Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Roberto Cocchis
Titolo: A qualunque costo
Genere Thriller Noir
Lettori 432 1
A qualunque costo
Layla continuò a sbraitare anche mentre lui passava per la cucina a bere e per il bagno del primo piano, due cose di cui aveva un urgente bisogno, poi tacque di colpo mentre Giacomo tornava al piano di sotto.
- Che succede? - le chiese, vedendola intenta a guardare fuori da dietro una tenda.
- C'è una macchina qui fuori. - rispose lei - E, ora, chi cazzo può essere? -
Giacomo la raggiunse e guardò fuori anche lui. Una BMW era parcheggiata davanti al cancello, due figure ne erano appena scese. Le riconobbe entrambe: erano una donna e un uomo, Mara Di Polito e il tipo dalla mascella prominente che stava nell'ufficio della Cercasa. Senza provare nessuna particolare agitazione, si rese conto che, se prima era semplicemente in un grosso guaio, adesso si trovava in un guaio enorme.
Il citofono bussò quattro, cinque, sei volte. Il tipo afferrò il cancello e cominciò a scuoterlo, senza risultato.
- Perdio, aprite! - gridò all'improvviso - Lo sappiamo che siete là dentro! -
- Che facciamo? - gemette Layla, accanto a Giacomo - Ma sai almeno chi sono? -
- Sono la convivente di Amedeo e il suo socio. -
- E ti hanno visto? Ti sei fatto vedere da loro? - il tono di Layla, adesso, esprimeva un sincero terrore.
- Lei sì, lei mi ha visto. -
- Allora siamo fottuti. Hai visto perché non dovevi andartene in giro? -
- Sì, ma che sono venuti a fare, proprio qui? -
- Non lo so, so solo che siamo nei casini. -
Il tipo aveva tirato fuori un oggetto scuro da una tasca interna. Con un tuffo al cuore, Giacomo riconobbe una pistola: non ne vedeva una dai tempi in cui accompagnava il padre al poligono di tiro, tanti anni prima. A prima vista, il tipo non sembrava maneggiarla come un esperto. Layla aveva tutte le ragioni per spaventarsi.
- Fatti in là. - ordinò il tipo a Mara.
Vuole sparare contro la serratura del cancello, e lo stesso farà contro quella della porta, che non è nemmeno blindata, pensò Giacomo. Se non gli rimbalza un proiettile addosso, poi entrerà e magari farà lo stesso anche con noi.
- Ma sei matto! - gridò istericamente Mara - Ma scavalca, invece! -
Il tipo sembrò pensarci un attimo, poi rimise la pistola in tasca, si sfilò il cappotto e si issò sul cancello.
- Filiamocela. - disse a Layla - Andiamo da dietro, dalla finestra della cucina. Usciamo dall'altro lato del cortile, scavalchiamo la recinzione e, qualsiasi cosa ci sia dietro, va bene, purché ci troviamo presto lontano da qui. -
Layla non disse nulla, prese solo la giacca a vento dal divano e se la rimise. La finestra della cucina era abbastanza larga e bassa da permettere a entrambi di scendere senza problemi. Mentre Giacomo era già sceso, e Layla stava scivolando giù udirono le voci dei due nel cortile. Corsero alla recinzione, attraversando il giardino pieno di erbacce; era composta da un muretto dal quale si alzavano delle sbarre di ferro verticali fino a oltre due metri di altezza; altre due sbarre di ferro, orizzontali, correvano lungo tutto il perimetro, una in basso e una in alto: potevano essere usate per arrampicarsi da un lato e ridiscendere dall'altro. Ma, appena si avvicinò, Giacomo capì che non sarebbero riusciti a fuggire da lì. Al di là della recinzione, c'era il vuoto. Scendendo dall'altro lato, si poteva solo andare a cadere in uno strapiombo di almeno una ventina di metri, in mezzo alla vegetazione incolta. Dal lato corrispondente alla collina, le pendici erano meno a picco, ma per andare di lì avrebbero dovuto passare dove quei due li avrebbero sicuramente visti.
Il cervello di Giacomo lavorava a tutta velocità. Potevano farlo mentre quelli erano in casa, avrebbero avuto poco tempo ma era una possibilità. Spinse Layla per terra, in mezzo all'erba alta, e si distese bocconi accanto a lei, proprio mentre si sentiva il rumore di una finestra che andava in frantumi.
Giacomo prese a strisciare in mezzo alla vegetazione. Se si fossero affacciati, avrebbero potuto vederlo o no, il suo giaccone era beige e si mimetizzava bene; la giacca a vento di Layla era grigia e forse nemmeno si vedeva. Sentì le voci dentro casa e capì che era il momento. Scattò in piedi e corse fino all'inferriata, poi si issò su di questa. Layla lo stava seguendo e lui allungò un braccio per aiutarla, quando udirono una voce alle loro spalle.
- Ehi, fermi! - Giacomo alzò lo sguardo, ben sapendo cosa avrebbe visto.
Il tipo stava venendo avanti, con la pistola puntata verso di loro. La teneva come i cowboys nei film western: se avesse provato a sparare, gli sarebbe saltata di mano; ma era talmente vicino che poteva colpirli comunque. Disse: - Vi faccio fuori tutti e due. Scendete subito da lì. - Aveva una voce gutturale, da meridionale che aveva frequentato poco le città e parlava l'Italiano come si parla una lingua straniera.
Layla era già scesa e teneva le mani in alto. Non si poteva fare più nulla. Scese anche Giacomo.
- Dentro! Dentro! - sbraitò il tipo agitando l'arma.
Mara Di Polito stava assistendo alla scena da dietro: - Hai visto, - disse - te l'ho detto, è uguale a lui. -
- Ora ci facciamo dire tutto. - disse il tipo.


Nelle tasche del cappotto, il tipo non teneva solo una pistola, ma anche un rotolo di nastro adesivo da pacchi. Una volta che furono tornati all'interno della villa, mentre lui teneva sotto controllo la situazione con la pistola spianata, Mara usò il nastro per legare le mani dietro la schiena a entrambi. Poi li spinse a sedere sul divano.
- Ora voglio sapere la verità. - disse il tipo - Tutta. È meglio per voi se me la dite subito, perché tanto me la direte lo stesso. -
In un certo senso, per Giacomo era un miglioramento. Poteva spiegare che lui, con tutti gli affari di Amedeo, non c'entrava nulla. Ma dubitava che questo sarebbe bastato a salvarlo. Era molto improbabile che, sentita la sua versione, il tipo gli dicesse: va bene, vattene e dimenticati di tutto quello che è successo qui. Per un motivo o per un altro, tutte le possibilità che gli venivano in mente finivano allo stesso punto: quello in cui gli chiudevano la bocca per sempre.
Layla lo precedette e raccontò di essere una domestica. Amedeo l'aveva ingaggiata per pulire la casa e poi le aveva offerto altri soldi per intrattenere suo cugino mentre stava lì. Siccome lei aveva davvero bisogno di quei soldi, aveva accettato.
Ora toccava a lui: raccontò la sua storia, partendo dalla telefonata di zio Sabatino. Spiegò perché era lì, ma non disse che era stato alla Camera di Commercio e che sapeva di tutto ciò che stava dietro la Cercasa. Le due visure stavano in una delle sue due borse, ma non era detto che le avrebbero trovate, almeno non subito, e magari nel frattempo lui avrebbe trovato una via d'uscita. Giustificò la sua presenza a Novate spiegando di aver preso dalla macchina di Amedeo i dépliant e di averci trovato in mezzo la busta indirizzata a Mara. Temeva che Amedeo non lo avrebbe fatto più lavorare se nella busta ci fosse stato qualcosa di importante, perciò si era deciso a rimetterla nella cassetta postale.
Ci faceva una figura da stupido, ma la storia filava e il tipo sembrava credergli; ma Mara disse all'improvviso: - Te lo dico io cosa qual era il suo lavoro. Fare la parte dell'Amedeo da qualche parte lontana mentre l'Amedeo tornava di nascosto e mi ammazzava. Io lo so come ragiona, quello. Già ha fottuto tutti una volta con quella storia del Panti, ora ha in mente lo stesso piano. -
- Sarà come dici tu, - rispose il tipo - ma adesso non posso decidere nulla. Devo sentire mio zio e gli altri. Ci troviamo questi due in mano e non possiamo farli sparire come niente. Se qualcuno si mette a cercarli, finiamo nella merda. Non posso decidere io da solo. Devono darmi una mano. -
- E allora? -
- Questa cazzo di casa non ha nemmeno un telefono. - disse il tipo - Vado a cercarne uno e li chiamo. Intanto, tienili d'occhio tu. -
- Ma mi lasci sola? -
- Sono legati, cazzo, di che hai paura? -
Mara non era molto convinta. Il tipo tirò di nuovo fuori il nastro adesivo e legò loro anche le caviglie. - Ecco, - disse - ora voglio vedere come non ce la fai a guardarli. -
- Sì, ma spicciati. - disse Mara - Questa situazione non mi piace per niente. -
Roberto Cocchis
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto