Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Mauro Santomauro è nato nel 1949 ed è stato farmacista della Serenissima, salendo alla ribalta delle cronache quando rinunciò a trasferire la sua farmacia in terraferma. Nella sua vita è stato chimico, distillatore, imprenditore e contadino. Si è divertito come giocatore e poi allenatore di baseball, ma è stato anche batterista in un settetto jazz. Ha pilotato aerei da turismo e ha praticato immersioni subacquee. La sua vera passione è il buon cibo. Vive con la moglie e i due figli a Treviso.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Home
Magazine
Autori di Writer Officina

Lara D'amore

Sono Francesca, una persona discreta, una donna che è anche madre, compagna, lavoratrice. Una donna che si permette anche di trasformare i propri sogni in racconti. Se in giovinezza ho creduto di non potermelo permettere, per una serie di ragioni dettate dall'indottrinamento culturale che vede e vuole la donna sposata con prole, pacata e realizzata in famiglia e niente di più, arrivata alla bellezza dei miei quarantaquattro anni ho capito che non è necessario chiedere il permesso di farlo. Ecco che ho preso coraggio, che ho affrontato la mia timidezza e la mia insicurezza, da sempre muro insormontabile nei rapporti sociali, e ho dato ascolto al coraggio del cuore per far sì che Francesca divenisse Lara D'amore e venisse ascoltata, capita, compresa tra parole e fantasie.

Writer Officina: Qual è stato il momento in cui ti sei accorta di aver sviluppato la passione per la letteratura?

Lara D'amore: Il momento è arrivato alle elementari, leggendo libri introspettivi e per nulla semplici come "Incompreso" di Florence Montgomery, esperienze che da bambina mi hanno aperto la mente e mi hanno mostrato come le parole possano arrivare al cuore e raccontare, nella storia d'altri, anche un po' di te.

Writer Officina: C'è un libro che, dopo averlo letto, ti ha lasciato addosso la voglia di seguire questa strada?

Lara D'amore: La saga di Shannara di Terry Brooks ha acceso nella me adolescente questa passione, ma non ho avuto il coraggio e la costanza di seguire quella acerba fiammella.

Writer Officina: Dopo aver scritto il tuo primo libro, lo hai proposto a un Editore? E con quali risultati?

Lara D'amore: Come ho detto in precedenza, sono una persona discreta e silenziosa che non ha mai creduto più di tanto nelle sue capacità e qualità artistiche. Ho iniziato a scrivere per sfogo, scegliendo di dare in pasto alla rete i miei primi lavori solo da qualche anno a questa parte. Mi sono resa da subito conto che i risultati, seppure piacessero agli utenti dei siti che ho frequentato, non erano ancora all'altezza di una valutazione editoriale. Questa scelta è stata fatta solo due anni fa ed è stata istintiva, in un momento particolarmente buio per me in cui mi sono detta che avrei dovuto dare una svolta alla mia avventura: o pubblicare, o lasciare perdere la scrittura. Scelsi così l'editore dei miei sogni, quello che per serietà e professionalità si sarebbe preso cura del mio libro MxM fantasy e inviai il manoscritto. Tre mesi dopo, la risposta positiva l'ho dovuta rileggere almeno tre volte, prima di realizzare che lo fosse davvero!

Writer Officina: Ritieni che pubblicare su Amazon KDP possa essere una buona opportunità per uno scrittore emergente?

Lara D'amore: Io penso di sì. Amazon dà un'incredibile vetrina per uno scrittore esordiente, purché venga sfruttata con la giusta dovizia e professionalità. Sì, avvalersi della pubblicazione in direttissima tramite il colosso Amazon è una grande opportunità, ma solo se il romanzo è qualitativamente pronto per affacciarsi e confrontarsi con il mercato editoriale. Sì, quindi, ma soltanto dopo un beta reading valido, una correzione di bozza e un editing fatti da una persona del mestiere.

Writer Officina: A quale dei tuoi libri sei più affezionata? Puoi raccontarci di cosa tratta?

Lara D'amore: Senza dubbio alla saga epic fantasy MxM a cui sto lavorando da oltre sei anni, ovvero “Varaldien”. Per me è una vera e propria sfida, un ibrido di genere che ha incontrato molto entusiasmo tra i beta reader raccolti nelle piattaforme online. Il lavoro artistico di cui vado certamente più fiera visti i temi importanti che tratta, di grande attualità.

Writer Officina: Quale tecnica usi per scrivere? Prepari uno schema iniziale, prendi appunti, oppure scrivi d'istinto?

Lara D'amore: Dipende dal tipo di romanzo. Per Varaldien ho preso appunti, ho fatto una prima stesura per poi riscriverla da capo, tenendo per buone le caratterizzazioni dei personaggi. Per altri, tra cui uno che mi vedrà debuttare da self a breve, sono andata per istinto pescando da esperienze di vita.

Writer Officina: In questo periodo stai scrivendo un nuovo libro? È dello stesso genere di quello che hai già pubblicato, oppure un'idea completamente diversa?

Lara D'amore: Al momento sto lavorando al sequel di un MxM, un romance attualmente sotto editing, che di vena fantasy ha l'universo Omegaverse con però un'ambientazione contemporanea. Decisamente tutt'altro stile e tutt'altri obiettivi, ma non per questo un'opera minore.

Writer Officina: Hai detto che la tua saga è un ibrido, un mix di genere MxM e fantasy. Quale dei due prevale?

Lara D'amore: Io credo ci sia un equo spazio per entrambe le anime del mio libro, tant'è che non mi sento di dire che la saga di Varaldien non abbia come target il lettore degli MxM, ma qualunque appassionato di un fantasy epico e introspettivo, o semplicemente di una bella storia un po' fuori dall'ordinario di categoria. Questo è il target a cui mi rivolgo e che mi auguro di raggiungere.

Tutti i miei Libri
Profilo Facebook
Contatto