Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Giampiero Momi
Titolo: 11 giorni
Genere Narrativa Thriller
Lettori 541 7 6
11 giorni
L'uomo era seduto alla scrivania e la sua immagine era riflessa sullo schermo del PC spento.
Come ogni sera di quella settimana era rientrato tardi dal laboratorio. Si era fermato da Mario all'angolo della strada, unico esercizio della zona che rimaneva aperto fino a tarda ora. Aveva comperato una bottiglia di Aberlour 16 anni, una scatola di toscanelli, scambiato un cordiale saluto con il padrone del negozio con il quale, da anni ormai, esisteva una complice intesa fatta di brevi frasi e lunghi silenzi.
Aprendo la porta di casa e gettando le chiavi sul piatto di cristallo posto sulla consolle d'ingresso, aveva aspirato profondamente, a occhi chiusi, quell'intenso odore di antichi arredi di cui aveva amato circondarsi negli ultimi anni. Un pezzo dopo l'altro aveva fatto ingresso in quella casa, trovando poi la propria giusta collocazione in ognuno degli ambienti dell'abitazione, quasi fosse stato fabbricato appositamente per andare a occupare quella posizione in cui Rayan lo aveva disposto. Dipinti, arredi, accessori, tutti scelti con cura negli anni passati, alcuni addirittura inseguiti alle aste di New York oppure acquistati in gallerie europee, soprattutto inglesi, francesi, viennesi e svizzere.
Si soffermò dinanzi all'ultimo acquisto della sua collezione: un'opera su garza e cartone di Rauschenberg, uno dei massimi rappresentanti dell'arte informale americana del ventesimo secolo, fissata su un grande pannello di quasi due metri di altezza per uno di larghezza, della serie cosiddetta - egiziana - , che impegnava l'intera parete dell'ingresso. Gli era costata un occhio della testa quell'opera che proveniva addirittura dal Museo d'arte contemporanea di St. Louis.
Poi era salito al piano superiore, aveva accuratamente riposto cappotto, sciarpa, guanti e cappello nel mobile antistante la camera, si era quindi spogliato gettando gli abiti sul letto, ed era entrato in bagno per la consueta doccia serale. Quello era il momento di massimo relax per Rayan, al quale non avrebbe rinunciato per niente al mondo. L'ebbrezza dell'acqua che gli scivolava sul corpo e da cui si sentiva avvolto in un appagante abbraccio gli ricordava ogni volta le mani di lei che scorrevano indagatrici sul suo corpo. Ebbe un sussulto e gli occhi gli si riempirono di lacrime.
Ora, seduto davanti al PC, aspirava con profondi tiri il sigaro, appoggiandolo poi di volta in volta sul portacenere francese comprato durante l'ultimo viaggio a Parigi tre mesi prima, al mercatino delle pulci di Saint-Ouen che lei voleva sempre visitare, insieme all'immancabile attraversamento di un'arcata della base della Tour Eiffel che rappresentava, diceva, il suo inno alla vita, l'urlo della sua eterna giovinezza.
Il gusto dell'Aberlour era morbido come i baci di lei che attraverso la bocca gli entravano dentro e scorrevano con il sangue.
Guardò ancora la sua immagine riflessa nella penombra della stanza, avvertì il freddo del cilindro metallico e premette il grilletto.

New York, undici giorni prima

L'ispettore Banks del dipartimento di polizia Lower East Side era sul posto già da un quarto d'ora e aveva il suo bel daffare per bloccare il giornalista del Washington Post che per primo aveva raggiunto il parco insieme al suo collega fotografo. Per di più la scientifica stava già procedendo a effettuare i primi rilevamenti sul corpo della giovane donna, e Banks non poteva consentire alcuna intrusione che intralciasse l'azione della polizia.
La pioggia insistente che già da molte ore cadeva sulla città non contribuiva certo a facilitare le operazioni del personale addetto. Il buio, che aveva già steso la sua coltre su Manhattan alle 18.30 di quel pomeriggio di dicembre, indubbiamente aveva favorito l'aggressione da parte dell'assassino.
Le auto dell'Nypd con le luci blu e rosse accese avevano bloccato gli accessi dalla MacDougal e dalla Waverly alla parte nord del Washington Park e dalla Quinta verso l'Arco.
La segnalazione era giunta da un barbone fortemente alticcio che era addirittura inciampato nel corpo della donna, cadendole addosso. Il barbone si era preso un grande spavento e aveva cominciato a correre prima in una direzione e poi in quella opposta, scivolando e cadendo sui vialetti resi viscidi dalle ultime foglie autunnali cadute dagli alberi. Attraversando di corsa la strada era stato quasi investito da un taxi che aveva tentato di fermare in qualche modo, urlando che lì, tra i cespugli, c'era un morto.
La polizia non aveva impiegato molto a intervenire. Banks era terribilmente scocciato. Era già pronto per andare a casa quando era arrivata la chiamata. Il turno era finalmente finito e, dopo una notte insonne in cui era stato cooptato in servizio a causa di una sparatoria tra balordi avvenuta la sera prima ai docks che aveva addirittura messo in subbuglio il personale di due distretti, non vedeva l'ora di sdraiarsi davanti alla TV con una lattina di birra gelata in mano. Magari due. Poi avrebbe chiamato al telefono Lou e l'avrebbe invitata per quella sera. Si sarebbe fatto massaggiare la schiena dalle esperte mani della ragazza e poi lui l'avrebbe baciata e avrebbero fatto l'amore. Pensava proprio che prima o poi l'avrebbe sposata perché Louise era la classica donna con cui farsi una famiglia. Invece i suoi progetti per la serata erano andati all'aria.
Quel cadavere rinvenuto nel parco significava per lui ancora duro lavoro. Meno male che un collega lo avrebbe presto sostituito per la notte. E se intorno avesse visto un reporter, giurava a se stesso, lo avrebbe preso a calci nel culo. E poi, accidenti, continuava a piovere e lui non sopportava proprio quel clima umido. La donna, di età intorno ai trent'anni, probabilmente era stata aggredita mentre attraversava il parco. Era stata poi trascinata nel posto più oscuro, brutalmente violentata e poi uccisa con un coltello.
Il corpo presentava una profonda ferita al collo e più coltellate all'addome. Era altresì probabile che dopo l'aggressione la donna fosse stata tramortita con un corpo contundente alla testa, che presentava un'ampia ferita nella zona occipitale, quindi abusata e poi barbaramente uccisa. Il corpo era stato denudato nella parte inferiore. I jeans erano stati rimossi da una gamba, gli slip strappati, le gambe oscenamente aperte. Da un primo esame sembrava che la borsetta che portava non fosse stata neppure aperta. Dai documenti risultava che Miriam Allbright aveva ventinove anni e abitava in Bleecker Street, una tranquilla strada del Greenwich Village.

Parigi, cinque anni prima

Rayan si chiedeva perché si fosse lasciato convincere a partecipare a quel cocktail, ma Tony era stato irremovibile. La Gwathmey Siegel Kaufman Architects figurava nell'elenco degli sponsor del loro libro di futura pubblicazione, e anche di qualche congresso a cui i due illuminati scienziati avrebbero partecipato nei mesi successivi in giro per il mondo.
La location era piacevole e il panorama di Parigi che si poteva ammirare da quella terrazza era molto affascinante. Quel tardo pomeriggio di settembre spirava una leggera brezza e lo sguardo di Rayan vagava tra la Senna, su cui si affacciava il Centro congressi Cap 15, la Tour Eiffel che si ergeva poco distante e il Trocadero.
Ogni volta che capitava a Parigi, Rayan si chiedeva se avrebbe potuto mai lasciare New York per trasferirsi in quella città così affascinante, piena di storia, di cultura, di arte. Ora che viaggiava spesso in Europa per lavoro, per lui sarebbe stato anche più facile. Non avrebbe sicuramente avuto difficoltà a trovare un'università che lo accogliesse e che finanziasse le sue ricerche. Il suo lavoro era apprezzato ovunque e certamente, qualora avesse preso quella decisione, si sarebbe scatenata una bagarre per accaparrarselo. Subiva fortemente il fascino di quella città che senza dubbio riteneva, tra quelle europee, più viva e internazionale.
Sulla terrazza vi erano non più di una cinquantina di persone, la maggioranza delle quali completamente sconosciute a Rayan. Tony era accompagnato da Sybil, sua moglie, che sfoggiava per l'occasione un corto abito blu elettrico che ne fasciava la figura e la faceva indubbiamente risultare molto attraente. Sybil era bionda, con una fluente capigliatura, alta oltre un metro e settanta e sapeva bene cosa volesse dire attrarre gli sguardi maschili. Tony, al contrario, era piuttosto basso, superando a malapena il metro e sessantacinque, misura che sembrava diminuire per effetto delle spalle un po' ricurve e della testa già improntata a un'incipiente calvizie. Aveva l'aspetto del classico scienziato pazzo, abbigliato in modo un po' retrò se non addirittura stravagante, ma lo sguardo, intenso e attento, denunciava una mente pronta e brillante. Costituivano una coppia stranamente assortita che però aveva dimostrato negli anni un'indissolubile resistenza agli eventi della vita.
Rayan, cinquantacinque anni appena compiuti, era completamente diverso da Tony. Alto e magro, con una ricca capigliatura che solo negli ultimi tempi aveva iniziato a ingrigire, teneva molto al suo abbigliamento, decisamente di stile anglosassone, a esclusione delle camicie che si faceva fare su misura da una sartoria italiana di Manhattan.
Tony e Rayan si conoscevano da decenni, dai lontani tempi dell'università. Avevano percorso strade diverse e dopo molti anni si erano ritrovati durante un simposio internazionale in cui, in qualità di relatori, avevano esposto tesi simili che li aveva condotti a risultati congrui tra loro. Avevano quindi deciso di scrivere un libro insieme pubblicando i risultati delle loro avanzate ricerche sul Dna umano. Ora erano a Parigi per il congresso indetto dal Centre d'Etude du Polymorphisme Humain che aveva come oggetto la mappatura genetica con marcatori polimorfici. Ancora due giorni di lavoro, giovedì e venerdì, poi Rayan, finalmente libero da impegni, avrebbe trascorso il weekend a zonzo per la città, per rientrare infine a New York con un volo nella tarda serata di domenica.
Giampiero Momi
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto