Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Giovanni Fenu
Titolo: Zibaldone del cinema italiano
Genere Saggio Storico
Lettori 214 2 2
Zibaldone del cinema italiano
Recensione del film - Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue - (1969)

Il Dottor Guido Tersilli fa carriera

Il film qui trattato è del 1969 ed è stato diretto da Luciano Salce; ha per protagonista Alberto Sordi che insieme a Sergio Amidei ne ha curato anche il soggetto e la sceneggiatura; si tratta in pratica del seguito de Il medico della mutua (1968) e vede, di fatto, il dottor. Guido Tersilli fare - carriera - divenendo il primario di - Villa Celeste - . Guido Tersilli (Alberto Sordi) è il primario di una prestigiosa clinica, - Villa Celeste - , che dirige col massimo scrupolo, tenendo in particolare considerazione spese, bilanci e convenzioni col risultato che le cure migliori sono riservate per chi ha i soldi e può pagare, a discapito di chi invece ha soltanto la convenzione mutualistica. Un'avidità, quella del primario, sostenuta anche dalla madre Celeste (Nanda Primavera) e che nulla riesce a scalfire, nemmeno le proteste dei medici che lavorano per lui, i quali – tra una lamentela e l'altra – cercano di fare quel che possono fino a quando arrivano al - punto di rottura - e decidono di andarsene in massa dalla clinica. Rimasto solo, il professor Tersilli decide di abbandonare l'avventura a - Villa Celeste - e tornare al suo originario impiego di medico di famiglia, sennonché il ritorno della madre da un intervento di chirurgia estetica in una clinica svizzera, suggerisce al dottore una nuova idea. Spronato anche dalla madre – - Tu hai perso tanti anni a curare i malati, ma sono i sani che devi curare - – Tersilli decide di fare suo, adeguandolo al proprio caso, il motto del chirurgo estetico Stroganoff - La vecchiaia e la bruttezza sono delle malattie che le mutue non vogliono riconoscere. Eppure giovinezza e bellezza sono un diritto di tutti - . Ecco quindi che - Villa Celeste - viene trasformata in un lussuoso ed attrezzato centro estetico per curare il benessere psicofisico, un nuovo tipo di clinica che, questa volta, non è convenzionata con le mutue.
- Inevitabile - , visto il grande successo di pubblico ottenuto l'anno prima, seguito de Il medico della mutua con un Sordi/Tersilli che qui fa carriera, consolidando quel cinismo e quella volontà di arrivare che erano già emersi nella pellicola del 1968. Tuttavia l'evidente incapacità del dottore, non abituato a un ruolo tanto impegnativo – sia dal punto di vista medico che economico – fa sì che ben presto l'esperienza di - Villa Celeste - si riveli a dir poco fallimentare. Se da un lato Salce – e con lui Sordi e Amidei – mettono ancora una volta in evidenza le - magagne - del sistema sanitario italiano dell'epoca, in particolare del sistema delle mutue, ben rappresentato dalla - tirchieria - col quale Tersilli gestisce le spese, prediligendo chi può pagare, dall'altra vi è, nel finale, la definitiva presa d'atto da parte di Tersilli che il vero business, paradossalmente, non è nel curare i malati, ma nel curare i sani.

- Il prof. dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue - (1969)
cast (attori principali):

Alberto Sordi
Ida Galli
Claudio Gora
Pupella Maggio
Giovanni Nuvoletti
Alessandro Cutolo
Nanda Primavera
Gino Lavagetto


Recensione del film - La classe operaia va in paradiso - (1971)

Capolavoro di Elio Petri con un grande Volonté

Uno fra i capolavori della cinematografia italiana, - La classe operaia va in paradiso - è un film del 1971 diretto da Elio Petri che lo ha anche scritto e sceneggiato in collaborazione con Ugo Pirro, pellicola vincitrice del primo premio al Festival di Cannes del 1972. Tema principale qui trattato è quello – come suggerisce il titolo – della classe operaia ed in particolare dell'alienazione dell'operaio, - stritolato - da un sistema produttivo portato sempre più agli estremi, tra ricorso al cottimo e all'ottimizzazione dei tempi di produzione, sino alle peggiori conseguenze. Protagonista del film è l'operaio Ludovico Massa – interpretato dall'ottimo Gian Maria Volonté – 31 anni e due famiglie da mantenere e già 15 anni di lavoro alle spalle presso la fabbrica B.A.N. - conditi - da due intossicazioni da vernice e un'ulcera. Stakanovista, strenuo sostenitore del cottimo, grazie al quale si può permettere beni di consumo come, ad esempio, l'automobile, - Lulù - – soprannome datogli dai colleghi – è, ovviamente, amato dai datori di lavoro che lo prendono a modello per stabilire i ritmi di lavoro, e odiato dai colleghi che scambiano la sua laboriosità per servilismo verso i padroni. Il duro lavoro di Lulù, lo porta a tornare a casa stremato e con appena la forza di mangiare, prima di crollare dalla stanchezza al punto che anche la sua relazione con la compagna Lidia (Mariangela Melato) ne risente. La vita di Massa continua quindi in una totale alienazione da tutto e tutti, al punto che l'operaio rimane sordo anche agli slogan di protesta urlati e scritti dagli studenti fuori dai cancelli della fabbrica. Una routine completamente assorbita dal lavoro che cambia all'improvviso, quando Lulù ha un incidente sul posto di lavoro che gli procura l'amputazione di un dito. L'incidente subito ha quasi un effetto - catartico - su Massa il quale inizia a prendere coscienza della sua alienazione e della misera vita che conduce, passando così dall'altra parte della barricata aderendo alle rivendicazioni più estreme di alcuni operai e degli studenti, al punto da porsi contro quello che adesso ritiene essere il ricatto del lavoro a cottimo. L'uomo si trova quindi ora immischiato nelle istanze di lotta del movimento studentesco e operaio fino a quando la situazione non precipita: a seguito di un violento sciopero generale, infatti, Lulù perde il posto di lavoro, venendo inoltre lasciato dalla compagna e abbandonato al proprio destino sia dagli studenti – i quali ritengono che il suo sia un caso individuale e non di - classe - – che dagli operai che almeno inizialmente non prendono iniziative nei confronti del loro collega. A questo punto Massa cerca inutilmente conforto andando a trovare l'anziano ex operaio Militina (Salvo Randone) da tempo finito in manicomio anche a causa dei frenetici ritmi di lavoro affrontati. Quando ormai tutto sembra perduto, i colleghi riescono, grazie all'intervento del sindacato, a far riassumere Lulù; il film si chiude con l'operaio in catena di montaggio che, a voce alta, racconta di un sogno che ha fatto, nel quale c'era Militina che a forza di testate riesce ad abbattere un muro al di là del quale, immersi nella nebbia, vi erano, oltre a lui, anche tutti gli altri operai.
Come detto, film capolavoro firmato da Elio Petri che affronta qui una tematica spesso dibattuta dalla cinematografia internazionale, quale l'alienazione dell'operaio, basti pensare, ad esempio, ad un film quale Tempi Moderni (1936) di Charlie Chaplin. Nella pellicola in esame, inoltre, abbiamo una duplice tematica che il regista porta sullo schermo: da un lato quella della già citata alienazione dell'operaio-macchina, dei suoi rapporti con i tempi di lavoro; quindi un film che entra nella fabbrica italiana degli anni Settanta del Novecento per raccontare tutto ciò. Dall'altro, abbiamo una narrazione che travalica i confini della fabbrica per accusare sia il movimento studentesco – troppo distante dai reali problemi degli operai – che i sindacati, ritenuti collusi con i padroni con cui concertano e decidono della vita degli operai stessi. Anche per ciò si spiega la fredda accoglienza che accolse l'uscita del film, in particolar modo dalla sinistra italiana, sia dalla classe dirigente che dalla critica cinematografica. Un'accoglienza che lo stesso Petri, non a caso commentò così: - Con il mio film sono stati polemici tutti, sindacalisti, studenti di sinistra, intellettuali, dirigenti comunisti, maoisti. Ciascuno avrebbe voluto un'opera che sostenesse le proprie ragioni: invece questo è un film sulla classe operaia - .

- La classe operaia va in paradiso - (1971) cast (attori principali):

Gian Maria Volonté
Mariangela Melato
Salvo Randone
Giovanni Fenu
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto