Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Riccardo Bruni, da un piccolo sito web negli anni 90, su cui pubblicava i primi racconti, fino ad arrivare alla presentazione del suo romanzo "La notte delle Falene" al Premio Strega. Ha partecipato a vari progetti collettivi, tra cui YouCrime di Rizzoli, in collaborazione con il Corriere della Sera. Scrive sul quotidiano La Nazione, su Giallorama.it, di cui è uno dei fondatori, e collabora con varie realtà del web, tra cui Toscanalibri.it. In questa intervista racconta la sua storia a Writer Officina.
Oriana Fallaci, l'intervista impossibile a una scrittrice mai morta. Prima di approdare al romanzo e al libro, Oriana Fallaci si dedicò prevalentemente alla scrittura giornalistica, quella che di fatto le ha poi regalato la fama internazionale. Una fama ben meritata, perché a lei si devono memorabili reportages e interviste, indispensabili analisi di alcuni eventi di momenti di storia contemporanea. La raccolta delle sue grandi interviste con i potenti della Terra venne poi inglobata nel libro "Intervista con la storia".
Vito Catalano è nato a Palermo nel 1979. Da anni Lavora ai documenti d'archivio del nonno, Leonardo Sciascia. In una vita fra Italia e Polonia (dove per anni ha tenuto lezioni di scrittura italiana agli studenti di Linguistica Applicata dell'Università di Varsavia), ha pubblicato numerosi articoli sui quotidiani Il Messaggero, Il Riformista, La Sicilia e quattro romanzi: L'orma del lupo (Avagliano editore 2010), La sciabola spezzata (Rubbettino 2013), Il pugnale di Toledo (Avagliano editore 2016), La notte della colpa (Lisciani Libri 2019).
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Maria Cristina Bellini
Titolo: Amanda e i segreti per sedurre l'uomo giusto
Genere Narrativa
Lettori 307 1
Amanda e i segreti per sedurre l'uomo giusto
Ullallà, nientemeno che la seduzione!
Amanda era davvero elettrizzata quel pomeriggio, e anche parecchio soddisfatta. L'ultima occhiata allo specchio prima di uscire di casa le aveva rimandato un'immagine che le era proprio piaciuta, con quell'abbronzatura dorata. Invece di partire in vacanza aveva deciso di trascorrere le ferie andando al mare vicino alla sua città per poter così continuare le sue lezioni d'inglese e lo studio in vista del cambio di ruolo al lavoro.
Ne aveva approfittato per camminare nell'acqua fresca sotto il sole e durante quell'attività meditativa sognava come avrebbe impiegato per i suoi progetti l'aumento di stipendio derivante dalla sua nuova posizione. Si sentiva pronta sia per le nuove mansioni sia per rivedere la Coach e continuare il proprio percorso che non sapeva davvero dove l'avrebbe portata stavolta. Infatti era piacevolmente stupita degli evidenti risultati ottenuti mettendo in pratica le indicazioni ricevute nella prima parte pur se ancora nessun uomo giusto si stagliava all'orizzonte nella sua vita. Sospirò, intanto aveva buttato parecchi nuovi semi. Come al solito parcheggiò, prese la borsa e suonò il campanello.
Nell'attesa considerò che quelle due settimane fra le sessioni erano letteralmente volate facendo i compiti e le passeggiate lungo la battigia. Durante una di queste aveva incontrato dopo molto tempo Roberta, una ragazza che conosceva da quand'erano adolescenti perché compagna delle superiori dove comunque frequentavano classi diverse. Si fecero una gran festa dato che si erano sempre trovate molto bene insieme e rimasero a chiacchierare a lungo aggiornandosi sulle rispettive vite. L'altra propose di rivedersi per una pizza, aperitivo o altro, Amanda accettò l'invito con entusiasmo e così si scambiarono i numeri di telefono. Dopo qualche giorno la chiamò e fissarono la data per la loro serata in uno stabilimento balneare, uscita che risultò molto divertente e pure gustosa dato che si trovavano d'accordo anche in fatto di cibo. Quella compagnia ritrovata dopo così tanto tempo era una piacevole novità che vedeva come un arricchimento nei suoi rapporti personali perciò di particolare importanza in quel particolare momento così delicato. Sperava in sviluppi divertenti e nella rinascita di una vecchia amicizia che era stata davvero molto importante per lei durante l'adolescenza.

La ragazza entrò in auto, mise in moto e partì con in testa le idee ricevute nella sessione appena conclusa.
Entrata in casa stava per buttare le chiavi sul tavolo del soggiorno, gesto che faceva di solito e si trattenne. Come si chiamavano quei contenitori, svuota tasche? Aveva giusto un bel tavolino proprio nell'ingresso in cui uno di quelli ci sarebbe stato non solo proprio bene ma anche molto utile. E pure la borsa, anziché per terra, dove poteva stare? Sospirò, sapeva di aver preso quelle abitudini perché in casa sua saliva ogni tanto giusto sua madre, che poi le diceva di mettere in ordine, e nessun altro, cioè no, anche suo padre quando gli chiedeva di aggiustarle qualcosa ma lui non si lamentava mai del disordine o della scarsa pulizia.
Realizzò anche come avesse ricontattato le amiche del gruppo e non le era nemmeno passato per l'anticamera del cervello di invitarle da lei a cena o a bere qualcosa anche per mostrare la sua nuova sistemazione in cui avrebbero avuto tutta la libertà che desideravano. In pratica aveva soltanto fatto sapere di essere andata ad abitare per conto suo nell'appartamento sopra a quello dei genitori senza spiegarne i motivi né raccontare quello che era successo. Era stata accolta con gioia dalle altre che le avevano proposto di fissare una data per vedersi al solito pub e lei aveva accettato con piacere di partecipare.
Vabbè la tana, ma così forse era anche un po' troppo, in effetti. Si cambiò, preparò la cena, mangiò e mise i piatti nel lavandino insieme a quelli del pranzo. Sapeva di essere fortunata a tornare a casa nell'intervallo e aveva anche il tempo di cucinare, poteva trovare pure quello per lavare subito le stoviglie anziché una sola volta la sera? Certo che sì, in tutto ci metteva ben pochi minuti, ottimo, avrebbe fatto così e si sentì molto soddisfatta da questa decisione. Per quanto riguardava la casa rimandò l'ispezione al mattino dopo dato che era di riposo approfittando della luce del sole che metteva in risalto anche il pulviscolo che si nascondeva nei punti più reconditi.
Il risultato dell'attenta osservazione anche a testa per aria fu abbastanza soddisfacente, nulla di rotto, niente crepe e i pavimenti erano a posto. Le venne in mente di mettere in pratica il segreto suggerito dalla Coach perciò uscì sul pianerottolo, prese un bel respiro, chiuse gli occhi per un istante e poi si affacciò sulla porta. Nel farlo si accorse che lo zerbino sotto i suoi piedi era diventato davvero indecente, scolorito e pelato quindi era assolutamente da sostituire, e anche al più presto.
La panoramica della stanza le fece notare come le tende fossero perlomeno da lavare, il copridivano aveva gli orli sfilacciati e il nastro della tapparella andava sostituito, l'avrebbe chiesto a suo padre. Il divano poi manifestava in tutto e per tutto la sua condizione di single dato che era rimasta libera giusto la sua seduta perché il resto era stato occupato da giornali, riviste di lavori a maglia, coperte buttate qua e là in attesa di essere usate appena fosse tornato il fresco e telecomandi dei vari dispositivi. Mise le mani sui fianchi e poi si grattò la testa, da quel nuovo punto di vista il panorama era un tantino desolante, nulla di esagerato ma insomma, ne aveva comunque di cose da migliorare se voleva. Cioè, in pratica davvero come stava succedendo nella sua vita in quel preciso momento, che buffo.


E il guardaroba no?
Si era rinfrescato, quel pomeriggio del secondo appuntamento la giornata era grigia. Il suo umore invece no perché era proprio contenta dei risultati pratici di quanto aveva fatto. Le migliorie all'appartamento erano state poco dispendiose e avevano donato un'aria di freschezza lasciandolo tirato a lucido. Insomma, poca spesa e molta resa! Suo padre le aveva lasciato una lista di altri piccoli lavoretti che le suggeriva di fare pian piano e si era congratulato con lei per l'iniziativa. - Continua così e avrai la tua casa sempre nuova, bella e sana senza spendere grandi cifre - - le aveva detto manifestando non soltanto la propria approvazione ma anche la contentezza per quel progetto. Stavolta non aveva brontolato o tirata per le lunghe, segno che anche lui ci aveva pensato e ad Amanda era piaciuta molto quella loro complicità.
