Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Giovanni Franceschelli
Titolo: 20 e 21, poetizzo 2 anni
Genere Poesia
Lettori 519 1 15
20 e 21, poetizzo 2 anni
Introduzione dell'Autore

Benvenuti a questo secondo appuntamento, di pensieri, parole ed emozioni, in rima come no.

Anche questa raccolta è divisa in più libri, pur se con meno rigidità dell'altra. Si coprono gli anni recenti del 2020 e del 2021, riempiti dal virus che ancora ci accompagna ma non per questo parlerò di ciò, anzi, i temi trattati sono i più disparati, giusto per tranquillizzarvi.

Ora che vi ho introdotto, vi presento l'ordine arbitrario che ho dato ai vari libri.

Si inizia con "Riflessioni dall'Esterno" dove scrivo ispirato da ciò che accade fuori da me, portandolo ovviamente dentro, prima di farlo riuscire e consegnarlo.

Troviamo successivamente "Riflessioni Interne" che seguono il percorso inverso, si parte dall'io privato e si porta il pensiero all'esterno, consegnandolo agli altri, ma forse più a me stesso, a conti fatti.

Infine, l'opera si conclude con "Dialoghi in prima persona" dove espongo le riflessioni di cui sopra imitando una specie di interlocutore paziente che mi ascolta senza replicare in maniera esplicita, prendendo spunto dalle mie esperienze personali.



Riflessioni dall'Esterno


Una raccolta di ispirazioni prese guardando fuori, in strada, alla finestra, anche attraverso i tanti tipi di schermi che ci hanno accompagnato, analogici ma anche quelli digitali, perché no.

Dopotutto con le tante limitazioni vigenti, le occasioni di ritrovi numerosi scarseggiavano.

Credo di aver trovato ugualmente diversi spunti di discussione.

Posso dirmi soddisfatto?

Questo mai.


Al chiuso

Tante gocce che si infrangono.
Sulla trasparente barriera.
Io che le guardo.
E vivo.

Non sarebbe male,
ogni tanto,
stare lì,
fuori.


Immobile

Immobile,
spostata solo
dal mio respiro
costante.

Così rimaneva
l'intreccio di fili sottili,
l'ormai per me noto
filtro trasparente.


Riflessioni Interne


In camera, in cucina, nello studio, nel soggiorno, persino nello stanzino, mi trovai a ragionar della vita.

Rimestando via via, posto dopo posto, ho dato un ordine a questo girovagare di pensieri e li ho raccolti qui.

Non semplice come processo ma necessario per staccare un attimo la presa e rilassarsi, motivo per cui è piacevole scrivere e diffondere il prodotto.

Posso dirmi soddisfatto?

Questo mai.


Tempo in più

Se avessi un'ora, ora,
un'ora in più, imprevista,
cosa faresti? Cosa farei?
Sarei qui a scriver ciò.

Il tempo fugge,
non siamo abituati
a riceverne in aggiunta,
semmai a vederlo volare via.

Via tra incontri e scontri,
nel sereno e nel brutto tempo.
Potremmo forse trattenerlo?
Non credo.

L'unica concessione è il goderne,
riconoscerne a pieno il valore.

Non-legami


Può bastare poco.

Una parola storta,
un pensiero inespresso
ma ben visibile,
un soffio di vento.

E così il legame si spezza.
Siamo sempre più fragili,
un nonnulla ci riempie
la testa e il cuore.

Andando avanti affannosamente
nel tentativo di recuperare,
è facile spezzare altro,
altre questioni sepolte.

E poi, sebbene affranto,
guardi la distesa intorno,
se osservi bene ritrovi il meglio,
per quanto poco possa essere.

Ciò che resiste alle intemperie
si staglia solido a fortezza.


Ansia

Un fuoco,
bruciante,
quando vago
mi assilla.

Mi tampina,
mi insegue,
alle volte
mi raggiunge.

Costringendomi
al mio posto.
A rincorrere
obiettivi.


Dialoghi in prima persona


In quest'ultima raccolta si va più sul mio io personale, un'apertura non facile, per me un po' insolita, spinta da desideri ancora da capire fino in fondo.

Racconto di mie esperienze, vissute nel periodo o richiamate intensamente, sperando che questo porti a delle soluzioni, per quanto si possano chiamare tali, quando non sono condivise con l'altro.

E questa forse è la cosa più dolorosa, sapere che comunque la si osservi, una soluzione finale non esiste, c'è solo il sacrosanto diritto allo stare bene in pace.

Almeno questo potrei averlo conquistato, il tempo è il solo che potrà smentire o confermare ciò, intanto godiamoci il risultato.


Internet


Sono qui.

Davanti a me tante schede internet aperte.
Alcune pertinenti, altre no, arduo concentrarsi
sulla speranza di un cambiamento positivo,
davanti alle mie paure.

Le incertezze in credenze di cui mi fido,
ma forse non abbastanza, o meglio,
mi fido con la ragione, il cervello,
il dubbio viene dal cuore, l'emozione.

Somma ipocrisia.
Perdo tempo, utile e necessario.

Lo perdo perché sono combattuto, non arrivo
alla conclusione, alla fine del viaggio mentale.

Potrei, sarebbe un inganno però.

E dopo secondi, minuti, ore,
anche giorni, lo ammetto,
non ho ancora sciolto
i miei dilemmi.

Una decisione la prendo,
è difficile ma giusta,
si riprende possesso
del proprio equilibrio.

Solo manca la serenità.
Giovanni Franceschelli
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto