Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Raul Montanari è autore di 17 libri di successo. Vive a Milano, dove tiene dal ‘99 corsi di scrittura creativa fra i più quotati a livello nazionale. Collabora con i principali editori italiani e ha pubblicato numerose traduzioni dalle lingue classiche e moderne. Dal 2008 al 2016 ha diretto il festival letterario Presente Prossimo. Nel 2012 ha ricevuto l'Ambrogino d'oro, il massimo riconoscimento istituzionale della città di Milano. Nel maggio del 2021 è uscito per Baldini+Castoldi la sua ultima opera: Il vizio della solitudine.
Patrizia Rinaldi si è laureata in Filosofia all'Università di Napoli Federico II e ha seguito un corso di specializzazione di scrittura teatrale. Vive a Napoli, dove scrive e si occupa della formazione dei ragazzi grazie ai laboratori di lettura e scrittura, insieme ad Associazioni Onlus operanti nei quartieri cosiddetti "a rischio". Dopo la pubblicazione dei romanzi "Ma già prima di giugno" e "La figlia maschio" è tornata a raccontare la storia di "Blanca", una poliziotta ipovedente da cui è stata tratta una fiction televisiva in sei puntate, che andrà in onda su RAI 1 alla fine di novembre.
Cinzia Tani è giornalista e scrittrice, autrice e conduttrice radiotelevisiva. Dopo la maturità classica consegue la laurea in Lettere Moderne e il diploma come interprete e traduttrice di lingua inglese, francese e spagnola. Debutta nel 1987 come scrittrice con il libro “Sognando California” con cui vince il Premio Scanno. Notata dalla RAI, entra nella tv di stato come inviata di Mixer. In seguito debutta come autrice e conduttrice di alcuni programmi tv: “Chi è di scena”, “L’occhio sul cinema”, “Il caffè”, “Italia mia benché” e “Delitti“. Il suo ultimo romanzo è "L'ultimo boia". .
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Home
Blog
Biblioteca Top
Biblioteca All
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Claudia Calisti
Titolo: L'ospizio della illusione
Genere Narrativa
Lettori 857 1
L'ospizio della illusione
Diritto e rovescio

- Chi ragiona col cervello degli altri, il suo se lo frigge in padella - cos la maestra ai suoi alunni intendeva dare una spinta verso l'indipendenza mentale.
Pi tardi a cena Clelia si trov nel piatto delle strane nuvolette fritte.
-Mangia la ciccia, che diventi forte! - la madre decisa a nutrire la bambina di proteine e luoghi comuni.
-Che roba ?- Clelia diffidente, ne tasta la consistenza con la forchetta dopo che la madre gliene ha riempito il piatto, con quelle sue dita pizzute.
-Senza che cincischi il cibo nel piatto: sono animelle*.-
-Cio? -
-Cervello fritto-
-Ma se si dice - cervello di gallina - per dire che ne ha poco: questi sono tanti pezzi! -
-Infatti non di gallina ma di mucca! -

Era il compleanno di Milvia.
-Allora dimmi, vieni stasera al ristorante per la mia festa di compleanno? -
-Sicuro: dove e quando? -
-Lo stesso posto della festa di laurea di Giacomo. Alle venti-
-Ci vediamo l- con amici di vecchia data non servono molte parole.
Una tavolata allegra con commensali ugualmente voraci sebbene diversamente assortiti, per et professione, genere e provenienza.
La trattoria casareccia nello stile della location con tovaglie a scacchi rossi e sedie impagliate. Men regionale, rigorosamente.

Piatto tipico, una versione di lasagna ben precisa, con rag ottenuto da un mix di carne di differenti animali.
Luciana, la cugina di Milvia ne chiede la ricetta. Il proprietario, che si avvicinato per salutare gli abituali clienti, ben contento di esibirsi anche come chef oltre prendere le ordinazioni.
- Strisce rettangolari di pasta all'uovo disposte a strati e farcite con rag di carne suina, regaglie di pollo, cervello bovino, cosparse di parmigiano e cotte al forno. -
Le facce degli avventori danno segno di impazienza : tutti vogliono gustare proprio quel piatto: Milvia dice che ce li ha portati apposta.
Clelia ancora assorta nel men. Tutti gli sguardi sono rivolti a lei in attesa che si decida.
-Per me un risotto ai funghi porcini. -
Il proprietario non fa una piega. Molto professionale.
Il locale ha un grazioso giardinetto. A met cena, Pino, uno degli amici invitati, medico neurologo, esce per una pausa. Clelia lo segue.
-Pensavo volessi fumare-
-Una salutista come me? -
-Cosa non andava con la lasagna? -
-Ah, si capito qualcosa? -
-No, per sapere: non vorrei fartela trovare qualora ti invitassi a casa mia!-
-Non mi piace godermela a spese altrui-
-Reputi cos miserabile Milvia? -
-Ma che dici! -
-Non mi piace mangiare la sofferenza degli animali, tutto qua. -
-Scherzavo. Capisco. E non hai tutti i torti, sai? -
-Ah, sei d'accordo? -
-Sono un neurologo. -
-E io una antropologa. -
-Ti stai riferendo ai cannibali? -
-Esatto: non si cibano dei loro simili per fame o per gola, ma nella convinzione di carpire le qualit del defunto, assimilandole mangiandone il cervello. -
-E non sono lontani dal vero: nelle cellule del cervello restano registrate per via chimica le emozioni del soggetto. Questo lo so per certo: anche sotto anestesia il dolore e la paura non percepite sul momento grazie al narcotico, restano comunque fissate nei neuroni dell'individuo condizionandone la vita al risveglio, anche senza che lui se ne renda conto.-
-Esatto: resta da vedere se dopo la morte avviene una cosa simile, se non proprio la stessa: la narcosi non la morte e il soggetto torna vivente con cellule attive. -
-Corretto: non possiamo sapere quanto restano - vive - dopo la morte le cellule in questione. Insomma la sofferenza inflitta agli animali durante l'allevamento e l'uccisione, pu arrivare sulla nostra tavola o no? Ma resta il fatto che chi se ne ciba consapevole del percorso straziante fatto dall'animale fino alla nostra pancia. -
Claudia Calisti
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto