Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Grazia Verasani si diploma all'Accademia dell'arte drammatica all'età di vent'anni. Le sue prime esperienze avvengono col Teatro Stabile dell’Aquila e col Teatro Stabile di Torino. Dopo l'incontro con Tonino Guerra, che la incita a scrivere, nel 1987 pubblica alcuni dei suoi primi racconti grazie a Roberto Roversi, che definisce la sua scrittura "immaginifica". Il suo romanzo più conosciuto è "Quo vadis baby?" da cui è stato tratto il film omonimo, con la regia di Gabriele Salvadores. Nella sua ultima opera "Come la pioggia sul cellofan" continua a raccontare la storia di Giorgia Cantini.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Dominik G. Cua
Titolo: Ghost Hunters
Genere Dark fantasy Paranormale
Lettori 938 7 5
Ghost Hunters
Il villaggio maledetto.

La camminata nel bosco fu difficile e stancante, oltre che pericolosa, ma alla fine Blake e gli altri erano riusciti a raggiungere il loro obiettivo.
In quel momento i quattro si trovavano davanti all'unico edificio che non avevano ancora avuto modo di perlustrare, poiché situato in un luogo pressoché inaccessibile, un edificio imponente: la dimora in cui più di cinquecento anni prima alloggiavano le tre streghe, all'interno della quale venivano compiuti rituali ai danni della gente del villaggio.
- Questo posto mette i brividi - disse Erin, stringendosi ad Ashling.
- Mi chiedo chi ci vivesse in origine, prima dell'arrivo delle streghe - rispose Ashling.
Quest'ultima si sentiva osservata e dall'espressione che vide sul volto di Blake intuì che doveva essere lo stesso anche per lui. Eppure tutto taceva e, seppur l'atmosfera di quel posto stesse diventando pesante, non c'erano forme di vita nel bosco.
Diedero una rapida occhiata all'esterno, girando attorno all'intera struttura per accettarsi delle sue dimensioni: aveva due piani, salvo la presenza di sotterranei e la sua imponenza li fece rassegnare al fatto che avrebbero dovuto passarci molto più tempo del previsto, prima di riuscire a perlustrarne ogni centimetro.
- E anche qui, ovviamente, le finestre sono sbarrate - borbottò Allan, rassegnato a doversi di nuovo muovere al buio. - Ma non esistevano le bollette della luce in quell'epoca? O erano vampiri? -
Poiché all'esterno non c'era nulla di rilevante e, per loro fortuna, non c'erano neppure spettri nei paraggi, decisero di entrare nella dimora. Rifecero il giro e si diressero verso l'ingresso, ma Blake si fermò un istante prima di raggiungerlo, poiché aveva colto un movimento con la coda dell'occhio. Si voltò e notò che, seduto su un masso ai margini del bosco, c'era un piccolo gatto nero che lo fissava immobile coi suoi occhi lucenti: era lo stesso che aveva visto al villaggio pochi giorni prima.
- Blake, hai visto qualcosa? - domandò Ashling, seguendo la direzione del suo sguardo.
Blake le rivolse un'occhiata e vide che il gruppo si era fermato, prima di risponderle si voltò di nuovo verso il masso, ma il felino era sparito.
- Niente di importante, andiamo. -
Raggiunta la facciata principale della dimora, si fermarono perplessi: la porta era aperta.
- Vi chiederei se qualcuno di voi l'ha aperta prima di cominciare a camminare attorno all'edificio, ma ho paura della risposta, quindi rimarrò in silenzio - esclamò Allan con enfasi, alzando il pollice e mostrando i denti in un freddo sorriso.
Rimasero ancora immobili a una distanza di almeno cinque passi dall'ingresso, a scrutarne l'interno, ma non videro altro che oscurità.
- Cosa facciamo noi quando degli spiriti ci invitano a entrare in casa loro? - domandò Blake ghignando.
- ...Scappiamo come se avessimo il posteriore in fiamme? - rispose Allan speranzoso.
- No. -
- Diamo fuoco alla casa? -
- No... -
- Ci facciamo rinchiudere in manicomio? -
- Allan... -
- Mi scappa la pipì. -
- ...Entriamo. -
Ma Erin e Ashling, stanche di ascoltare i deliri di Allan, erano già di fronte all'ingresso e con le torce in mano a illuminare l'interno. Come immaginavano, quel posto era tetro e tutt'altro che accogliente. Il vecchio mobilio dell'ampio salone principale era distrutto o rovesciato, i resti di alcuni talismani e altri oggetti magici erano sparsi ovunque, i pavimenti erano coperti da uno spesso strato di polvere e l'aria era impregnata di un odore malsano.
Non potevano permettersi di consumare le pile delle torce, così Blake e Allan si diedero da fare per rimuovere le assi che sbarravano le finestre e fecero entrare un po' di luce.
- Ora va meglio - si rallegrò Ashling mettendo via la torcia. - Ma questo posto è messo peggio di quel che pensavo... -
- Pare che gli abitanti del villaggio lo abbiano messo a soqquadro dopo il processo delle streghe, mi chiedo però perché non l'abbiano dato alle fiamme - rispose Blake guardandosi attorno.
- Credo che ci abbiano provato... -
Fu Erin a parlare, era appena uscita da una piccola stanza e aveva gli occhi lucidi e spaventati, il respiro pesante. Si avvicinarono a lei e, prima di riuscire a chiederle cosa avesse visto, questa indicò la stanza con un dito tremante e gli altri entrarono titubanti. A giudicare dalle dimensioni ridotte, doveva trattarsi di un ripostiglio, ma anziché manici di scopa e altri utensili, c'erano i cadaveri di due uomini a terra e con la schiena contro la parete ammuffita. Ashling trasalì e tornò da Erin, mentre Blake e Allan, scossi dalla scoperta, osservarono con attenzione i cadaveri: indossavano abiti da contadino e i loro corpi erano ben conservati.
Quegli uomini erano di sicuro abitanti del villaggio ed erano in quel ripostiglio da oltre cinquecento anni.
- Guarda i volti - disse Allan serio.
Quei volti erano la cosa più angosciante, poiché gli occhi e la bocca erano spalancati in un'espressione di puro terrore. Notarono che vicino alle loro mani c'erano delle fiaccole spente e si chiesero se i due malcapitati avessero provato, come aveva supposto Erin, ad appiccare un incendio in quella dimora o se fossero in perlustrazione, ignari del destino a cui stavano per andare incontro.
Ma cosa li aveva uccisi? Possibile che fossero davvero morti di paura? Sul corpo non avevano ferite di alcun genere.
Cos'avranno visto di così spaventoso da finire addirittura tra le braccia della morte? si chiese Blake.
- Hanno visto gli spiriti delle streghe che avevano arso appena un giorno prima - disse Ashling, di ritorno, come se avesse captato i suoi pensieri. - Ho avuto un altro flash... Trovarsi di fronte a qualcuno che hai ucciso deve essere un vero shock, i loro cuori non hanno retto. -
Blake osservò ancora per alcuni istanti i corpi e sospirò.
- Tu ed Erin continuate a perlustrare questo posto, io e Allan daremo loro una sepoltura. -
Non ammise obiezioni da parte di quest'ultimo e, appena le due si furono allontanate, si avvicinò con il ragazzo ai corpi, ma erano riusciti appena a sfiorarli quando questi cominciarono a disintegrarsi sotto i loro occhi e all'interno della dimora riecheggiarono urla atroci che non cessarono finché i corpi non si furono dissolti del tutto.
- Cos'è successo? -
Erin e Ashling erano accorse preoccupate e rimasero sorprese nel non vedere più i cadaveri.
- Era solo l'eco delle urla lanciate poco prima di morire - rispose Blake, rivolgendo un'ultima occhiata alla zona in cui fino a un attimo prima giacevano i corpi.
Lasciarono la piccola stanza ormai coperta da nient'altro che un mucchio di piccoli brandelli di vecchi abiti e cominciarono a controllare le varie stanze della dimora.
Poiché Blake non avvertiva la presenza di spiriti nei dintorni, propose di dividersi e cercare qualsiasi cosa potesse aiutare in qualche modo, anche cibo e vivande varie, dopo di che andarono tutti in stanze diverse. Dal momento che quella dimora era di dimensioni tutt'altro che modeste, ci sarebbero volute diverse ore per perlustrarla da cima a fondo e ciò giocava a loro sfavore, visto che avrebbero dovuto tornare al villaggio prima dell'imbrunire. Non avevano la minima intenzione di rimanere in quel posto più del dovuto.
Mentre Blake e Allan perlustravano il piano inferiore, Ashling ed Erin si stavano occupando di quello superiore.
- Ashling, vieni a vedere! -
La ragazza la raggiunse in fondo a un breve corridoio, sul quale si affacciavano tre porte che, a giudicare dalla disposizione delle pareti, celavano delle stanze di dimensioni rilevanti.
- Hai trovato qualcosa? - domandò Ashling.
Erin le sorrise, aprì una delle porte e fece entrare la compagna, questa rimase meravigliata da ciò che aveva di fronte: una camera con un grande letto a baldacchino a due posti, attorno al quale c'erano alti armadi antichi e mobilio di ogni genere.
- Le altre due camere sono molto simili a questa - esclamò Erin. - Purtroppo non è ciò che ci serviva, ma volevo mostrartele a tutti i costi. -
- Sono magnifiche - rispose Ashling, sincera.
A dispetto delle altre stanze della dimora, polverose e decadenti, le camere da letto erano ben ordinate e pulite. Corsero subito ad aprire gli armadi e ne prelevarono lunghi abiti immacolati appartenuti alle sorelle.
- Be', almeno avevano buon gusto nel vestire. -
Risero e rimisero gli abiti al loro posto, dopo di che frugarono in ogni cassetto presente, in cerca di indizi o altro che potesse rivelarsi utile. A mano a mano che perlustravano le stanze, rimuovevano anche le assi dalle finestre, così da far filtrare la luce e rendere più piacevole quel posto tetro.
- Guarda, ho trovato qualcosa che potrebbe interessarti - riprese Erin.
Ashling si avvicinò e le si illuminarono gli occhi a vedere un cassetto pieno di pietre di azzurrite, opale nero, occhio di tigre, ametista e molto altro. Le maneggiò a una a una e ne sentì le energie che emanavano, Erin era al corrente di quanto Ashling adorasse quelle pietre e quest'ultima desiderava portarle via con sé.
- Non posso portarle via... Anche se le proprietarie sono scomparse da molto tempo, si tratterebbe comunque di un furto. -
Si rammaricò ed Erin le sorrise, accarezzandole il viso.
Dominik G. Cua
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto