Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Grazia Verasani si diploma all'Accademia dell'arte drammatica all'età di vent'anni. Le sue prime esperienze avvengono col Teatro Stabile dell’Aquila e col Teatro Stabile di Torino. Dopo l'incontro con Tonino Guerra, che la incita a scrivere, nel 1987 pubblica alcuni dei suoi primi racconti grazie a Roberto Roversi, che definisce la sua scrittura "immaginifica". Il suo romanzo più conosciuto è "Quo vadis baby?" da cui è stato tratto il film omonimo, con la regia di Gabriele Salvadores. Nella sua ultima opera "Come la pioggia sul cellofan" continua a raccontare la storia di Giorgia Cantini.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Victory Storm
Titolo: Non sono come tu mi vuoi
Genere Romance
Lettori 288 3 3
Non sono come tu mi vuoi
- E non vi ho detto l'ultima! Ivan aveva ragione a dire che Luigi chiamerà un temporary manager. So che arriverà a breve. Me l'ha detto Stella, la figlia - , ci informò Patricia.
- Chissà chi è. -
- Si chiama Stefan Clarke. -
Al suono di quel nome stropicciai un fiore che stavo infilando nel vaso sul comodino.
- Ne sei sicura? - , sussultai agitata e con la mente affollata dalle immagini del mio ex ragazzo di sette anni prima.
- Sì. Me l'ha detto pochi minuti fa e sai che ho un'ottima memoria con i nomi - , mi rispose Patricia.
- Oh Dio! -
- Lo conosci? - , comprese Breanna.
- È un mio ex. -
- Stai scherzando? - , gridarono in coro le mie due colleghe.
- Sono stata con Stefan sette anni fa. Ero solo una ragazzina all'ultimo anno di liceo e lui era più grande di me di tre anni. Siamo stati insieme solo sei mesi, ma... -
- Questa può essere un'arma a doppio taglio, lo sai? - , mi disse Breanna.
- Mi licenzierà? - , sussurrai a bassa voce con la tremarella addosso.
- Dipende. È lui che ti ha lasciata? -
- Sì. -
- Allora puoi far leva sul suo senso di colpa e sul fatto che ti ha spezzato il cuore. -
- Ma la colpa è mia. Gli ho fatto perdere il posto di la-voro a causa della mia stupidità. -
- Allora sei fregata! -
- Tu dici? -
- Si vendicherà. Questo è ovvio - , s'intromise Patricia. - Io ti consiglio di rimanere lontana da lui il più possibile. Magari mettiti in malattia. -
- Credo che lo farò - , mi ritrovai a dire, sentendo la pressione e l'ansia crescere dentro di me.
Erano passati sette lunghi anni. La storia che avevo avuto con lui aveva segnato la mia vita e ancora oggi sentivo che incideva sulle mie scelte e sulla durata delle mie relazioni.
Mi vergognavo a dirlo, ma la storia con Stefan era stata la più lunga della mia vita. Sei mesi erano stati sempre il mio massimo.
- Beh, tu non puoi salvarti da lui, ma puoi almeno aiutarci a salvare noi stesse? -
- In che modo? -
- Parlaci di lui. -
- Sono passati sette anni... -
- Com'è? Che tipo è? Non voglio farmi cogliere impreparata e vorrei fargli una buona impressione - , mi bersagliò di domande Patricia.
- Avvisaci almeno se c'è qualcosa che è meglio non fare o dire in sua presenza - , si accodò Breanna.
Non spogliarti davanti a lui sul posto di lavoro con il suo capo che vi guarda, per cominciare.
- È passato moltissimo tempo, ma penso che possiate stare tranquille. Stefan è uno di quei tipi un po' allampanati, alti e magri. È castano chiaro e con gli occhi nocciola. Ha un bel viso, con dei lineamenti dolci. Ricordo che era molto gentile e affettuoso. Un pezzo di pane, insomma. -
- Uno che non farebbe del male neanche a una mosca - , cercò di capire Breanna.
- Sì, esatto. Con lui non dovete temere nulla! Ricordo che era incapace di dire di no, a parte a me quando si trattava di lavoro. Inoltre, non era un tipo severo o cattivo. -
- Uno smidollato, insomma. -
Ridacchiai imbarazzata. Sentivo che non stavo descrivendo Stefan nel modo giusto, ma avevo paura di dire qualcosa di brutto che avrebbe potuto mettere in difficoltà sia lui che loro.
- Ottimo! Difetti? - , mi chiese ancora Breanna.
- Si agita facilmente e, quando succede, tende a gesticolare molto - , ricordai con una vena di nostalgia.
- Smidollato ed impacciato! Perfetto! Uno così ce lo mangiamo a colazione! - , rise divertita Patricia, finendo di rimboccare le coperte, mentre io portavo l'ultimo vaso sul comò.
- Stavate parlando di me? - Una voce maschile ci arrivò alle spalle facendoci sussultare tutt'e tre.
- Scusi, lei chi è? - , gli domandò Breanna, mentre io ri-conoscevo l'uomo misterioso di prima.
- Stefan Clarke - , le rispose lui con quella voce bassa e ruvida che tanto m'incuriosiva.
L'idea che avesse sentito ciò che avevo appena detto mi fece raggelare, ma sospirai sollevata e mi avvicinai.
- Stavamo parlando di un'altra persona. Un suo omo-nimo, suppongo. -
- Ne sei sicura, Eliza? - , mi provocò togliendosi gli occhiali da sole.
Quando i suoi occhi nocciola, con striature verdi e oro, socchiusi in un'espressione di rabbia repressa, si scontrarono con i miei, rividi Stefan. Il mio Stefan!
Dallo shock, mi scivolò di mano il vaso che si frantumò ai miei piedi.
- Allora ti ricordi di me - , mi sussurrò vicino, pugnalandomi con il suo sguardo feroce e minaccioso.
- Sei cambiato - , riuscii solo a dire.
- In meglio o in peggio? -
Io volevo indietro il mio dolce ed impacciato Stefan, con i capelli spettinati e corti, lo sguardo gentile e il viso angelico sempre perfettamente sbarbato. Quello non era il mio Stefan.
Quell'uomo davanti a me non aveva nulla di ciò che mi piaceva del mio ex.
Il mio Stefan mi avrebbe fatta sentire a mio agio, men-tre questo nuovo Stefan mi faceva solo sentire piccola ed insignificante, come un insetto da calpestare.
- Non lo so - , mi limitai a rispondere, ma dall'espressione di Breanna compresi di aver detto la co-sa sbagliata.
- Bene. Vedo che invece tu non sei cambiata per niente. Ora, ti consiglio di pulire in fretta questo casino e di servire quei clienti laggiù, invece di perderti in chiacchiere inutili. Ora che sarò temporaneamente il tuo capo, non ti permetterò più di far perdere tempo e denaro a quest'azienda. Non sei qui per perderti in ciance, ma per essere una valida risorsa per questo negozio, quindi comportati come tale. Mi sono spiegato? -
Annuii silenziosamente.
Non sapevo se essere più sconvolta per le sue parole o per il tono duro, inflessibile e sprezzante con cui si stava rivolgendo alla sottoscritta.
Lo Stefan di sette anni prima non avrebbe mai osato parlarmi in quel modo.
Che cosa ti è successo, Stefan?
- Ah, Eliza? - , mi richiamò, dopo avere girato i tacchi per andarsene.
- Sì? -
- Farò detrarre il costo del vaso dal tuo stipendio. -
- Che cosa?! Ma non è giusto. È stato un incidente. -
- Quindi non te ne assumi la responsabilità? - , mi sfidò con gli occhi ridotti a due fessure minacciose.
- Non ho detto questo, ma se tu non... -
- Basta così! Stai solo rendendo ancora più facile il mio lavoro qui dentro. Ora saprò da chi partire, quando pre-senterò la mia lista riguardante il taglio del personale. -
- Tu ti stai solo vendicando! - , esplosi arrabbiata.
- Distruzione di proprietà dell'azienda e scenate fuori luogo davanti alla clientela. C'è altro? - , mi disse inizian-do a scrivere sul suo cellulare e indicandomi una coppia di clienti a poca distanza da noi. - Ora vediamo se riesci almeno a concludere una vendita. -
- Ma mi hai appena detto di pulire! - , balbettai, incapace di reagire al suo attacco. Ero troppo sconvolta per op-pormi e non ebbi la prontezza di rispondergli a tono co-me facevo di solito quando qualcuno mi stuzzicava.
- Muoviti. -
- Andiamo noi a servire quei clienti - , si offrirono Patricia e Breanna al culmine dell'imbarazzo, pronte a dileguarsi.
M'inginocchiai a raccogliere i pezzi del vaso, facendo attenzione a non tagliarmi. Ci mancava solo che macchiassi di sangue il pavimento o i tappeti sparsi per tutto lo showroom.
Non ebbi nemmeno il coraggio di alzare lo sguardo, quando vidi Stefan allontanarsi.
Sentivo solo i suoi passi intorno a me.
All'improvviso, vidi un'ombra vicino al mio viso.
Stefan era posizionato dietro di me. Si era abbassato e il suo viso sfiorava il mio.
Non riuscivo a muovermi a causa della tensione, men-tre la sua barba sfiorava la mia testa.
- Sono ancora uno smidollato impacciato? - , mi soffiò all'orecchio.
- Io non l'ho detto. -
- Ho sentito ciò che hai detto su di me. -
- Allora mi sono espressa male. -
- Non importa. Avrai tempo per aggiustare il tiro e capi-re davvero chi hai di fronte. -
- Sicuramente non lo Stefan di sette anni fa. -
- Quello che hai fatto licenziare. -
- Ce l'hai ancora con me per quella storia, vero? Ti avrò chiesto scusa mille volte e poi sei sparito. -
- Mi sono trasferito a Londra e ora ho un'agenzia di temporary management. Quel fatidico licenziamento è acqua passata. -
- Allora perché ho la sensazione che tu ti stia vendicando? -
- Non mi sto vendicando. Voglio solo farti provare ciò che mi hai fatto vivere tu anni fa. -
- Questa è vendetta! -
- Tu sei una preda troppo facile per poter parlare di vendetta. Ancora un passo falso e ti faccio licenziare prima della fine della giornata. Con te non devo neanche sforzarmi di pianificare un modo per sbatterti fuori, per-ché ci penserai tu da sola. Al contrario di me, tu non sei cambiata per niente. Sei sempre la solita irresponsabile, frivola e disattenta ragazza di allora. -
- Non è così. Anch'io sono cambiata. -
- Ne dubito - , mi rispose gelido, alzandosi e andandosene lontano da me.
Avrei voluto scoppiare a piangere.
Non era così che volevo cominciare la giornata.
Non era così che avevo sempre sognato di mostrarmi a lui, se un giorno l'avessi rivisto.
Dopo la nostra rottura, mi ero fatta una promessa e l'avevo mantenuta.
Non ero più quella testa calda di tanti anni prima.
Victory Storm
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto