6 Romanzi di [Tommaso Carbone] .: Writer Officina :.
 
Tommaso Carbone
L'angelo sterminatore Giallo
Febbraio 1943 Ospedale Santa Maria delle Grazie L'infermiera, una donna grassa con la faccia bianca come l'impasto del pane su cui risaltavano le labbra vermiglie e carnose, spingeva sbuffando il carrello dei medicinali nel corridoio illuminato dalla luce fioca delle lampade. Si fermò davanti alla porta. Cinque donne dormivano profondamente, il respiro regolare. Una ragazza di circa vent'anni con un pancione enorme passeggiava avant...
Tommaso Carbone
Il sangue di Caino Thriller
Bosco di Montepiano, 14 novembre 2015 La volante si fermò sul margine della strada accanto al cumulo di neve sporca che costeggiava la carreggiata. Il commissario Castellani scese dall'auto di servizio. Il vento si era alzato e gli sbatté in faccia una folata di neve, sollevandola dal prato. Tirò la cerniera del giaccone e infilò i guanti di pelle. - Andiamo - disse agli agenti. Scavalcò il guardrail e scese con cautela lungo la scar...
Tommaso Carbone
Il cadavere del santuario Giallo
Mentre costeggiava un dirupo, la sua attenzione fu attratta da un corpo in fondo alla scarpata. Sembrava un manichino disarticolato. Si fermò di colpo. Si sporse sul ciglio della strada, guardò con attenzione e si accorse che era il corpo di una donna. Un fremito d'orrore gli corse per tutto il corpo. Si fece coraggio. Scese lungo il declivio. Trovato un varco tra la fitta vegetazione, s'infilò tra i rami degli arbusti e si avvi...
Tommaso Carbone
Il sole dietro la collina Romanzo
Adriana diede un'occhiata alla cartina: mancavano ancora duecento chilometri. L'aveva trattenuta per più di tre ore e adesso non ce la faceva più. La vescica era gonfia come un pallone e avvertiva dolorose fitte. L'autista si sarebbe arrabbiato. Durante la sosta nell'area di servizio di Contursi si era raccomandato di approfittarne, perché dopo non si sarebbe più fermato. Adriana si fece coraggio e avanzò lungo il corridoio barcollando come...
Tommaso Carbone
Non avrete scampo Thriller
Era scesa una nebbia fitta che limitava la visibilità a pochi metri. Malaguti insaccò la testa nel cappotto e si avviò verso l'auto. Stava per premere il telecomando, quando si sentì afferrare da dietro. Una mano gli premette con forza sulla bocca e sul naso un batuffolo imbevuto di cloroformio. Tentò di svincolarsi dalla presa, ma dopo pochi secondi perse i sensi e si afflosciò come un sacco vuoto. L'uomo lo trascinò dietro una Ford statio...
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Biblioteca di Writer Officina

Dedicato a chi vuole sognare, dedicato a chi crede in se stesso e vuole incantare il mondo con le parole. Dedicato ai ribelli e ai sognatori, dedicato a chi non si arrende davanti a un rifiuto e vuole continuare a dipingere la vita con mille colori. Questo è il luogo di tutti, un acro di terra sconsacrata, dove ognuno può coltivare i propri sogni, affinché si realizzino e non abbiano padroni. Questo è il luogo dei folli che vogliono cambiare il mondo e ci riescono davvero, questa è l'ultima speranza di chi vuole nascere mille volte e non morire mai...

Abel Wakaam