Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Piergiorgio Pulixi fa parte del collettivo di scrittura Mama Sabot, creato da Massimo Carlotto, di cui è allievo. Insieme allo stesso Carlotto e ai Sabot, ha pubblicato diversi titoli a partire da Perdas de Fogu, per poi continuare con L’albero di microchip, Un amore sporco (nel trittico Donne a perdere) e Padre nostro. Nel 2009 inizia la saga poliziesca di Biagio Mazzeo con il noir Una brutta storia, proseguita con La notte delle pantere e Per sempre.
Younis Tawfik (Mossul, 1957) è un giornalista e scrittore iracheno naturalizzato italiano. In Iraq ha ottenuto nel 1978 il Premio di Poesia Nazionale. Vive in esilio in Italia dal 1979. Nel 1986 ha conseguito la laurea in Lettere all'università di Torino. È noto al pubblico televisivo per alcune partecipazioni a programmi di approfondimento giornalistico, quali L'infedele di Gad Lerner, e altri. Con il suo romanzo d'esordio "La Straniera" ha vinto numerosi premi.
Ilaria Tuti. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha pubblicato il thriller Fiori sopra l’inferno. Il secondo romanzo, Ninfa dormiente, è del 2019. Entrambi vedono come protagonisti il commissario Teresa Battaglia. Con Fiore di roccia, e attraverso la voce di Agata Primus, Ilaria Tuti celebra un vero e proprio atto d’amore per le sue montagne, dando vita a una storia profonda e autentica, illuminata dalla sensibilità di un’autrice matura e generosa.
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Stephanie Doherty
Titolo: Eira di Mirerava
Genere Fantasy Romance
Lettori 217
Eira di Mirerava

L'estranea oltre lo specchio.

Correvo a perdifiato per le strade del regno. L'aria fredda della notte mi sferzava il volto senza alcuna pietà; in più avevo la gola riarsa per la sete e ogni fibra del mio corpo bruciava per il dolore. Ciononostante continuavo la mia folle e disperata corsa. Dovevo nascondermi prima che lui o qualcuno dei suoi uomini mi trovassero, avrei raggiunto gli altri quando le acque si fossero calmate. La mia gente aveva bisogno di me, della loro guida. Dietro di me ormai non era rimasto più niente, solo una scia di morti.
L'urlo disperato di Kiran che mi implorava di fuggire e mettermi in salvo mi risuonava ancora nelle orecchie e scavava una voragine nel mio cuore. I miei occhi piangevano lacrime di sangue nel ricordare la terribile e dolorosa immagine che mi ero lasciata alle spalle dopo aver deciso di dare retta a quelle accorate parole: Kiran steso a terra e il suo ultimo grido, gli occhi che lentamente perdevano vitalità, la profonda ferita sul petto e la sua camicia candida che, rapidamente, era diventata color cremisi.
Il respiro mi si fece più affannoso per via dello sforzo e per la sofferenza che provavo. Pensai che quella battaglia aveva per sempre sancito il mio destino come regnante e come essere umano: in meno di una manciata di ore mi era stato tolto quasi tutto. Quasi, perché almeno si era salvata una piccola parte del mio popolo, la parte formata da coloro che non avevano partecipato alla battaglia. Si trovavano al sicuro sulle montagne, o almeno speravo fosse così.
Piombai in uno sconforto improvviso. Il nodo che già mi stringeva la gola divenne più intenso nel momento in cui i volti delle persone a me care, che conoscevo sin da quando ero bambina e che mi avevano accompagnata fino ad allora, si affacciarono nella mia mente sovrapponendosi l'uno all'altro in una sorta di bizzarro quadro confuso: Kiran, l'amore della mia vita; Joan, la mia madrina e mia più cara amica; Jeremiah, compagno di vita e apprendista di Joan; molti degli abitanti di Mirerava e infine i miei genitori, morti qualche anno prima. Quella notte, proprio com'era accaduto con mia madre e mio padre, avevo perso anche tutti gli altri; nessuno di loro era riuscito a sfuggire all'oscura sete di vendetta, alla pazzia e alla brama di potere di Rodney.
Altre lacrime, questa volta molto più copiose, iniziarono a offuscarmi il volto. Mi guardai intorno disorientata. Ero così scossa che a malapena riuscivo a capire dove mi trovassi. Solo un attimo dopo realizzai che ero in un vicoletto abitato da un paio di case vuote e mortalmente silenziose. Mi fermai appoggiandomi a una di queste, avevo bisogno di riprendere fiato soltanto per un minuto. Soprattutto avevo bisogno di calmarmi.
- Eccoti! - esclamò una voce improvvisa e familiare, roca e sgradevole, proveniente dal buio della viuzza.
Sobbalzai per il terrore, il cuore mi si fermò.
- Perché sei fuggita via da me? – continuò la voce – La nostra conversazione non era ancora terminata - .
Pochi secondi più tardi Rodney in persona seguito da Gotthold, il suo apprendista e tirapiedi, scivolò fuori dall'ombra come il più disgustoso dei ratti di fogna e mi si parò davanti. La debole fiamma di una torcia illuminava i tratti spigolosi del volto che negli ultimi tempi aveva popolato i miei incubi, che fossi sveglia o che dormissi: il mento sporgente, la fitta rete di rughe, le occhiaie profonde, i lunghi capelli neri e unti, la folta barba del medesimo colore dei capelli, i piccoli occhi grigi intrisi di malvagità.
Mi venne la nausea. Eppure a dispetto della paura che provavo e nonostante l'immediata, chiara consapevolezza che con molta probabilità sarebbero stati i miei ultimi istanti di vita, non riuscii a trattenermi dal lanciare a quel mostro – causa di tutti i miei mali – il migliore sguardo di disprezzo che potessi sfoggiare, data la situazione.
Gotthold, che si trovava a qualche passo di distanza dal suo padrone, scoppiò in una fragorosa risata e il flaccido volto da rospo si fece scarlatto per lo sforzo.
Rodney si limitò a sorridere, senza però mostrare allegria: - Non ti conviene essere insolente con me, mia cara – mi minacciò soave – Non hai ancora imparato la lezione? Tutto questo lo hai voluto tu; io ti ho offerto un'alternativa più che ragionevole. Sapevo molto bene che sarei stato io a uscirne vincitore. Eppure se avessi accettato di sposarmi quando te l'ho chiesto poco prima della battaglia, e non avessi fatto niente per ostacolarmi, almeno non ci sarebbe stato spargimento di sangue. Volevo farti questo piccolo regalo visto che negli ultimi tempi sembrava che le mie lusinghe non ti dispiacessero affatto... Certo hai saputo fingere molto bene in questi mesi, ma intanto hai riempito il mio cuore di gioia. E se alla fine avessi deciso di diventare mia, davvero mia – soggiunse squadrandomi improvvisamente irritato – Avrei cambiato i miei piani solo per te e avrei conquistato la tua terra in maniera pacifica senza immolare un solo uomo, neanche il tuo prezioso Kiran che oggi, almeno per qualche ora, ha deciso di ritornare dal Regno dei Morti onorandoci così della sua presenza – aggiunse sardonico – In fondo perché uccidere se avessi avuto te al mio fianco? Avrei avuto ciò che ho sempre desiderato: il potere e la donna che amavo. E invece... Che spreco, tutto quel potenziale, tutte quelle vite spezzate per sempre. Ah se solo non foste stati così stolti. Mi sarei preso il regno senza sfiorare nessuno e tu avresti potuto governare insieme a me - .
- Oh, quindi mi sarei dovuta arrendere e basta? – replicai gelida – Avrei dovuto far finta di niente, non muovere un dito e lasciarti prendere non soltanto la mia casa ma anche me stessa? Tu sei pazzo, sì sei pazzo. E stai mentendo. Anche se ti avessi detto di sì, anche se io e gli altri fossimo rimasti a guardare, avresti comunque commesso l'eccidio che avevi premeditato! Non ho più l'età per credere alle favole ormai, non ti saresti lasciato sfuggire una simile occasione pur di non avere ostacoli alla tua felicità! Tu sei un essere crudele e spietato, per questo ci siamo preparati ad affrontarti e grazie al cielo abbiamo scoperto il tuo piano! Almeno non siamo stati colti di sorpresa come avresti voluto; almeno ho potuto ingrossare le fila del mio esercito e abbiamo avuto il tempo di organizzarci, di allenarci... E abbiamo combattuto con tutte le nostre forze, ci abbiamo provato fino alla fine e chi è morto lo ha fatto da eroe! Abbiamo tentato di salvare la nostra casa da te, razza di mostro bastardo traditore! - urlai.
- Molto bene, insultami pure - ribatté Rodney serafico regalandomi un ghigno che mise in mostra i denti candidi e regolari. Dopodiché afferrò con brutalità il mio volto stringendolo talmente forte che la vista mi si annebbiò per il dolore. - Non ti rimane altro da fare. Hai perso nonostante la tua “preparazione”. Anche se tu e gli altri avete scoperto i miei progetti, anche se avete avuto l'ardire di ingannarmi fino a oggi, le cose non sono andate diversamente da come sarebbero andate se foste rimasti all'oscuro di ogni cosa. Il vostro impegno è stato infruttuoso. Osi chiamare esercito quello che hai mandato sul campo di battaglia?! Nessuno di voi, inclusa te, si è rivelato all'altezza della situazione. Siete stati dei poveri illusi a credere il contrario! Andiamo, le mie Forze armate sono composte dai più temibili stregoni e streghe oscuri che popolano questo mondo. Io stesso sono sempre stato molto, molto potente, e dopo stanotte lo sono diventato ancora di più come già sai... Sono praticamente invincibile adesso – aggiunse pago – L'unica alternativa a questa carneficina era la mia proposta, la tua sola e reale occasione per salvare tutti quanti! Ma non hai voluto cogliere l'occasione, la tua sciocca ostinazione non ti ha portata da nessuna parte. Guardati attorno piccola stupida! Ti sembra di aver vinto? A cos'è servito sacrificare te stessa e gli altri? A niente, niente! Solo fatica e vite sprecate. Adesso il tuo prezioso regno è in mano mia, solo mia. Niente di quello che conoscevi prima esiste più, le persone che amavi sono perdute e la colpa è solo tua. Sarebbe bastata una tua parola per impedire tutto ciò e, puoi credermi o meno, ti giuro che questa ecatombe non ci sarebbe stata. Invece, adesso, chi è l'assassino fra noi due? Sì, sei un'assassina, assassina, assassina! - .
Ripeté quella parola più e più volte in tono dolciastro e maligno allo stesso tempo.
I miei occhi cominciarono di nuovo a riempirsi di lacrime. Le parole dello stregone riuscivano a farmi più male della sua stessa presa. Rodney voleva piegarmi e ci stava riuscendo molto bene sfortunatamente. La mia parte razionale tuttavia mi esortava nel frattempo a resistere. Noi tutti ci eravamo preparati al meglio e avevamo combattuto strenuamente per cercare di sbaragliare il nemico; ci eravamo impegnati fino allo stremo delle forze. Fare da spettatori sarebbe stata una scelta non solo inammissibile ma dolorosa, persino più del rinunciare alla vita per tentare di salvare Mirerava. E poi anche se avessi accettato di sposare Rodney, anche se io e gli altri non avessimo fatto niente per fermarlo, le cose non sarebbero affatto andate in maniera diversa quella notte. Le sue erano soltanto bugie: avrebbe certamente risparmiato me se fossi diventata sua moglie ma tanti altri, soprattutto Kiran, non sarebbero sfuggiti alle grinfie di quel sadico. Inoltre come re di Mirerava Rodney si sarebbe comportato da despota, la mia opinione non sarebbe contata niente e lui avrebbe continuato ad agire da folle qual era, portando ugualmente il regno alla distruzione.
Eppure la parte irrazionale di me cominciava a sostenere il contrario. Mi suggeriva infatti che, forse, Rodney stava dicendo la verità. Che era solo colpa mia e che se avessi accettato la sua proposta niente di tutto ciò in effetti sarebbe accaduto. Se io e gli altri ci fossimo sbagliati? Se non avessimo combattuto, se mi fossi semplicemente abbandonata all'amore di quell'uomo, se lo avessi lasciato portare a termine i suoi piani?
- Riesco a leggere il rimorso sul tuo viso – sibilò Rodney compiaciuto – Coraggio dimmi di sì stavolta. Ora non mi ami ma con il tempo potresti farlo, io e te potremmo essere felici. Mi sento magnanimo, perciò voglio darti un'altra possibilità. Avanti ti bastano soltanto due lettere e potrei decidere di cambiare le cose, ci sarebbe ancora tempo per fare un piccolo viaggetto a ritroso e mutare il corso degli eventi. Sai bene che mi basta uno schiocco di dita per far scomparire questo orrore e azzerare ciò che è avvenuto evitando la battaglia e risparmiando la vita dei tuoi amici. Sarebbe sufficiente una risposta affermativa e io e te potremmo regnare l'uno accanto all'altra insieme con i tuoi cari, tutti i tuoi cari – sottolineò allargando ancora di più il suo sorriso – al nostro fianco. Sarei disposto a tollerare anche la vicinanza del tuo amato cavaliere, tu comunque ormai saresti mia, niente e nessuno sarebbe più in grado di separarci. Suvvia dunque, accetta! - .
Rodney mi aveva appena lanciato un ultimatum parecchio allettante. Insomma riavere indietro le persone che amavo incluso Kiran, eliminare gli orrori di quella notte come se niente fosse successo... Sarebbe stato davvero possibile? La situazione era così disperata che, soltanto per un secondo, presi sul serio in considerazione di acconsentire alla sua richiesta. E se mi fossi sbagliata? Se avesse avuto ragione il mio lato più istintivo? Se alla fine avessi potuto tenere testa a quell'essere e magari addirittura, un giorno, riuscire a neutralizzarlo e a riappropriarmi del mio regno? Forse avrei potuto davvero dirgli di sì e sfruttare comunque quella circostanza a mio vantaggio.
Lo stregone dovette scorgere quel margine di possibilità farsi strada nei miei occhi perché, senza nemmeno aspettare una risposta, si lanciò con forza sulle mie labbra tentando di schiuderle con rabbia.
Io non reagii subito ma rimasi immobile per qualche istante, scioccata. Cosa stavo facendo? Davvero stavo per gettare la spugna? No, se solo gli altri mi avessero vista in quella situazione cosa avrebbero pensato di me? Soprattutto Kiran, se mi avesse vista così non mi avrebbe mai perdonata. Kiran, morto proprio per mano di Rodney.
L'immagine dei limpidi e luminosi occhi ambrati del mio ragazzo mi attraversò come un lampo la mente ed ebbi finalmente la forza di oppormi. Spinsi via Rodney da me con tutta la furia di cui ero capace; poi sputai a terra sentendo il fetido sapore dello stregone ancora dentro la mia bocca. Infine mi strofinai furiosamente le labbra con la manica del vestito.
- Mai e poi mai diventerò la tua sposa! Non cambierò idea, è inutile che tenti di convincermi! Perciò ammazzami, uccidi anche me. Preferisco di gran lunga la morte! - gridai.
Rodney mi squadrò rabbioso e risentito, ma in fondo non troppo sorpreso: - Se è così sarai accontentata. Sai una cosa? Non ti meriti la vita, tantomeno il mio amore. Gotthold! – abbaiò subito dopo in direzione del servitore, che gli si accostò rapido – Dammi quella dannata pietra. Voglio che di questa sciocca ragazza non rimanga nemmeno la polvere! - .
L'omuncolo, obbedendo come un fedele cagnolino agli ordini del padrone, estrasse l'oggetto dalla lercia tasca del pastrano e glielo porse.
- Dunque addio, mia cara - .
Rodney mi puntò contro quello che, almeno in apparenza, sembrava un innocuo sasso. Naturalmente sapevo che non era così, però non mi ribellai; non solo ero consapevole di essere in trappola – questo sin dall'inizio, tanto che a niente ormai sarebbe valso provare a scappare di nuovo – ma rifiutando l'ultima offerta di Rodney avevo appena scelto di andare incontro al mio destino. Quindi chiusi gli occhi e attesi la mia fine serena, forse almeno nella morte avrei potuto rivedere le persone che amavo.

Stephanie Doherty
Biblioteca
Acquista
Contatto