Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Autori di Writer Officina

Agnese Messina

Parlare di sé è sempre la parte più difficile. Sono una biologa, ho 31 anni e sono nata e cresciuta in Sicilia, alle pendici dell'Etna. Al momento faccio ricerca presso l'Università di Catania, e un giorno vorrei diventare un parassitologo, o un'entomologa forense! Amo la letteratura classica e la musica, e la mia serata ideale è: pizza, coperte e serie TV! In tempi migliori amo viaggiare, ma viaggiare in modo insolito, non da “turista”... se potessi, visiterei ogni luogo per almeno due, tre mesi, per poterne apprezzare i colori e i sapori dall'interno, e non solo da visitatore. Ho due cani, Charlie e Wendy, con cui amo fare lunghe passeggiate al parco, e un figlio di quasi dieci anni. Da ragazzina praticavo danza classica, teatro e suonavo due strumenti... poi sono cresciuta, e il tempo è diventato sempre troppo poco!

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorto di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Agnese Messina: Credo non ci sia stato un vero “primo momento”. Per me la letteratura è sempre stata qualcosa di istintivo, naturale. Ho iniziato a leggere da piccola, grazie a mio padre che mi faceva sillabare sulla Divina Commedia... ho iniziato a scrivere non più tardi degli otto anni, senza una vera ragione. Sentivo il bisogno di farlo, anche solo per gioco.

Writer OfficinaWriter Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Agnese Messina: Più di uno, in realtà! Di certo uno di quelli che mi ha lasciato più un senso di meraviglia, misto a un complesso di inferiorità e voglia di mettermi in gioco, è “Il ritratto di Dorian Gray”. Ma anche le novelle di Verga, per cui sento una fortissima affinità.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Agnese Messina: Quando ho terminato di scrivere il mio primo romanzo, ero molto molto giovane, e ancor più inesperta. L'ho proposto a diversi editori, e ho accettato una proposta editoriale. Non troppo soddisfacente, con il senno di poi.

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Agnese Messina: Ho ri-pubblicato il mio primo romanzo su Amazon KDP, e mi sono trovata molto bene. Credo sia un'alternativa valida, soprattutto in casi particolari quali il mio: un romanzo già edito, o un genere poco diffuso nei circuiti dell'editoria classica.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionato? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Agnese Messina: È una domanda molto difficile, è come chiedere a una madre quale dei suoi figli sia il preferito! Di certo il primo è un pezzo di cuore, la mia prima creatura. Racconta una storia che non saprei più scrivere adesso, da adulta. È la storia di due giovanissimi pittori, anime artistiche e classiche in una società moderna che non li può comprendere. Solo il loro maestro, Sior Bortolo, condivide i loro ideali romantici e osserva la storia ingarbugliarsi e intricarsi, fino a risvolti pericolosi.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Agnese Messina: Un mix di tutto. Scrivo la trama a istinto, la stendo per intero, dall'inizio alla fine. Poi creo degli schemi temporali, una sorta di “linea del tempo” che mi permette di contestualizzare gli eventi, di non commettere errori cronologici. In fine, stilo una scheda anagrafica dei personaggi principali: caratteristiche fisiche, modi di fare, gusti. Da lì, inizio la stesura vera e propria.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Agnese Messina: Sto editando un nuovo romanzo, a cui tengo in modo particolare. È un'idea nuova, diversa rispetto al mio primo lavoro. Personaggi più maturi, idee diverse. È un romanzo di formazione, con spiccati tratti paranormali. Ci lavoro da moltissimi anni, e non vedo l'ora di vederlo spiccare il volo.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto
 
136 visualizzazioni