Naturalmente si era ben guardata dal rivelargli il motivo principale per cui l'aveva fatto, quello no, non doveva proprio saperlo! Riferì le sue considerazioni e risultati dopo aver ricevuto annusatine e leccotti da Julie ricompensati con tante carezze.
Una volta accomodate sulle poltrone la Coach esclamò: - Molto bene, vedo che sei soddisfatta! - L'altra assentì sorridendo e la padrona di casa riprese: - Continuiamo con il discorso di tenere in ordine te e tutto ciò che ti riguarda. Nel frattempo ti consiglio vivamente di nutrire e coltivare almeno una pianta perciò prendine una con l'obbiettivo specifico di farla crescere rigogliosa. Dovrai vedere in quale posizione sta meglio e di quanta acqua e fertilizzante ha bisogno. E non soltanto, ti serviranno gli attrezzi del mestiere. Immagino che ti stia chiedendo cosa c'entri questo col tema principale della seconda parte del percorso, la seduzione. Te lo suggerisco in particolare in questo momento in cui stai costruendo, o meglio, tirando fuori te stessa, perché è importante prenderti la responsabilità di un piccolo essere vivente sintonizzandoti sulle sue esigenze. Ci hai mai provato? - . La ragazza rispose: - Oh sì, tanto che ho pensato di avere il pollice nero, le ho uccise tutte! - risero entrambe di gusto – No, veramente avevo la pretesa che crescessero in casa al buio e fradice, così ho lasciato perdere quando invece mi fermo ad ammirare i balconi da cui scendono piante adorne di fiori bellissimi. Ma come fanno? - .
- Gran bella domanda da estendere a tutto quello che ti interessa. È definito modeling, in PNL. Allora, puoi guardare in Internet per documentarti sulla coltura delle varie specie e poi, come sempre, agire! Cioè mettere in pratica quello che impari e non lasciare lì la pianta per accorgerti un giorno che ormai è da buttare via.

Perché sei donna, tutto si fa, per te...
Terza sessione della seconda parte, di già! Via di corsa, altrimenti sarebbe arrivata in ritardo. Si ricordò di prendere al volo il blocco note anche se non lo consultava da un pezzo visto che aveva avuto molto da fare nella pratica. La luce delle giornate stava cambiando annunciando l'avvicinarsi del cambio di stagione anche se le temperature erano ancora decisamente gradevoli. Prese un bel respiro profondo prima di suonare il campanello e si ricordò della prima volta, quante cose erano cambiate! Cose o lei?
Non fece in tempo a darsi una risposta perché la porta si aprì, entrò, soliti saluti e coccole a Julie poi via di sopra nello studio. La micia la raggiunse ancheggiando a coda dritta per poi sedersi con grazia a fianco della sua poltrona. La ragazza, dopo essersi sistemata, riferì alla Coach quello che aveva fatto e cosa c'era in programma manifestando la propria soddisfazione.
Le riferì le proprie considerazioni su Monica e si commosse parlando di come i genitori avessero aderito con gioia alle sue proposte: - Non me l'aspettavo così, ecco! Ci vogliamo bene, certo, solo che pur abitando nella stessa villetta ultimamente ognuno si faceva i fatti propri senza partecipare alle rispettive vite. Beh, soprattutto perché ero io a evitarli dopo la disastrosa chiusura della relazione con Luigi, non sapevo cosa dire. Adesso invece grazie a questi progetti ci frequentiamo per organizzare e fare e, insomma, è una piacevole novità di cui siamo tutti contenti, lo vedo bene da come si comportano e dalle loro espressioni. E poi – fece una breve pausa – ho cercato e ritrovato il mio materiale per il disegno.
Anche se nel primo percorso abbiamo parlato di passioni e creatività la mia è rispuntata adesso per via della nuova mansione al lavoro, sembra proprio incredibile come le cose si incastrino e proseguono. Sì, mi sono immaginata pure che potrei proporre qualche mia creazione da realizzare e commerciare, mettere in vendita. Adesso è del tutto prematuro ma insomma, se poi non dovesse andare lì ci sono sempre i mercatini, le fiere. Sono stata proprio felice di rivedere i miei strumenti, dovrò sostituirne molti dato che nel tempo si sono rovinati non usandoli. Anche questa comunque sarà una ricerca avvincente - .
- Ottimo, sono notizie fantastiche, dammi il cinque! - si scambiarono il gesto – Per tornare a noi qui e ora mantenendo queste bellissime sensazioni, l'argomento di oggi sicuramente ti conquisterà. Parliamo di femminilità, questa sconosciuta! Infatti avrai letto anche tu sui media reazioni da parte di tante ragazze del tipo: “La femminilità?! Cos'è, a cosa ci serve? Noi donne siamo meglio degli uomini!”. A parte la parità dei diritti duramente conquistata non sono assolutamente d'accordo sulla questione dell'essere meglio o peggio.
Per me se la vedi così ti assicuri un rapporto di coppia sfinente, a braccio di ferro su chi ha torto e chi ha ragione, da vivere sul ring ogni giorno. Ti invito a rendere funzionale la tua prospettiva al riguardo considerando l'antropologia e la percentuale. Cambiano i tempi e di conseguenza i modi di vivere dell'essere umano, la sua natura, no. Anche se abbiamo migliorato le condizioni della vita sulla Terra, e non ancora per tutti, i nostri meccanismi mentali sono quelli dei primi esseri umani. Scommetto che anche tu hai conosciuto uomini che, per le loro maniere, discorsi e aspetto sembravano proprio appena usciti da una caverna! - Amanda assentì ridendo. La Coach riprese: - Con la percentuale intendo il criterio per cui ognuno può dare e fare in proporzione a quello che possiede e a come è fatto.
Cioè, se io che sono donna mi devo sforzare per alzare una cassa di frutta che pesa quindici chili, per un uomo invece sarà facile. Allora ad esempio perché pagare a metà un affitto quando il tuo stipendio è inferiore a quello del tuo uomo? Il mio consiglio è di dimostrare la tua autonomia e indipendenza in altri modi altrimenti rischi alla grande di fregarti per prima da sola complicandoti la vita con le tue stesse mani. Infatti un rapporto di coppia sano non è un incontro di boxe o uno sforzo continuo per far vedere al tuo partner quanto vali e quanto fai.
Il tuo contributo deve esserci, ovviamente, e nei tempi e nei modi che ti consentono di star bene, realizzarti ed espandere la tua personalità invece di sacrificarti. Ad esempio a te non piace stare ai fornelli mentre il tuo lui è appassionato di ricette? Lascialo cucinare, apprezza ciò che fa e tu dedicati alle attività casalinghe che ti piacciono e ti riescono meglio. Scriviti questa regola a lettere di fuoco nella tua mente: vuoi un uomo che agisca come tale nei tuoi confronti? Lasciaglielo fare comportandoti da donna! - .
La ragazza scrisse manifestando la propria curiosità: - Detta così sembra scontata, eppure in qualche modo intuisco che invece non lo è. Uh, riflettendoci mi immagino un sacco di esempi - . La Coach spiegò: - Oltre alla cura e alla pulizia di te stessa come dicevamo nelle sessioni precedenti la femminilità vuol dire comportarti da donna, vestirti da donna, sentirti donna. La postura è fondamentale, tieni le spalle dritte invece di sembrare un sacco di patate. Focalizzati sui tuoi movimenti per renderli fluidi, invece di muoverti a scatti e fare gesti bruschi, rallenta e muoviti con calma. Quando ti siedi appoggiati bene con la schiena. E allenati in casa quando nessuno ti vede, meglio se davanti allo specchio. Sarai stupita di vedere come cambia il tuo atteggiamento mentale migliorando il tuo modo di camminare, di stare seduta e di muoverti - .
Un argomento scottante
Tuoni, fulmini e acqua a catinelle, accipicchia che temporale coi fiocchi! Per fortuna trovò parcheggio proprio lì davanti e quando entrò e lasciò l'ombrello non vide Julie. Stupita salì le scale e la trovò acciambellata sulla sua poltrona: - Te la stava scaldando - - disse la Coach facendola scendere. La micia protestò poi andò a riprendere il suo pisolino accoccolandosi dentro la cesta con la copertina colorata. - Uh, ma che bella la tua borsa! E mi sembra anche molto pratica - - esclamò la padrona di casa.
Amanda sorrise: - Piace parecchio anche a me e, pensa, l'ho trovata riorganizzando i vestiti. Era finita dietro a un mucchio di felpe e mi ero dimenticata di averla, come un bel po' di altre cose, del resto. È meglio anche di quella fucsia che già per me era stata una ventata di novità, così colorata. Che scoperte che sono arrivata a fare! A proposito, o anche no, la volta scorsa parlavi di un consiglio sul sesso al primo appuntamento e quindi ti chiedo, va bene farlo? È una domanda che mi sono posta ultimamente, sì, cioè, se mi capita l'occasione come mi comporto? - .
L'altra rispose: - È in effetti un'eventualità che può succederti. Mettiamo il caso che tu l'abbia conosciuto tramite amici o a una festa, lui ti ha chiesto il numero di telefono e sei contenta perché quell'uomo o ragazzo ti è piaciuto al primo sguardo, è stata una questione di pelle. Dato che vuoi trovare quello giusto speri che si faccia vivo, conti di rivederlo e siccome lui ha cercato il contatto fisico con te ti chiedi, appunto, cosa fare. Non è un fatto solo di etica del sesso, di cui abbiamo già parlato, e la risposta giusta a questa domanda dipende da quello che stai cercando cioè dal tipo di rapporto di coppia vuoi vivere, come sempre. Ti interessa una relazione matura? - . La ragazza non dovette pensarci su: - Sì, come ho letto nel tuo libro. Anche se non sono proprio in quell'età considerata tale mi intrigano molto i criteri di questo modello di rapporto così come in particolare la negoziazione per trovare soluzioni buone per entrambi. E soprattutto il fatto di avere le idee chiare sul tipo di storia che si vuole, per quanto è possibile, ecco! - .
La Coach riprese: - Allora in questo caso ti consiglio di non fare sesso al primo appuntamento e se lui insiste per lasciarlo salire a casa tua magari incolpandoti di averlo illuso o stuzzicato quando tu sai bene che non è così rifiuta con decisione e lascialo perdere, chi si comporta in quel modo non è certo l'uomo giusto. Se dovesse poi farsi sentire ancora per chiederti di uscire di nuovo chiarisci che stai cercando tutt'altro tipo di situazione e che non te la tiri per farlo diventare matto ma invece vuoi capire se può nascere una relazione seria fra di voi.
In altre parole puoi dargli un'altra chance per vedere se quello fosse stato un episodio isolato, qualcosa che lui non fa di solito. Pensa, anche quando vorresti accettare una trombamicizia non è il caso di farlo. Ricordati che questo tipo di relazione si decide a tavolino, dovete volerla entrambi in questo momento della vostra vita per il periodo che vi è funzionale. Perciò anche in questa situazione non ti conviene andare a letto insieme appena vi incontrate senza averne parlato dando invece per scontato che anche l'altro stia cercando una storia di letto senza impegno. Difatti potrebbe essere proprio lui a volerne invece una seria e anche se accetta la tua proposta é molto probabile che poi sparisca perché ha creduto che tu non voglia altrettanto. Purtroppo è facile cadere nei malintesi in un'occasione del genere dato che non vi siete conosciuti più di tanto come persone e soprattutto perché non avete chiarito fra di voi cosa state cercando in un partner. Solo in un caso specifico può darti solo divertimento senza l'angoscia di stare a chiederti davanti al telefono come mai lui non si fa sentire cercando spiegazioni dalle amiche sui motivi del suo comportamento. Così non andrai in crisi perché temi di non essergli piaciuta a letto o di aver fatto qualcosa di sbagliato nei suoi confronti.
Maria Cristina Bellini
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto