Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Piergiorgio Pulixi fa parte del collettivo di scrittura Mama Sabot, creato da Massimo Carlotto, di cui è allievo. Insieme allo stesso Carlotto e ai Sabot, ha pubblicato diversi titoli a partire da Perdas de Fogu, per poi continuare con L’albero di microchip, Un amore sporco (nel trittico Donne a perdere) e Padre nostro. Nel 2009 inizia la saga poliziesca di Biagio Mazzeo con il noir Una brutta storia, proseguita con La notte delle pantere e Per sempre.
Younis Tawfik (Mossul, 1957) è un giornalista e scrittore iracheno naturalizzato italiano. In Iraq ha ottenuto nel 1978 il Premio di Poesia Nazionale. Vive in esilio in Italia dal 1979. Nel 1986 ha conseguito la laurea in Lettere all'università di Torino. È noto al pubblico televisivo per alcune partecipazioni a programmi di approfondimento giornalistico, quali L'infedele di Gad Lerner, e altri. Con il suo romanzo d'esordio "La Straniera" ha vinto numerosi premi.
Ilaria Tuti. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha pubblicato il thriller Fiori sopra l’inferno. Il secondo romanzo, Ninfa dormiente, è del 2019. Entrambi vedono come protagonisti il commissario Teresa Battaglia. Con Fiore di roccia, e attraverso la voce di Agata Primus, Ilaria Tuti celebra un vero e proprio atto d’amore per le sue montagne, dando vita a una storia profonda e autentica, illuminata dalla sensibilità di un’autrice matura e generosa.
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Stefania de Girolamo
Titolo: Stupro - La ragazza sporca
Genere Narrativa italiana
Lettori 506
Stupro - La ragazza sporca
“Non importa mamma, niente ha importanza, si può dire la verità, si può guardarla dritta in faccia e riprendere, continuare a volersi bene, capirsi e accettarsi: dobbiamo solo riconoscere la verità, nessuno ha colpa, ogni essere umano può commettere errori. Perché mai non possiamo perdonarci a vicenda e lasciare che sia solo l'amore a legarci e a consolarci, non c'è bisogno alcuno di negare, di far finta che nulla sia accaduto, è faticoso fare finta: mettiamo tutto in un angolo dei nostri ricordi e lasciamo il resto a tutto ciò che di bello esiste fra noi, costruiamo nuovi ricordi, viviamo nuove giornate serene e doniamoci serenità tramite quelle, soltanto quelle. Abbracciami e lasciamo che il nostro abbraccio si porti via ogni orrendo pensiero e che prenda il posto di ogni brutto ricordo. Potrebbe svanire per sempre. Sarebbe così semplice! Cosa conta di più? Continuare a colpevolizzarsi? Abbiamo molti giorni davanti a noi, possiamo scegliere, scegliere di riempirli d'amore e nient'altro.”
Anna, però riusciva sempre ad evitare discorsi troppo profondi e complicati. La sua natura semplice e pratica non le consentiva di affrontarli, ma nonostante questo, cresceva inevitabile in lei la capacità di cogliere ugualmente ogni spasmo dei sentimenti della figlia, quasi che le arrivassero telepaticamente, come se entrambe avessero l'attitudine a mettere in comunicazione le loro menti, riuscendo infine Anna a raccogliere l'essenza dei pensieri di sua figlia senza che di fatto glieli avesse mai esposti apertamente. Il loro legame cresceva così il tal maniera, da diventare ancora più forte di quanto lo sarebbe divenuto, nel tentativo di interpretare a parole sentimenti che andavano al di là della loro semplice condizione terrena.
Lo stesso Monica, non comprendendo la madre mai fino in fondo, rimaneva a volte in uno stato di smarrimento totale, a volte si lasciava cogliere da un'eccesiva rabbia, altre volte si colpevolizzava per non essere riuscita, per l'ennesima volta, a trovare un contatto reale, o meglio materiale e terreno, con colei che in fin dei conti adorava e innervosiva alla stessa stregua.
Così, in quelle giornate trascorse faccia a faccia con Anna, la ragazza decideva di fermarsi quel tanto che bastava per arrivare al momento in cui perdeva la speranza che uno dei suoi fratelli rientrasse prima del previsto, per fare due chiacchiere con lei e dare quindi un senso alla sua giornata; infine se ne andava, intristita, sebbene consapevole che il silenzio avesse lo stesso rafforzato ancora di più il loro legame e che presto, un'altra domenica sarebbe arrivata.
Questa era sostanzialmente la vita di Monica, divisa fra la lotta agli incubi, il desiderio di rimanere legata ai suoi famigliari dando ad ognuno ciò che credeva desiderassero, e il lavoro che aveva scelto, ma, dalla sera in cui aveva incontrato Marco, qualcosa era cambiato, qualcosa in più si era insinuato nei suoi pensieri, nei suoi progetti, qualcosa che sembrava stesse andando a colmare quel suo piccolo angolo dove andava a racchiudersi il suo senso di vuoto e che riusciva a prendere il sopravvento su di lei durante alcune, faticose giornate: la speranza.
L'immagine ricorrente del ragazzo del locale notturno e la speranza di rivederlo, riempivano tutti i momenti in cui rischiava che proprio i suoi fantasmi andassero ad insinuarsi in quei vuoti, costanti nella sua vita precedente, colmandoli di aspettative, di ricordi e di dolci sensazioni, sostituendosi a cupi pensieri e pessime visioni.
Monica rimaneva in attesa tutti i giorni e tutto il giorno del momento in cui avrebbe rivisto l'elegante ragazzo dagli occhi straordinariamente dolci, viveva immaginando quegli occhi così teneri e spaesati, delicatamente posati sul suo corpo e sul suo viso con un'inusuale discrezione. A differenza degli altri uomini i cui espliciti, volgari sguardi, la sfidavano ad essere ancora più conturbante, sentiva che quello di quel giovane aveva un certo rispetto, un certo intento a non offenderla, ma soltanto ad ammirarla, andando così a nutrire il suo ego, avido di approvazione.
Non riusciva più a fare niente senza immaginare che lui la stesse guardando. Si nutriva di quello sguardo e della sua immagine, la aiutava a fare qualunque cosa, le faceva perdere a tratti la timidezza che aveva sempre avuto nel parlare con le persone, la faceva sentire sicura e protetta, le dava maggiore entusiasmo ed intuito nei suoi intenti a consigliare i fratelli, le dava anche più pazienza e una serena rassegnazione all'apparentemente impossibile rapporto con Anna. Quasi sembrava riaccendere persino una certa speranza che credeva fosse andata perduta per sempre, una speranza interamente legata e sé, come se questa volta il suo amore, il suo rispetto, il suo istinto di protezione potessero essere rivolti finalmente a sé stessa.
Cantava, rassettando la casa o sotto la doccia, dedicando a lui ogni nota di armoniose melodie che inventava dal nulla e che le nascevano spontanee nel cuore colmo di amore per lui, ballava al locale o a casa mentre si vestiva, dedicando sempre a lui ogni passo ed ogni movenza.
Fino ad allora non aveva osato mai sperare di innamorarsi, ancor meno che qualcuno si potesse a sua volta innamorare di lei. Adesso avvertiva quell'amore piombarle addosso con quello sguardo così dolce, che non la giudicava, non la deprecava, non la umiliava, non la mortificava: quella sera di tanti anni prima ritenne di avere perso tutto, la capacità di amare e il diritto di chiedere di essere amata.
Ora, a distanza di quello che percepiva essere stata una vita intera, si ritrovava innamorata e riamata, non sapeva darsi pace dall'emozione, non poteva credere che tutto questo stesse accadendo veramente a lei, proprio a lei.
Cominciava persino quasi a credere di potersi considerare una ragazza come tutte le altre, quelle buone, quelle giuste, quelle non rifiutate, quelle pulite, inebriata com'era dalla grandezza di quell'amore. Aveva sempre guardato le sue coetanee con invidia, senza mai smettere di domandarsi perché lei non potesse avere le stesse cose, ne ascoltava le parole, l'intonazione della voce, studiava nei minimi dettagli come erano vestite, per imitarle, sentirsi come loro, essere una di loro.
La costante presenza di quel giovane nella sua vita aveva trasformato le sue giornate, illuminandole di luci nuove, colorandole di colori nuovi, con sottofondo di musiche e suoni nuovi, rendendo tutto meravigliosamente diverso. Ora, improvvisamente, perse tutta la sua importanza il bisogno di essere uguale alle altre ragazze, non desiderava più essere accettata o accolta nel mondo degli altri, coloro che aveva sempre visto lontani e così diversi da lei, tanto da ritenersi un'aliena. Ora aveva la bella sensazione di essere di più, più bella, più forte, non solo uguale a loro, ma migliore, non certo come persona in sé, ma sicuramente più fortunata, perché se una cosa così bella stava accadendo proprio a lei non poteva che essere un privilegio, che se pur non avesse fatto nulla per meritarlo, era miracolosamente, concesso proprio a lei.
“Dunque è possibile!?” ripeteva a sé stessa, guardandosi allo specchio.
Anche lei poteva immaginare l'amore, un futuro senza solitudine, magari una famiglia!?
“Sto correndo troppo” si rammaricava “Sto di nuovo sognando ad occhi aperti” si rimproverava.
Il timore che fosse tutto frutto della sua immaginazione, che lui fosse finto e immaginario, come il suo falso gruppo di insegnanti e compagni cui aveva dedicato le sue prime danze, l'aggrediva a volte, rigettandola nello sconforto e indicandole il suo angolino, il più piccolo anfratto dove poter andare a ninnarsi per un po'.
Altre volte la solitudine delle sue giornate la scaraventava nuovamente nell'abisso più profondo, laggiù in fondo a quel cratere, dove le sue emozioni potevano rimanere intrappolate e latenti, oppure esplodere all'improvviso, complice la musica e gli occhi dolcissimi di quello sconosciuto ragazzo. Lottava strenuamente per non ammettere ..
Stefania de Girolamo
Biblioteca
Acquista
Contatto