Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Grazia Verasani si diploma all'Accademia dell'arte drammatica all'età di vent'anni. Le sue prime esperienze avvengono col Teatro Stabile dell’Aquila e col Teatro Stabile di Torino. Dopo l'incontro con Tonino Guerra, che la incita a scrivere, nel 1987 pubblica alcuni dei suoi primi racconti grazie a Roberto Roversi, che definisce la sua scrittura "immaginifica". Il suo romanzo più conosciuto è "Quo vadis baby?" da cui è stato tratto il film omonimo, con la regia di Gabriele Salvadores. Nella sua ultima opera "Come la pioggia sul cellofan" continua a raccontare la storia di Giorgia Cantini.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
"I have a dream", ripeteva Martin Luther King Jr. il 28 agosto 1963 davanti al Lincoln Memorial di Washington. "Io ho un sogno" è parte integrante della speranza di ognuno di noi, perché senza sogni resteremmo schiavi delle convenzioni. E non importa quanto sia piccolo o grande un sogno, la questione basilare è non arrendersi mai.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Giorgio Ronco
Titolo: Skyping
Genere Giallo
Lettori 427 5 3
Skyping
Dicembre, verso Natale.

Dietro la monumentale scrivania che era stata di Renato Vitale, mi pareva di sentirmi addosso l'odore della sua pipa. Dopo quasi un anno che ero lì, ed essenze profumate di vari tipi, la sua presenza era ancora avvertibile.
Anche visivamente l'ufficio era rimasto lo stesso. Avevo solo tolto la foto del Presidente.
Prima o poi avrei dovuto decidermi a fare qualcosa. Ma non era facile.
Lui era stato come un padre per me, amavo quella stanza spoglia. Così diversa da lui.
Lasciai vagare lo sguardo.
Il suo attaccapanni ad albero. Il tavolino di mille riunioni. La lunga lavagna, che usavo solo io. I segni di una pesante eredità.
Per l'ennesima volta mi chiesi cosa avessi poi di tanto speciale da essere il capo dell'Anticrimine.
Presi la penna e la puntai sul blocnotes.
Stetti assorta per alcuni secondi, poi cominciai.
- 15 anni di polizia sulle spalle
- ottimo pc e pistola
- nessuna nota disciplinare
- unico commissario (merito mio? demerito loro?)
- ?
Girai la testa in cerca di ispirazione. La finestra continuava a rimandarmi l'immagine di quel bianco integrale che da giorni a Pordenone soffocava ogni spirito natalizio. Ritornai sul blocnotes.
Come inizio non mi pareva un granché.
Poi per fortuna suonò il telefono.
“Sì?” risposi, mentre cancellavo l'obbrobrio che avevo appena scritto.
“Armelie, c'è stato un omicidio.”
“Dove?”
“Roveredo, Via dei Normanni 32, villa Terriani. Hanno ucciso l'anziana proprietaria, strangolata. Franzina sta già cominciando i rilievi. Adesso chiamo anche il pm e il medico.”
“Terriani, hai detto?”
Conoscevo quella famiglia, e ricordavo bene anche la casa. C'era stato un periodo nella mia vita in cui stavo più lì che a casa mia.
“Sì, Michela Terriani.”
“Arrivo subito, Luca.”
Davanti agli occhi presero a danzarmi vecchi ricordi.
Anna Terriani, seconda B. Il professor Guido e la moglie Michela, professoressa anche lei.
Il bel Maurizio...
Prime esperienze, sogni, progetti. Mi sentii avvolgere da un improvviso senso di nostalgia. Eravamo tutti belli allora, il mondo era ai nostri piedi, e noi ci camminavamo sopra a piedi scalzi.
Sollevai la cornetta e chiamai la sala agenti.
“Ciao Buset, prendi una macchina, si va a Roveredo.”
“Subito dottoressa”.
Presi dall'attaccapanni l'husky perla Regent Street e mi fiondai giù per le scale.
La nebbia mi avvolse non appena uscii dall'edificio. Feci persino fatica a vedere la pantera con Buset e Mattiussi che mi aspettava lì davanti.
Immettendoci nella rotonda di via Molinari rischiammo quasi subito un incidente. Dissi ai ragazzi di rallentare, che tanto la scena del crimine era già presidiata dai nostri. Ma attraversata la circonvallazione entrammo in un muro bianco da aprire con il machete.
Con la sirena che moltiplicava il senso di straniamento, i pochi minuti del tragitto sembrarono un'eternità. A un certo punto dissi a Mattiussi di fermarsi, in modo che Buset potesse scendere a pulire il parabrezza da cui non si vedeva la fine del cofano. Come uscì dalla macchina l'agente fu inghiottito da quel nulla che ci circondava. Ma rientrò con un balzo dopo pochi secondi.
“Via veloci! Ci siamo fermati in mezzo a un incrocio!”
A quarantasei anni Armelie Bernardi faceva il lavoro che aveva sempre desiderato, abitava in una casa che adorava, e aveva una vita sentimentale assolutamente incasinata. Fra il suo primo brillante periodo nella polizia, e l'amaro ritorno, c'era stato un lungo intervallo di tempo in cui era prima andata per il mondo a ritrovare il bandolo della sua vita, e poi aveva aperto un'agenzia investigativa in società con Giorgio Romani, un suo ex-indiziato. Esperienza abortita in poco meno di un anno. Una storia a tinte forti la sua, dove però luci e ombre non offuscavano la sua immagine di ragazza tosta, quasi avvocato, titolare delle più famose inchieste di Pordenone. E adesso, quattro anni dopo quel ritorno, era lei il boss, la guida. Lei che viveva con una gatta nella casetta ereditata dalla nonna. Un rifugio dove durante il fine settimana aveva ripreso a ospitare il suo vecchio boyfriend, Federico. L'ennesimo equivoco di una vita impulsiva e spregiudicata.
Arrivati a destinazione, lasciammo l'auto a Mattiussi, entrammo dal cancello piantonato da un agente e attraversammo un piccolo giardino a effetto jungla.
La casa del professor Terriani restituiva nella nebbia solo parziali dettagli architettonici. Come il portico a tre gradini o l'elegante bovindo sulla parte destra della facciata. Ricordavo la casa come un cottage bianco a due piani con un'aria vagamente coloniale.
Legata a una corta catena in fondo al portico, una grossa lupa, c'era sempre stata una lupa dai Terriani, alternava strazianti guaiti a feroci ringhi verso quel continuo via vai di estranei.
Una volta dentro, l'impressione coloniale della facciata veniva puntualmente confermata dall'arredo ricco di bambù, tappeti, armi bianche e soprammobili orientaleggianti.
Tutto come allora.
Ci fermammo a indossare le solite soprascarpe, quindi dall'entrata passammo a sinistra nell'ampio salone su cui si affacciava la balconata del piano superiore. E lì fra agenti e lampade alogene, legata su una sedia al centro di un grande Malayer, c'era una donna con la testa argento abbandonata sul petto. La signora Michela, l'anziana vedova del professore.
Malgrado la situazione, non riuscii a impedirmi di curiosare intorno alla ricerca dei tanti ricordi di quel tempo perduto. Un tempo senza cellulari, internet e i social. L'ultimo dei tempi migliori.
Scambiando la mia sosta al limitare della sala come attesa di un preliminare rapporto sulla situazione, Luca Giscanti si staccò dal gruppo e mi venne incontro.
“Ciao Armelie. Il cadavere della signora Terriani è stato scoperto questa mattina dalla sua colf Maria Lantero, un'ecuadoregna che lavora qui da parecchi anni. Quella donna seduta lì sul divano. È lei che ci ha telefonato.”
La vidi in bilico all'estremità di uno dei due vecchi divani in cuoio bordeaux, disposti ad angolo retto al centro del salone.
“Ma c'è dell'altro, Armelie, e non ti farà piacere.” Luca fece una piccola pausa come a prendere coraggio. “Ce lo dirà meglio il dottore che ormai dovrebbe essere in arrivo, ma ti posso anticipare che la povera signora è anche stata torturata.”
“Santo cielo! Fammi vedere.” E mi avviai decisa verso la vittima.
Al mio avvicinarsi, gli agenti che stavano lavorando intorno al cadavere si fermarono e si scostarono. Subito si creò un pesante silenzio.
La signora Michela era stata strangolata con un cordino, il profondo segno sul collo non lasciava dubbi. Ma una chiara bruciatura di sigaretta sul dorso della mano sinistra, un'altra sul lato destro del collo e un'altra orrenda all'angolo dell'occhio destro testimoniavano il trattamento disumano cui la vittima era stata sottoposta prima di morire. L'odore di carne bruciata si sentiva ancora, mescolato con quello di una grande macchia di orina sotto la sedia.
Guardai Franzina, il sovrintendente che stava gestendo i rilievi scientifici.
“C'è dell'altro?”
“No, dottoressa. Quello che ha visto è tutto. Evidentemente la signora dev'essere crollata subito.”
“Maledetti, che possano bruciare all'inferno per l'eternità.”
Un trambusto nell'entrata ci annunciò l'arrivo del pm Santigiovanna e del dottor Brizzani. Dopo i saluti e le maledizioni sulla nebbia, il pm si appartò con me per avere i primi ragguagli sul caso, mentre il dottore andava a esaminare il cadavere.
Aggiornato il pm, e mentre ognuno continuava a svolgere il suo compito sulla scena del crimine, cominciai a girovagare per la casa per farmi un'idea più precisa e personale dei fatti.
Notai subito che una serie di cassetti erano stati aperti. In particolare, nello studio erano stati controllati tutti quelli della scrivania. Lì su un basso scaffale riconobbi anche le due statuine d'avorio giapponesi, il samurai e la geisha che faceva le corna, che allora stavano su un mobile del salone. Salii quindi al piano superiore, dove c'era un agente che stava lavorando, e vidi che il portagioie della camera grande era stato svuotato e una serie di cassetti aperti.
Alla fine tutto l'ambiente sembrava essere stato esplorato, ma senza presentare il particolare “aspetto di sottosopra” tipico di quando si cerca dappertutto, anche negli angoli più reconditi. I ladri sanno benissimo che per paura dei furti la gente nasconde i suoi valori sparpagliandoli nei posti più impensabili della casa. Più che una perquisizione vera e propria, l'impressione era quella di un maldestro tentativo di sviare le indagini. D'altra parte la tortura faceva capire che l'assassino aveva già ottenuto dalla vittima tutte le informazioni necessarie per trovare quello che cercava.
Nel frattempo Buset aveva rinvenuto il portafoglio della signora in una borsetta riposta nell'armadio guardaroba dell'entrata. C'erano dentro circa trecento euro, il fabbisogno per la spesa corrente.

Maria Lantero aveva capito che qualcosa non andava quando, arrivata alle 8.30 come al solito, aveva visto Nina legata nel portico. Entrata in casa con un brutto presentimento, aveva trovato la povera signora lì in mezzo al salone e subito aveva chiamato la polizia. Di sicuro la sera prima la signora Michela aveva ricevuto qualcuno che conosceva, ma che non doveva essere un abituale frequentatore della casa. E questo spiegava perché, prima di farlo entrare, aveva dovuto legare Nina. La signora teneva molti soldi in casa o gioielli? Sì, c'erano gioielli nel portagioie in camera, ma lei non avrebbe saputo dire il loro valore. Però ricordava che qualche anno prima la signora aveva ereditato alcuni vecchi gioielli di famiglia, che ora aveva intenzione di passare alla figlia. Per quanto riguardava i soldi, anche qui la donna non seppe dire granché, se non che la signora la pagava con dei contanti che prendeva da un cassetto dello studio.
“Ha per caso notato qualche altro particolare?”
“Sì, i capelli.”
“In che senso?”
“Quando stava in casa li portava raccolti dietro con un nastro. Mentre adesso sono sciolti.”
Il particolare era confermato dal nastro trovato sulla mensola del wc vicino allo studio. Probabilmente la signora se l'era tolto prima di uscire a legare il cane. Un visitatore di sesso maschile?
I primi riscontri del medico legale confermarono quanto avevamo già rilevato. La signora Michela era stata strangolata con un cordino molto robusto e di sezione rotonda, del tipo di quelli che si usano per stendere la biancheria. Non essendo un oggetto di pronta reperibilità, ne conseguiva che molto probabilmente l'assassino l'aveva portato con sé. E questo dimostrava la premeditazione. Una estesa ecchimosi nella zona occipitale indicava che la vittima era stata tramortita alle spalle con un corpo contundente di forma allungata e tondeggiante. Ma fra i vari oggetti della stanza non ce n'era nessuno che a prima vista presentasse caratteristiche compatibili. In attesa dell'esito dell'autopsia il dottor Brizzani collocava l'ora della morte in un intervallo di tempo compreso fra le 21.30 e le 22.30 della sera precedente.
“Bene, Luca. Direi che potremmo anche rientrare in sede a tirare le fila del caso con i primi elementi raccolti. Lascerei qui solo Franzina a terminare i rilievi.”
Quindi mi rivolsi al pm che stava parlando col dottore.
“Dottor Santigiovanna, noi rientriamo e facciamo subito una riunione. Viene anche lei?”
“Sì, vi seguo. Ammesso che riesca a starvi dietro in quella nebbia.”
Durante il lento tragitto di ritorno cominciai a fare alcune penose considerazioni sul caso. Una famiglia veramente disgraziata, i Terriani. Prima l'incidente di moto dove perse la vita Maurizio, allora poco più che ventenne. Poi, sette od otto anni fa, la misteriosa scomparsa del professor Guido. Diventato dopo la pensione scrittore di romanzi polizieschi a sfondo esotico, era uscito di casa una sera per recarsi dal suo editore e non era più rientrato. Adesso l'orrendo omicidio dell'anziana moglie. E chi lo avrebbe detto ad Anna? Toccava a me, naturalmente, anche se ormai erano parecchi anni che ci eravamo perse di vista. E non mi restava che sperare di raccogliere dalla mia vecchia compagna di classe almeno qualche informazione che potesse far luce sulla morte della madre.
Quando ci ritrovammo al grande tavolo ovale della sala riunioni, erano da poco passate le 11.30. In piedi vicino alla lavagna mi offrii di fare una prima sintesi degli avvenimenti. Davanti a me, affondati nelle comode poltrone presidenziali, il pm e Luca aspettavano l'apertura ufficiale del caso.
“Allora, abbiamo l'omicidio di un'anziana signora, strangolata nella sua villa dopo una breve tortura. Il fatto è avvenuto ieri sera fra le 21.30 e le 22.30. L'assassino, presumibilmente un uomo, era conosciuto dalla vittima, anche se non abituale frequentatore della casa. Lo starebbe a dimostrare l'assenza di qualsiasi effrazione e il fatto che la donna prima di aprire il cancello abbia legato il cane alla catena del portico. Vale anche la pena di ricordare che la donna era la moglie di un anziano professore, scomparso misteriosamente parecchi anni fa e mai più ritrovato. Mi pare che del caso si fosse occupato all'epoca l'ispettore Biscontin.”
Feci una breve pausa per controllare i punti che avevo messo giù sulla lavagna. Poi ripresi.
“La casa è stata perquisita dall'assassino, non si trovano più né i gioielli, né grosse somme di contanti. È anche vero che la cosa sembra un po' posticcia, almeno per due motivi. Il primo è che non c'è nessun segno di ribaltamento, come quando un ladro fruga in ogni dove per trovare tutto quello che può essere stato nascosto. Il secondo è la tortura, che indica come l'assassino volesse qualcosa di preciso. Qualcosa che deve aver trovato subito, vista anche la breve durata delle sevizie.”
“Ma cosa poteva mai cercare,” fece il pm, “in casa di un'anziana signora che, come lei mi ha anticipato, dopo la scomparsa del marito viveva appartata nella sua villa?”
“Questo è il primo punto su cui ci dovremo concentrare e su cui spero di ottenere già qualche utile indicazione dalla figlia Anna. A proposito, Luca, ci penserò io dopo a informarla del fatto, visto che è una mia vecchia amica. Tu intanto potresti fare un supplemento di interrogatorio a Maria Lantero per farti dire i movimenti della signora nella giornata di ieri. Se è uscita, a che ora, dov'è andata, eccetera. Pure un controllo telefonico non sarebbe male, per sapere se la visita era stata anticipata o è stata inaspettata.”
“Anche se,” aggiunse il pm, “il nastro lasciato nel gabinetto a piano terra sembrerebbe suggerire una sistemazione frettolosa, tipica di una visita improvvisa.”
“Sì, ha ragione, ma un controllo vale comunque la pena di farlo, può sempre uscire qualcosa.”
“Procederò subito in tal senso” disse Giscanti. Che poi aggiunse: “Secondo me dovremo anche approfondire la strana coincidenza fra la morte della signora e la scomparsa del professore. È vero che da allora a oggi sono passati un numero tale di anni da rendere altamente improbabile un nesso tra i due fatti. Ma a ogni buon conto ho intenzione di dare subito un'occhiata a quel vecchio caso e domani stesso credo di essere in grado di relazionarvi in proposito.”
“Ottima idea, Luca. E io farò una telefonata a Biscontin per chiedergli se domani può venire anche lui, visto che è quello che conosce meglio i fatti di allora.”
“Quando avremo l'esito dell'autopsia?” chiese Santigiovanna.
“Il dottore mi ha detto lunedì” rispose Giscanti.
“Dottor Santigiovanna, le va bene aggiornarci domani alle nove? Tu Luca, pensi di farcela?”
“Credo di sì, ma non per il controllo telefonico, per quello ci vuole un po' più di tempo.”
“Faremo la riunione con quello che avremo. Ma sono sicura che dopo l'incontro con Anna la situazione sarà già molto più chiara.” Riquadrai gli appunti sulla lavagna e ci misi la data.
“Adesso, se non avete altre domande, proverei a contattarla.”
Luca e il pm si alzarono.
Salutai con la mano il pm e risposi al cellulare che aveva preso a vibrare.
Era l'ispettore Bignol che mi chiamava dall'ufficio.
La mia imprecazione bloccò Santigiovanna e Giscanti che stavano uscendo dalla porta.
Si girarono verso di me con fare interrogativo.
“Strangolata in casa. Come la madre.”
Giorgio Ronco
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto