Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lorenzo Marone. Autore di successo, ha pubblicato La tentazione di essere felici che ha ispirato un film, La tenerezza, con regia di Gianni Amelio, La tristezza ha il sonno leggero (Longanesi, 2016), Magari domani resto (Feltrinelli, 2017) Premio Selezione Bancarella 2017, Un ragazzo normale (Feltrinelli 2018), Premio Giancarlo Siani, la raccolta Cara Napoli (Feltrinelli, 2018), Tutto sarà perfetto (Feltrinelli 2019), il saggio per Einaudi Inventario di un cuore in allarme (2020), e La donna degli alberi (Feltrinelli 2020).
Romana Petri vive tra Roma e Lisbona. Editrice, traduttrice e critica letteraria, collabora con «ttl La Stampa», il «Venerdì di Repubblica», «Corriere della Sera» e «Il Messaggero». Considerata dalla critica come una delle migliori autrici italiane contemporanee, ha scritto tra romanzi e raccolte di racconti ben 23 libri. Ha ottenuto prestigiosi premi e riconoscimenti, tra i quali il Premio Mondello, il Rapallo-Carige e il Grinzane Cavour. È stata inoltre finalista due volte al Premio Strega. Tra i suoi libri più conosciuti Figlio del lupo e l'ultimo uscito: La Rappresentazione.
Ariase Barretta. È nato in un quartiere popolare di Napoli. Si è laureato all’Istituto Orientale, per poi proseguire gli studi presso le università di Modena, Barcellona e Madrid. Alla passione per la scrittura ha sempre affiancato quella per la musica, dedicandosi allo studio della teoria musicale, del pianoforte e della composizione corale presso i conservatori di Salerno e Benevento. Ha lavorato come redattore e traduttore per numerosi network televisivi italiani e internazionali e per varie case editrici. Il suo ultimo romanzo è Cantico dell'Abisso.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Conc. Letterario
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Claudia Calisti
Titolo: L'ospizio della illusione
Genere Narrativa
Lettori 811 1
L'ospizio della illusione
Diritto e rovescio

- Chi ragiona col cervello degli altri, il suo se lo frigge in padella - cos la maestra ai suoi alunni intendeva dare una spinta verso l'indipendenza mentale.
Pi tardi a cena Clelia si trov nel piatto delle strane nuvolette fritte.
-Mangia la ciccia, che diventi forte! - la madre decisa a nutrire la bambina di proteine e luoghi comuni.
-Che roba ?- Clelia diffidente, ne tasta la consistenza con la forchetta dopo che la madre gliene ha riempito il piatto, con quelle sue dita pizzute.
-Senza che cincischi il cibo nel piatto: sono animelle*.-
-Cio? -
-Cervello fritto-
-Ma se si dice - cervello di gallina - per dire che ne ha poco: questi sono tanti pezzi! -
-Infatti non di gallina ma di mucca! -

Era il compleanno di Milvia.
-Allora dimmi, vieni stasera al ristorante per la mia festa di compleanno? -
-Sicuro: dove e quando? -
-Lo stesso posto della festa di laurea di Giacomo. Alle venti-
-Ci vediamo l- con amici di vecchia data non servono molte parole.
Una tavolata allegra con commensali ugualmente voraci sebbene diversamente assortiti, per et professione, genere e provenienza.
La trattoria casareccia nello stile della location con tovaglie a scacchi rossi e sedie impagliate. Men regionale, rigorosamente.

Piatto tipico, una versione di lasagna ben precisa, con rag ottenuto da un mix di carne di differenti animali.
Luciana, la cugina di Milvia ne chiede la ricetta. Il proprietario, che si avvicinato per salutare gli abituali clienti, ben contento di esibirsi anche come chef oltre prendere le ordinazioni.
- Strisce rettangolari di pasta all'uovo disposte a strati e farcite con rag di carne suina, regaglie di pollo, cervello bovino, cosparse di parmigiano e cotte al forno. -
Le facce degli avventori danno segno di impazienza : tutti vogliono gustare proprio quel piatto: Milvia dice che ce li ha portati apposta.
Clelia ancora assorta nel men. Tutti gli sguardi sono rivolti a lei in attesa che si decida.
-Per me un risotto ai funghi porcini. -
Il proprietario non fa una piega. Molto professionale.
Il locale ha un grazioso giardinetto. A met cena, Pino, uno degli amici invitati, medico neurologo, esce per una pausa. Clelia lo segue.
-Pensavo volessi fumare-
-Una salutista come me? -
-Cosa non andava con la lasagna? -
-Ah, si capito qualcosa? -
-No, per sapere: non vorrei fartela trovare qualora ti invitassi a casa mia!-
-Non mi piace godermela a spese altrui-
-Reputi cos miserabile Milvia? -
-Ma che dici! -
-Non mi piace mangiare la sofferenza degli animali, tutto qua. -
-Scherzavo. Capisco. E non hai tutti i torti, sai? -
-Ah, sei d'accordo? -
-Sono un neurologo. -
-E io una antropologa. -
-Ti stai riferendo ai cannibali? -
-Esatto: non si cibano dei loro simili per fame o per gola, ma nella convinzione di carpire le qualit del defunto, assimilandole mangiandone il cervello. -
-E non sono lontani dal vero: nelle cellule del cervello restano registrate per via chimica le emozioni del soggetto. Questo lo so per certo: anche sotto anestesia il dolore e la paura non percepite sul momento grazie al narcotico, restano comunque fissate nei neuroni dell'individuo condizionandone la vita al risveglio, anche senza che lui se ne renda conto.-
-Esatto: resta da vedere se dopo la morte avviene una cosa simile, se non proprio la stessa: la narcosi non la morte e il soggetto torna vivente con cellule attive. -
-Corretto: non possiamo sapere quanto restano - vive - dopo la morte le cellule in questione. Insomma la sofferenza inflitta agli animali durante l'allevamento e l'uccisione, pu arrivare sulla nostra tavola o no? Ma resta il fatto che chi se ne ciba consapevole del percorso straziante fatto dall'animale fino alla nostra pancia. -
Claudia Calisti
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto