Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Giovanni Montanaro ha esordito con il romanzo La Croce Honninfjord (2007, Marsilio, segnalato nel 2006 alla XIX edizione del Premio Italo Calvino). In seguito ha pubblicato Le conseguenze (2009, Marsilio) e Tutti i colori del mondo (2012, Feltrinelli) che è stato finalista al Premio Campiello. Ha poi scritto Tommaso sa le stelle (2014, Feltrinelli), Guardami negli occhi (2017, Feltrinelli) e Le ultime lezioni (2019, Feltrinelli). Il suo ultimo libro è Il libraio di Venezia edito da Feltrinelli, 2020.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Manuel Barberini
Titolo: Protagonisti della Mezzanotte
Genere Fantasy Horror
Lettori 260
Protagonisti della Mezzanotte
Vampiri, Stregoni, Divinità e altre creature che non vedrete mai
Maximilian aprì gli occhi, come ogni notte, non appena la luce del sole divenne un flebile ricordo violaceo all'orizzonte. Era particolarmente di cattivo umore; lo era sempre, ma quella sera si svegliò decisamente con il piede sbagliato, come presagendo che qualcosa non andava. Scostò lentamente il lenzuolo che lo copriva, sospirando seccato, rivelando il suo corpo, bloccato come in un'istantanea, per sempre fisso alla fine dell'adolescenza, con addosso solo un paio di anonimi boxer neri di tessuto elastico.
- Signore? - chiese all'improvviso una voce maschile fuori dalla porta - È sveglio? -
"È di importanza vitale o può aspettare?" chiese Maximilian, dopo aver sospirato pesantemente.
- Signore, - disse la voce fuori dalla porta della camera, dopo un sospiro - temo che sia molto importante. Suo Padre ha... Inviato una missiva, personalmente indirizzata a lei, tramite uno dei suoi servitori. Una missiva su foglio di pergamena. -
Espirò pesantemente, sedette sul letto per un momento poi coprì rapidamente la distanza tra il letto matrimoniale e la porta, la aprì con una sorta di affettata seccatura, di composto fastidio, affrontando lo sguardo del suo servitore, il quale era ormai da tempo abituato a eventuali momenti di stizza del suo padrone, per quanto rabbioso potesse sembrare, per quanto taglienti potessero essere le sue risposte, Maximilian Papadopoulos aveva ancora in sé quel briciolo di buon senso sufficiente a impedirgli di dilaniare i suoi attendenti in un accesso d'ira. Non era uno sprovveduto, sapeva bene quanta energia e quante risorse richiedessero trovare e formare uno staff adeguato alle proprie esigenze, e intendeva farlo il minor numero di volte possibile, nel corso della sua lunga vita. Questo non significava che Maximilian valutasse con leggerezza le mancanze e le conseguenti punizioni, ma era meno bizzoso o lunatico di tanti altri.
Daniel Ross, capo del personale di Maximilian Papadopoulos, era un uomo attorno ai quarant'anni, dall'aspetto tutt'altro che speciale, gradevole alla vista ma non abbastanza da essere memorabile, il tipico statunitense di radici europee, abbastanza carismatico da sembrare un attore di pubblicità televisive, non abbastanza da sembrare un attore di cinema. L'uomo originariamente era stato adescato dal bell'aspetto giovane, puro e innocente di Maximilian, che dimostrava al massimo vent'anni, non molto alto, fisico snello e, all'occorrenza, aria impacciata da ragazzino che non sa nulla della vita, capelli biondo platino palesemente ossigenati e occhi chiari. Aveva scoperto tardi la verità su Maximilian, che si era rivelato essere molto più vecchio, saggio, scaltro e informato di lui su molte cose. Sapeva della... Passione che Daniel nutriva per i ragazzi molto giovani, alle volte quasi troppo giovani, sapeva anche dell'accusa di adescamento di minore da cui Daniel era stato assolto, poco prima del loro incontro, sapeva che quel verdetto aveva indisposto molte persone, le quali avevano dimostrato l'intenzione di farsi giustizia da sole e si sa, le forze dell'ordine usualmente non si sprecano nel difendere soggetti imputati di tali accuse dalle ritorsioni dei vicini, a prescindere dalla effettiva colpevolezza. Erano passati anni ma, entrambi ne erano certi, nessuno aveva dimenticato. Maximilian gli aveva quindi proposto un patto, un contratto che comportava protezione e ingenti retribuzioni, ma anche conseguenze drastiche in caso di volontaria diffusione di informazioni sensibili riguardanti Maximilian. Segreti molto gravosi da mantenere; il fatto che il suo nuovo capo era un vampiro, ad esempio. I vampiri non solo esistevano, ma erano organizzati in tre Fazioni: la Mimesi, i buoni, da quel che aveva capito Daniel, la Nemesi, che voleva uccidere tutti e soggiogare gli umani, infine l'Antitesi, che si faceva gli affari propri, cosa che evidentemente seccava molto le altre due fazioni. C'erano poi i Ribelli, vampiri sparsi che volevano vivere in serenità, lontano dalle lotte e dagli obblighi delle loro Fazioni, e questo indisponeva tutti. Poi erano divisi in Famiglie, ma quel concetto non lo aveva capito bene, ogni Famiglia aveva un ruolo specifico nella Fazione in cui si trovava, Maximilian ad esempio era un Maimonides, i Maimonides erano i Nobili della Mimesi, si occupavano di business, politica e secondo alcuni di fornire una guida morale per la Mimesi, o meglio un codice di condotta da rispettare. Ce n'erano altre, quattro Famiglie per ogni Fazione, ma Daniel non si era curato di prendere appunti, né di chiedere ulteriori informazioni, scioccato com'era da quelle poche, tutto sommato semplici, verità. Altra verità importante, gli umani potevano consumare sangue vampirico, bevendolo avrebbero guadagnato benefici fisici quali una maggiore forza e resistenza, oltre a un rallentamento considerevole del processo d'invecchiamento. Ciò che Daniel non sapeva, era che quella pratica rendeva gli umani dipendenti dal sangue vampirico, nonché particolarmente fedeli e legati sentimentalmente, in certo modo, al donatore. Nel corso degli anni, avendo a che fare con la vita del suo signore, aveva scoperto che quelli erano davvero dettagli, minuzie tutto sommato secondarie. Gestiva parte delle comunicazioni, dei messaggi e degli appuntamenti del suo signore, venendo a conoscenza di fatti e retroscena a dir poco compromettenti. Maximilian gli aveva ricordato più volte che, come da contratto, lo avrebbe consegnato lui stesso a chi lo voleva morto, se avesse tradito la sua fiducia, e avrebbe saputo ben prima che lo facesse, se avesse avuto di intenzione di tradirlo. Daniel non stentava a crederlo.
Maximilian fissò Daniel negli occhi, freddo.
"Che aspetto aveva il suo servitore? - chiese Maximilian prendendogli di mano la lettera, un foglio di pergamena sigillato a ceralacca con un timbro blasonato, dimenticandosi quasi istantaneamente della presenza di Daniel - Non può semplicemente mandarmi una email criptata? Gliel'ho insegnato due settimane fa. La prossima volta che si lamenta che non imparo abbastanza in fretta giuro che... - si allontanò, borbottando tra sé e sé.
- Il servitore che il suo eminente genitore ha mandato era Morgan Czinka, credo, signore. Quello bravo a nascondersi, sempre vestito di nero, cappuccio calato, Famiglia... Solti? Un Reietto, se ricordo bene. -
Maximilian ebbe un inconscio moto di fastidio nel sentire la parola "Reietto", poi sospirò pensoso.
- Cortesemente, preparami una tenuta... Informale, giovanile, che però lasci trasparire un certo agio. Raffinata, ma giovane. -
- Subito, signore. - disse Daniel, congedandosi.
Maximilian osservò per qualche attimo la lettera chiusa, poi spezzò il sigillo e la aprì, rivelando un breve testo scritto in greco:
"Caro Maximilian,
Vorrai perdonare la foggia antica di questo messaggio ma conosci bene il mio gusto per queste cose, oltre alla mia poca fiducia, tipica delle persone anziane come me, nella tecnologia moderna.
Temo pressioni dall'alto per il comportamento del gruppo di Ribelli che si è stanziato in zona, al quale chiaramente nessuno sta prestando attenzione, poiché mi pare di capire siano tutti troppo impegnati in affari mondani per preoccuparsi della stabilità della propria dimora.
I dati raccolti dalle mie conoscenze sono sconcertanti, e voglio immaginare che tu non abbia già agito per cambiare la situazione perché sei stato molto impegnato tra i tuoi locali e le eventuali immancabili seccature provocate dai residenti del Dominio.
Ora che ho portato alla tua attenzione questo fatto, sono certo che, a differenza loro, tu saprai gestire la questione nel migliore dei modi.
Vorrei che notassi l'assenza di opzioni nella missiva che hai appena letto.
Non preoccuparti, non sono arrabbiato.
Sinceramente,
A.A.M."
Maximilian inspirò alla capacità massima dei suoi polmoni, poi rilasciò un secco e breve Oh mio Dio! che evocò quasi immediatamente Daniel.
- Signore? - chiese il maggiordomo, visibilmente preoccupato.
Maximilian emise un lungo sospiro, poi lo guardò.
- Se ti dicessi che sei estremamente fortunato, perché nonostante io sia difficile da trattare, e te lo concedo che sono difficile da trattare, non sono nulla, nulla! Nulla, rispetto agli Anziani, mi crederesti? -
Daniel, il cui volto impassibile celava le maledizioni che stava pronunciando dentro di sé verso Maximilian, rispose prontamente.
- Le crederei senza neanche doverci pensare, signore. La sua tenuta, nonostante la piccola ischemia cardiaca che mi ha appena causato, è pronta. -
Maximilian sospirò dopo un attimo, guardando dritto davanti a sé, poi annuì.
- Probabilmente non tornerò prima della fine della notte. Potete rilassarvi un po'. -
Manuel Barberini
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto