Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Fiore Forti
Titolo: Marta Petrilla
Genere Favola
Lettori 3194 28 54
Marta Petrilla
Marta Petrilla era nata in un bocciolo di rosa ed era cresciuta bevendo il latte dolciastro dei gelsomini.
Nel giardino in cui abitava non esistevano bambini piccoli come lei, a dire il vero anche i neonati erano grandi come giganti rapportati alla sua microscopica corporatura.
Le api che l'avevano cresciuta raccontavano di averla trovata durante un'esplorazione tra i boccioli di un roseto. Quel giorno fu indetta un'assemblea straordinaria per decidere (tramite voto per alzata d'ala) cosa fare dell'ignoto esserino rosa. Le api scelsero quasi all'unanimità di accogliere Marta nell'alveare. L'unica contraria fu l'ape pessimista che sempre si impauriva di quel che non conosceva. Da allora Marta visse tra amore, ronzii e miele, davvero una bella vita, se solo non le fosse mancato così tanto poter giocare con qualcuno.
Al crepuscolo, accostando l'orecchio vicino all'albero di magnolia dove vivevano le api, l'avreste certamente sentita dire queste parole: - Vorrei tanto poter giocare con qualcuno piccolo come me... - Lo ripeteva ogni sera all'ape portinaia, la quale aveva il compito di metterla a letto. - Oh, piccola Marta... - le rispondeva ogni volta la portinaia - Vedrai che un giorno troverai qualcuno con cui giocare. E come sarebbe utile per i bambini avere un'amica che conosce così bene il mondo delle api come lo conosci tu! - Poi, con le zampine, alzava la foglia che fungeva da coperta e le rimboccava il lettino di cotone.
Un giorno, contro il volere di tutte le api, Marta decise di scendere nel prato. L'erba per lei era alta come lo sono gli alberi da frutto per un bambino, e per poco non venne schiacciata dal piede nudo di un piccolo umano di due anni.
Quel giorno se ne tornò a casa molto triste. Le api, per consolarla, le prepararono dei biscotti al miele, e lei ballò per loro. A Marta piaceva molto ballare e conosceva tutte le danze delle api.
La natura è tanto perfetta che ogni ballo che questi importanti insetti eseguono ha la finalità di indicare precise informazioni alle compagne, ma Marta, che non aveva ali ma solo un corpicino leggero, eseguiva il ballo per intrattenimento, e anche per amore del creato. Ed era così brava che perfino le farfalle si incantavano a guardarla.
Ogni mattina Marta si vestiva con petali colorati e si metteva a danzare e a cantare per aiutare la natura a svegliarsi. La vita nell'alveare scorreva tranquilla, fino al pomeriggio in cui una pioggia violenta cadde dal cielo. Tutte le api andarono a rifugiarsi nelle loro cellette e anche Marta si spaventò molto. Ma la creaturina rosa aveva un carattere curioso e presto decise di affacciarsi per vedere cosa stesse accadendo. Appena mise la testolina bionda fuori una grossa goccia di pioggia la colpì. Non era mai stata bagnata e si sentì davvero strana, coperta com'era di acqua piovana.
Non sapeva se era una cosa bella o brutta, ma non fece in tempo a capirlo che altre gocce la colpirono ripetutamente, e Marta scivolò giù dall'alveare.
- Aahh! - gridò precipitando.
Era davvero terrorizzata la piccola Marta, tanto che non riuscì a capire dove fosse caduta. Ebbene, era finita dentro un rigagnolo creato dalla pioggia, e adesso correva insieme all'acqua lontano da tutto quello che era stato fino a quel momento la sua casa.
Durante quella corsa affannata Marta cercava di stare a galla muovendo le piccole braccia e le gambine, e per tutto quello sforzo e per la grande paura crollò come svenuta.
Il risvegliò non fu dei migliori perché si accorse di essere prigioniera di piccoli esserini neri che l'avevano rapita e adesso Marta veniva trasportata sopra una lunga fila di loro, come fosse un trofeo di caccia. Ma dove andavano? e chi erano? Marta riuscì a vedere solo delle antenne nere che sbucavano dalle loro teste.
A guardarli bene i piccoli esserini scuri avevano sei zampe e robuste mandibole. Erano infatti un gruppo di formiche che rientravano al formicaio dopo un viaggio di ricerca.
Marta era troppo stanca e spaventata per parlare, ma appena il gruppo che la trasportava arrivò al covo, si scrollò di dosso la paura e cercò il capo della banda per chiarire la sua posizione.
La formica madre decise di ascoltare quel che l'esserino rosa aveva da dire e così Marta Petrilla spiegò di non essere cibo da mangiare, ma una bambina nata in un bocciolo di rosa. Disse anche che le api l'avevano cresciuto con amore e che adesso si era persa a causa della pioggia che l'aveva fatta cadere dalla sua casa e trasportata non si sa dove.
Marta fu fortunata perché quel tipo di formiche che l'avevano trovata non intendevano mangiarla ma, al contrario, l'avevano salvata.
Fiore Forti
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto