMBRE? Turbato, volgo lo sguardo verso l'oggetto del mio dubbio mimetizzandomi col buio che mi circonda. Non riesco a credere ai miei occhi.
Istintivamente lascio cadere il bouquet di rose, le cui spine mi hanno ferito la pelle, e mi porto le mani al viso. Non è come sembra, Jason. Non è come sembra. Ora suonerai il campanello, lei correrà ad aprire la porta con indosso uno di quei vestitini che tanto ti fanno impazzire e trascorrerete una serata a dir poco perfetta.
Forte di questi pensieri automotivazionali, sollevo nuovamente lo sguardo, immetto aria nei polmoni e tendo l'indice verso il campanello.
COSA È STATO? Mi volto di scatto e tendo l'orecchio: nel silenzio della sera si odono chiaramente delle risate. Che soffra di allucinazioni uditive? No, lo escludo. È inutile tentare di giustificare l'ingiustificabile, le risate provengono da quella stanza illuminata.
Mi avvicino alla finestra, non m'importa di essere visto, ho bisogno di scoprire cosa sta accadendo in quella maledetta stanza. Sta' calmo, Jason. Margaret ti sta aspettando, mi ripeto nella mente come un mantra mentre i miei occhi lentamente mettono a fuoco una scena sulla quale non avrei mai scommesso, alla quale mai avrei voluto assistere, io che – modestamente – sono continuamente adocchiato dalle ragazze.
Margaret, la mia Margaret, la ragazza che sto frequentando da un anno, precisamente da quando ho messo piede in quel college per rampolli di famiglie benestanti, grazie a una borsa di studio, non può farmi questo.
Una lunga chioma bionda fluttua per la stanza, la mia ragazza si ferma dinanzi alla finestra, dà una rapida occhiata al giardino e poi si volta, attirata da due braccia maschili che non sono le mie. Vorrei urlare dalla rabbia ma non posso, qualcosa mi blocca la gola e mi fa tenere gli occhi fissi su quanto sta accadendo in quella casa.
Mark, il mio compagno di studi, il nerd sfigato amante dei computer e dello studio h24, sta baciando appassionatamente (la mia) Margaret.
Calpesto con forza il bouquet di rose che avevo lasciato cadere sul terreno e senza voltarmi indietro velocemente mi dileguo.
Capitolo I

Tredici anni dopo

Con un tonfo secco mi chiudo la porta alle spalle. Questa primavera inglese si sta rivelando decisamente troppo calda per i miei gusti, mi libero della giacca, sfilo la camicia dai jeans e inizio a sbottonarla. Una doccia è quello che ci vuole dopo una giornata estenuante passata tra boschi, fiori, riniti allergiche e pic-nic sull'erba, il tutto condito da urla di mamme esaurite, bambini in piene crisi esistenziali e padri con un occhio sui display dei cellulari e l'altro sulle loro spose, perché se un marito non considera la propria moglie e non l'ammira in pubblico – prendete appunti, cari amici all'ascolto – è la fine, contattate con urgenza un avvocato divorzista. Sì, non farete in tempo a sedervi in macchina che accadrà una catastrofe, una di quelle con la C maiuscola, che vi porterà via ore di sonno, una generosa dose di analgesici e un bel po' di soldini che userete per comprarle regali con i quali farvi perdonare per l'ignobile gesto (se ci riuscirete, il successo non è matematicamente garantito).
Come dite? Ah sì, avete ragione, non vi ho ancora spiegato in che modo la mia vita si è evoluta dopo quello che è accaduto quella lontana sera di aprile.
In un arco di tempo così vasto accadono davvero tanti eventi nella vita di un individuo e anche la mia non è stata priva di sorprese. Innanzitutto non mi sono laureato. Lo so, siete sorpresi, dopotutto ero uno studente promettente, ma l'istinto ha preso il sopravvento.
Dopo aver assistito a quello spettacolo penoso, sono fuggito come un ladro, mi sono rimesso alla guida e miracolosamente sono riuscito a raggiungere il campus.
Col volto bagnato dalle lacrime mi sono precipitato nel dormitorio e poi nella stanza che condividevo col nerd amante delle ragazze degli altri.
È stato in quel momento, quando ho posato lo sguardo sul suo letto intatto e sulle costose apparecchiature tecnologiche, che la rabbia ha lasciato posto alla delusione. Sì, in quel momento ho capito che Margaret non rappresentava per me ciò che io volevo far credere a me stesso, un semplice capriccio di gioventù, io di Margaret ero innamorato davvero.
Ho distrutto ogni oggetto, ho sfogato la mia frustrazione comportandomi da vandalo, preferendo accanirmi su cose inanimate ed evitando così di compiere azioni delle quali mi sarei ben presto pentito.
Ho chiuso con lo studio, non era un lavoro in ufficio ciò che volevo, e ho intrapreso un nuovo percorso puntando sulla mia qualità migliore: l'essere affascinante. All'inizio è stata dura, dopotutto farsi conoscere, per gente come noi, non è affatto facile, infatti oltre le naturali diffidenze verso qualsiasi nuova attività, si aggiunge una sorta di pudore sconsiderato, come se poi fossimo diavoli, noi, si vede ben di peggio in giro. Tuttavia, si sa, sono i pregiudizi a rovinare il mondo.
Essere un gigolò è persino divertente, delle volte divieni tuo malgrado protagonista di situazioni che non credevi potessero verificarsi nella vita umana: ripicche, gelosie, risposte a comportamenti assunti secoli prima.
Essere un gigolò ti trasforma in una sorta di star, senti di poter agire concretamente sull'esistenza di qualcuno e poi, diciamocela tutta, quando la fortuna è dalla tua parte si guadagna parecchio. Come dite? Certo, come tutte le professioni del mondo, anche quella del gigolò ha i suoi momenti no, anche noi abbiamo quelle giornate nelle quali vorremmo spaccare tutto e siamo costretti a usare le armi della diplomazia per portare a termine gli incarichi, sorridendo e guardando con occhi innamorati donne delle quali non ci importa nulla.
Accendo il pc, permetto ai programmi di avviarsi poi ancheggiando seducentemente, perdonate la deformazione professionale, mi libero definitivamente della camicia e mi avvio verso il bagno. E doccia sia!

Silvia Devitofrancesco
Biblioteca
Acquista
Contatto