Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Mariano Sabatini (Roma, 18 marzo 1971) è un giornalista, conduttore radiofonico e scrittore. Ha iniziato a lavorare nel 1992 come cronista per una testata romana. Due anni dopo viene chiamato da Luciano Rispoli a sostituire un autore del Tappeto Volante su Telemontecarlo. Da allora ha proseguito parallelamente l'attività giornalistica e quella di autore televisivo. I suoi ultimi romanzi sono: L'inganno dell'ippocastano e Primo venne Caino, con protagonista il giornalista investigatore Leo Maliverno.
Alessandro Morbidelli nasce in Ancona il 4 marzo del 1978. Attualmente vive a pochi chilometri dal mare adriatico, nel Comune di Monte San Vito, dove lavora come libero professionista e docente presso Accademia di Belle Arti e Design Poliarte di Ancona. Il suo romanzo d'esordio è "Ogni cosa al posto giusto" (2010, Robin Edizioni). Nel 2017 esce "Storia nera di un naso rosso" (Todaro Editore), vincitore de L'angolo di Houdini del gruppo LLC (Leggo Letteratura Contemporanea). Nel 2019 è la volta di "Trenta cani e un bastardo".
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Michele Carini
Titolo: Il ragazzo del barcone accanto
Genere Narrativa
Lettori 204 1
Il ragazzo del barcone accanto
La strada davanti casa era rovente e polverosa, ma il cumulo di oggetti accatastati, che si stagliava lì affianco, era troppo interessante per non obbedire al papà che gli aveva chiesto sottovoce di uscire a giocare perché la mamma, che aveva mal di pancia, doveva riposare. Jamal invece poteva restare in casa perché non faceva mai chiasso. Solo lui veniva sgridato sempre. Questa era una cosa che lo faceva soffrire molto, ma non aveva voglia di pensarci. In quel momento c'era un mucchio di cose da scoprire, cose che erano appartenute al vicino di casa e che, dopo essere stato cacciato via dai miliziani, erano state messe lì dal nuovo inquilino. Due giorni prima aveva recuperato un libretto colorato un po' malconcio, ma interessante, e aveva trascorso un po' di tempo sfogliandolo parecchie volte. Quel giorno, però, non ebbe tempo per trovare alcun ba5
locco. Un uomo grande e grosso gli si avvicinò facendogli ombra. Non fuggì subito, ma rimase in allerta. L'uomo aveva con sé un fucile mitragliatore e un sacchetto di carta.
- Come ti chiami? - gli chiese.
- Omar. -
- Vuoi una caramella? -
- Sì. -
- Eccola! - disse il miliziano sorridendo.
Omar allungò la mano e prese la caramella, poi si voltò per correre verso casa, ma fu afferrato per un braccio e trattenuto a forza. Il padre di Omar, che nel frattempo aveva visto la scena dall'uscio di casa, si precipitò per intervenire, ma visto che il miliziano era armato fino ai denti, cercò di sorridere e di risolvere la questione con le buone.
- Buongiorno, capo, il bambino la sta disturbando? -
Il miliziano lo fulminò con lo sguardo e gli disse:
- Chi sei? Di che ti impicci? -
- Sono il padre. -
- Proprio te cercavo. Quanto vuoi per questo marmocchio? -
- Ma cosa dice? È matto? -
Il miliziano lo afferrò con forza per un braccio e lo costrinse brutalmente a chinarsi fino a terra. Poi gli puntò il kalashnikov alla testa e gli disse:
- Oggi è il tuo giorno fortunato. Non ti ucciderò se accetterai di vendermi il bambino. Sei d'accordo, vero? -
Il miliziano prese un rotolino di banconote e glielo infilò nella camicia.
- Tieni questi dollari, torna dentro e non uscire fino a che non sarà notte fonda. -
Poi trascinò via Omar, mentre il padre si rintanava in casa come un coniglio, nonostante il figlio gridasse e piangesse disperato.

- Omar, cos'hai stamattina? Fra poco devi andare a scuola, ma sarà difficile studiare piangendo. -
- Non ho niente, Rosina. Ho fatto solo un brutto sogno. -
- Cos'hai sognato? -
Omar si asciugò le lacrime con le mani e raccontò la sua disavventura, che ricordava spesso come un incubo che, dopo il risveglio, lo lasciava terrorizzato. Era la paura di un bimbo che rivede in sogno il volto di suo padre che, dopo aver ricevuto un misero compenso, si gira dall'altra parte e se ne va per sempre abbandonandolo tra le grinfie del suo nuovo padrone. Omar cercava di ricordare il suo passato, ma in quei momenti, nonostante ogni sforzo, non riusciva a mettere a fuoco nulla che andasse oltre il terribile passaggio di consegne dal suo genitore al vile mercante di bambini che l'aveva “acquistato”. Aveva voglia di conoscere le sue origini, quali fossero i luoghi che l'avevano visto nascere, quale fosse la sua nazione. Da qualche parte aveva una famiglia, un padre che probabilmente viveva con la morte nel cuore per aver ceduto il proprio sangue per pochi dollari a uno sconosciuto, una madre di cui ricordava vagamente i lineamenti, un fratello di cui era geloso perché credeva fosse trattato meglio di lui.

La casa famiglia per minorenni aveva già dieci ospiti prima dell'arrivo di Omar e Rosina ed era in progetto l'ampliamento, con l'obiettivo di crescita verso la forma di Comunità Educativa, con molti più ospiti e con altri collaboratori per la gestione e la guida dei ragazzi. Rosina era un'anomalia in quanto già maggiorenne, ma i casi della vita l'avevano legata al dramma del piccolo Omar e non era sembrato opportuno dividerli subito per non togliere un punto di riferimento al minore in difficoltà. L'amministratore Alfonso Surace aveva avuto questa raccomandazione in maniera confidenziale dal suo amico, il giudice Guglielmo De Vitis, che gliel'aveva assegnati. Omar era stato tempestivamente inserito in una scuola del quartiere, mentre Rosina avrebbe dovuto cercare un lavoro. Ma, mentre la ragazza sembrava aver superato il suo dramma personale, consistente in un rapporto violento col padre padrone e successivamente col datore di lavoro, il ragazzino era ancora traumatizzato e bisognoso dell'amorevolezza di un ambiente familiare. Parlando con Rosina, Alfonso la conobbe come una giovane donna dal carattere forte e dolce che gli ispirò presto fiducia e stima. Essendo anche dall'aspetto gradevole e dai modi gentili, gli ispirò anche altre aspettative. Fu così che, invece di invitarla a cercarsi un lavoro e conseguentemente un'altra sistemazione, ebbe un'altra idea. Il giorno che la esternò, Rosina l'accolse con la gioia di chi ha ricevuto una splendida sorpresa. Ma la felicità durò pochi istanti, rovinata da una serie di pensieri negativi che le fomentarono forti dubbi:
- Nella casa famiglia c'è sì bisogno di altro personale che coadiuvi nella gestione degli ospiti, ma è fin troppo evidente che una giovane donna come me, ospite solo da alcuni giorni, non sia necessariamente la persona giusta. Non mi risulta che per questo lavoro siano state fatte selezioni. -
Alfonso strinse la mano alla sua nuova collaboratrice con l'entusiasmo di chi è certo di aver fatto la scelta giusta e con la gioia di chi è convinto di aver legato a sé la donna che desidera. Le disse alcune parole di elogio e di incoraggiamento, poi, come premeditato, la invitò a pranzo. Fu in quel momento che Rosina ebbe la conferma ai suoi dubbi. L'amministratore le aveva parlato amabilmente più volte, ma non si sarebbe mai aspettata di ricevere quell'offerta, né aveva mai sospettato delle reali intenzioni di quell'uomo piuttosto in là con gli anni.
- Cavoli! Potrebbe essere mio padre se non addirittura mio nonno. Come può pensare mai che io possa cedere alle sue proposte? Impossibile, mi starò sbagliando, magari vorrà spiegarmi bene di cosa mi dovrò occupare - pensò Rosina preoccupata, subito dopo aver accettato l'invito.
Le cose andarono ancora diversamente, rispetto a come aveva ipotizzato. Il pranzo andò bene. La conversazione fu cordiale e gradevole per entrambi. Il tema principale riguardò la complicata situazione del piccolo Omar. In particolare, l'amministratore della casa famiglia temeva di non riuscire neanche a risalire alla nazionalità del ragazzino, di cui, tra l'altro, non conosceva l'età, anche se presumeva avesse circa dieci o undici anni. L'affido era solo provvisorio, in attesa di chiarirne la provenienza, ma rischiava di diventare a tempo indeterminato, come di fatto già lo era.
Rosina raccontò ad Alfonso quello che sapeva, anche se non era in grado di dare maggiori ragguagli rispetto alla versione ufficiale, nonostante avesse condiviso con lui alcune disavventure. Ricordava che Omar le aveva raccontato che, dopo essere stato portato via da casa, era stato messo su un camioncino ed erano stati in viaggio per molto tempo, finché non si fermarono in un villaggio ai margini del deserto. Poi le aveva detto che l'uomo che l'aveva “acquistato” lo aveva rimpinzato di ogni genere di cibo e di dolcetti e gli aveva insegnato a fare i conti e a leggere e scrivere il francese per un lasso di tempo ancora più lungo, finché non era stato rivenduto al balordo che lo aveva portato clandestinamente in Italia.
- Omar mi disse che quel porco lo sfruttava facendolo mendicare per le strade della metropoli. Ma lui non riteneva onorevole guadagnarsi il pane in quel modo, così, dopo essere stato picchiato più volte perché aveva osato protestare, finalmente aveva ottenuto di poter vendere tovagliette e altre minutaglie per le strade. E fu mentre era affaccendato in quella sua occupazione che lo notò il nostro amico Giorgio. -
- Chi? Il musicista di strada? - chiese Alfonso.
- Sì, proprio lui. In seguito mi ha raccontato come si sono conosciuti e in che condizione Omar si trovasse solo pochi giorni fa. -
- Lo racconti anche a me, vero? -
- Sì, certo, me lo ricordo perfettamente. Dunque, mi raccontò che:
“Una mattina, un uomo condusse un ragazzino davanti a un supermercato nelle vicinanze di una stazione della ferrovia ormai in disuso e gli consegnò una quantità di tovagliette.
- Omar, offrile a tutti e in cambio chiedi un euro. Attento a ciò che fai perché se non porti almeno dieci euro andrai a letto senza mangiare. Capito? - lo sentì ordinare.
Giorgio si trovava lì per elemosinare qualche centesimo e per strappare qualche applauso e seguì la vicenda rimanendo disorientato per la disperazione che si leggeva sul volto del ragazzino. Non appena l'uomo si fu allontanato, si avvicinò al giovanissimo mercante e gli chiese:
- È tuo padre? -
Il bambino balbettò qualcosa dalle sembianze affermative e si allontanò per timore che l'uomo che l'aveva accompagnato s'accorgesse di quella conversazione. Era evidente il disagio che provava e ancor più il terrore che si leggeva sul suo volto, anche se mascherato dal colore scuro della sua pelle. Giorgio non insistette e rimase nei paraggi a suonare la sua chitarra.
Un'anziana signora impietosita offrì del denaro al ragazzo, il quale inspiegabilmente lo rifiutò.
- Prendilo, prendilo. È tuo e te lo regalo con tutto il cuore - insistette la signora.
- No. Tu comprare tovagliette - spiegò il ragazzo con il suo italiano approssimativo.
- Ma io non voglio le tovagliette. Voglio donarti questi pochi spiccioli. -
- No. Io vendo tovagliette. Uno: un euro. -
La donna allora scelse due tovagliette e lasciò nelle mani del ragazzo gli euro che aveva deciso di donargli. Omar li contò e poi le restituì cinquanta centesimi.
- Questi sono di più - disse, restituendoli.
- Tienili, tienili pure - insistette la signora.
Ma il ragazzino fu irremovibile e non volle accettare l'offerta che era in eccedenza rispetto al prezzo delle tovagliette. L'episodio colpì Giorgio in modo particolare. Non riusciva a capire il motivo di quel drastico rifiuto e così avvicinò nuovamente il ragazzino con la scusa di comprare una tovaglietta.
- Dammene una perché a casa non ne ho. -
Ma lui lo fissò perplesso e finse di non capire. Poi si allontanò con disprezzo avendo compreso che intendeva indagare su di lui.
- Perché non mi vendi una tovaglietta? -
- A te no. A te no - ripeteva sfuggendogli.
Poi tornò il padre. Lo prese per un braccio e lo trascinò alcuni metri, fuori dagli occhi indiscreti dei passanti, ma non da quelli vigili di Giorgio.
- Dove sono i soldi? - chiese infuriato l'uomo.
- Tutti, dati tutti! - esclamò il ragazzino.
Allora l'uomo gli frugò le tasche, frugò persino nelle parti intime, dappertutto e alla fine della rude ispezione iniziò a picchiarlo.
- Pochi. Troppo pochi - urlò.
- Tutti. Tutti. Non ne ho più - implorò Omar.
Ma l'uomo, non pago di averlo schiaffeggiato, pensò di soddisfare l'ingiusta ira con un supplemento di calci. Fu così che Giorgio intervenne in difesa del malcapitato tentando di fermare l'irascibile tiranno.
- Basta! - gli urlò afferrandolo per le braccia, - lascialo stare! -
- Di che t'impicci? Vattene se non vuoi finire all'ospedale! -
- Perché lo picchi? Che ha fatto di male? -
Quel balordo per tutta risposta tirò fuori dalla tasca un grosso coltello minacciandolo. A quel punto, inaspettatamente, intervenne il ragazzino che con un guizzo si mise in mezzo ai due contendenti e con forza gridò:
- Fermati. Ammazza me. -
L'uomo frenò l'ira appena in tempo. Poi lo afferrò per un braccio e si allontanò digrignando i denti.” -
- Perché Giorgio non lo ha denunciato? - chiese Alfonso.
- Perché credeva che quel balordo fosse davvero il padre. -
- Non sarebbe un motivo valido. E poi cosa accadde? -
- Il suo aguzzino lo trascinò via e lo portò con sé nel rifugio che divideva con altri balordi della stessa risma. Era un fabbricato diroccato e abbandonato da anni, un posto infernale dove quasi ogni giorno Omar subiva violenze. Quella sera, in particolare, ricevette una dose di botte maggiore del solito. Fu colpito anche in pieno volto. I lividi erano in ordine sparso e il sangue era uscito copioso dalla bocca e dal naso. Solamente le lacrime gli pulirono parzialmente le ferite, ma, in effetti, non erano le ferite superficiali a fargli più male. La sua vita era un inferno da troppo tempo ormai. Non aveva nessuno che gli volesse un po' di bene. -
- Povero piccolo! -
- Quella sera non ricevette neanche da mangiare. Dormì singhiozzando su di un sudicio giaciglio in un angolo sgombro da macerie. Il giorno dopo ritornò a vendere tovagliette. E cercò di farlo col solito impegno finché, quando valutò che il padrone era ben distante, partì correndo a perdifiato verso la zona dove non c'era altri che qualche barbone. Raggiunse un terreno desolato alle spalle della stazione e cercò di salire su un vagone ferroviario abbandonato, sperando di potersi nascondere lì. Caso volle che proprio su quel vagone ci fossero già dei senzatetto, tra i quali Giorgio. E c'ero anch'io, anche se ero appena arrivata. Udimmo chiaro e forte un rumore di passi che percorrevano energicamente il viottolo ricoperto di sassi che correva lungo il binario morto. Era un rumore pressante come di chi ha premura di raggiungere una meta. Appena in vista, Giorgio lo riconobbe subito. Omar salì sul vagone, ma scrutando il più possibile intorno e alle spalle nella speranza di non essere stato seguito. Aveva un occhio tumefatto e sanguinava dal labbro. Era evidente che qualcuno l'aveva picchiato. Giorgio cercò di tranquillizzarlo e si premurò di tamponargli le ferite, ma Omar, preso da livore, ripeteva che era stato lui, che non poteva stare tranquillo, che era certo di essere braccato e che rischiava di essere ucciso. Poi scoppiò in lacrime e abbracciò Giorgio singhiozzando. Ci disse che quell'uomo non era suo padre, ma un delinquente, uno sfruttatore di poveri ragazzi che lavoravano per lui. Mi illusi che si potesse calmare parlandone un po', ma non ci fu il tempo perché, neanche cinque minuti dopo, giunse il padrone di Omar ululando come un cane arrabbiato. Il ragazzino tremava come una canna in balia di una tempesta. Allora lo afferrai per una mano e insieme saltammo dal retro del vagone. Furono attimi di trambusto tanto che anche un altro accattone rifugiatosi nel vagone, si svegliò di soprassalto. Era Turi, un omone alto e grosso, tanto grande che Giorgio, nonostante il suo metro e ottanta, al suo cospetto, sembrava un nano. Perciò fu felice di mostrarsi al suo fianco. Seguì un battibecco con pesanti minacce lanciate dal balordo che reclamava Omar. Quando l'aggressore fece scattare la molla del suo coltellaccio, Turi esplose due colpi in aria con la sua rivoltella e lo mandò in fuga. Poi abbandonammo il vagone per il timore che quello tornasse con i rinforzi. Trovammo una nuova sistemazione su un autobus dismesso nell'autodemolizione di un amico di Turi. Restammo lì pochi giorni. Dopo aver appreso dai giornali della strage del vagone ferroviario abbandonato, ce ne andammo anche da lì alla ricerca di un nuovo ricovero. Fu inutile perché la polizia ci stava già cercando e ci arrestò tutti. Poi intervenne in nostro favore Guglielmo, che ci ha fatto liberare e ci ha addirittura ospitati per alcuni giorni nella sua villa. -
- Da qui in poi so tutto. Adesso che le cose si sono tranquillizzate, potresti provare nuovamente a chiedere al ragazzo se se la sente di raccontarti quel che ricorda della sua infanzia prima del dramma? -
- Mi scusi signor Surace, ma mi sembra inutile. Non ricorda nulla. Così lo farei soffrire e basta. -
- Intanto, se non ti dispiace, che ne dici di darmi del tu? Poi, se glielo chiedi facendo gli occhi dolci, come sai fare tu, non lo forzi di sicuro. Il dolore non potrà mai essere cancellato, ma sarebbe molto meglio se riuscisse a ricordare qualcosa di utile per ritrovare la sua famiglia. -
- Farò quel che posso, ma non ti illudere - rispose Rosina arrossendo.
- Io non mi illudo, sei tu che prometti bene. -
- Non ti ho ancora promesso niente. Ho solo accettato la tua proposta di lavoro e questo invito a pranzo. -
- Mi sembra un buon inizio, non credi? Non essere negativa. Non ci sono altri obblighi, se è questo che temi. Sto solo facendoti notare che ti apprezzo, sia per quello che potrai fare per la comunità della nostra casa famiglia, sia come donna, ma qui mi fermo. -
Rosina lo fissò negli occhi per un po' senza dir nulla, poi sorrise benevolmente come a benedire quel corteggiamento che le sembrò tutto sommato gradevole. Pensò che quel lavoro avrebbe potuto difenderlo solo rendendosi più accondiscendente nei confronti dell'amministratore. Non stava cedendo, ma senza dubbio non aveva chiuso del tutto.
Michele Carini
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto