Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Nalîn Arslan
Titolo: Il fiore di Kobane
Genere Autobiografico
Lettori 1382 69 42
Il fiore di Kobane
Non avevo ancora dodici anni, ero una bambina cresciuta dentro e troppo fragile per guardare il mondo con gli occhi della realtà, eppure la notizia della morte di mia madre mi passò sopra senza scalfirmi. Non era scomparsa per una malattia, non aveva mai avuto il tempo di ammalarsi. Era stata uccisa in battaglia perché era una combattente curda e quando ero ancora troppo piccola per capire, mi aveva mandata in Europa per proteggermi dalle atrocità della guerra.
Sono tornata nella mia terra dopo un viaggio che sembrava non finire mai. Sono tornata nella mia terra per restare e combattere come aveva fatto lei. Ad attendermi c'era soltanto Sirwe, una cugina che non avevo mai visto prima. Si prese cura del mio corpo fisico (jism) e affidò la mia anima (nafs) e il mio spirito (ruh) a Ziryan, il mio nuovo maestro.
«Un popolo senza terra è un popolo senza destino.» furono le prime parole che mi disse. E quando abbassai lo sguardo verso i miei piedi nudi che calpestavano la polvere, mi sollevò il mento con due dita. «La terra non è il suolo dove cammini,» continuò «la terra è pane per i vecchi e speranza per i figli!»
«E quelli di mezzo?» gli domandai, sollevando un piede alla volta per proteggerli dall'arsura.
«Chi sono quelli di mezzo?» mi domandò con voce calma.
«Quelli che non sono vecchi e non sono figli.» obiettai, con l'innocenza di chi non ha mai avuto un vero confronto umano.
Ziryan mi fece cenno di avvicinarmi e poi mi invitò a salire sul muretto di pietra davanti alla sua casa. «Sono tutti quelli che riesci a vedere.» esclamò, passandosi le mani nella sua lunga barba bianca.
«Ma non c'è nessuno!»
«Sono andati a riconquistare la nostra terra.»
«Torneranno presto?» gli domandai preoccupata.
«No,» abbassò il tono della voce «torneranno soltanto quando sarà liberata.»
Fu Sirwe a spiegarmi che quelli di mezzo erano morti per difendere Kobane. Adesso eravamo soli, ma il nemico non ci aveva ancora sconfitti.
Andavo tutti i giorni da Ziryan. Era come andare a scuola da un vecchio maestro che sapeva ogni cosa della vita e da lui imparai a guardarmi intorno, perché fu questo il suo primo insegnamento.
«Chi sono i nostri nemici? » gli chiesi.
«Sono tutti quelli che ci sorridono.» mi mise in guardia «Le persone buone non hanno bisogno di fingersi nostri amici, perché lo sono già.»
«Ma Sirwe mi sorride sempre e mi abbraccia. La devo considerare un nemico?»
«Ti fidi di lei?»
«Non ho nessun altro di cui fidarmi. » sussurrai «A parte te ovviamente!»
«Sirwe era come una sorella per tua madre.»
«Non voglio parlare di mia madre.» gli ribadii «Voglio parlare di mio padre. Anche lui è morto vero?»
«Eri ancora nella pancia di tua madre quando andò a cercare la nostra terra. La nostra è una vita così, senza la certezza di vedere la prossima alba o il tramonto. C'è chi muore di notte e allora l'oscurità diventa una coperta di seta che lo nasconde agli occhi del nemico... e chi invece resta per ore nella polvere sotto il sole, per essere consumato lentamente dagli animali del deserto.»
«Non voglio più sentire queste storie!»
«E cosa vuoi sapere allora?»
«Voglio imparare a combattere per uccidere chi ha fatto del male a mia madre e mio padre.»
«Va bene,» sentenziò Ziryan «dalle tue parole ho capito che sei pronta, quindi domani ti insegnerò!»

Il mio nome è Nalîn e non avevo ancora dodici anni, però ero pronta a difendere il villaggio, come tutte le donne che mi sorridevano senza essere mie nemiche.
La mattina aiutavo Sirwe e il pomeriggio andavo a scuola. Ma non era una scuola come quelle che avevo frequentato in Europa. Non c'erano i banchi, la lavagna e la cattedra, ma soltanto un muretto di pietra che mi separava dal maestro. Lui stava dall'altra parte, perché quella era la sua terra. Io invece stavo seduta sopra un sasso piatto, perché le sedie le avevano già bruciate quasi tutte per fare il fuoco.
«Quando avrò un'arma?» domandai, alzandomi in piedi.
Ziryan mi fece cenno di tornare a sedere e poi si chinò dietro il muro. «Questa è la tua arma,» mi spiegò, mostrandomi un bastone «devi averne cura perché non ce ne sono altri.»
«Non posso uccidere un nemico con un bastone» gli urlai «Non posso uccidere nessuno!»
«Non è vero!» mi guardò con un'espressione burbera «Là in fondo c'è uno scarafaggio e una farfalla, puoi provare la tua arma su di loro.»
«Non voglio uccidere una farfalla.» obiettai.
«Perché no?»
«Perché è bella e non mi ha fatto niente.»
«Allora uccidi lo scarafaggio!» mi spronò.

Il mio nome è Nalîn e non avevo ancora dodici anni quando sono diventata un'assassina.
«Ti senti meglio adesso?» mi domandò, mentre schiacciavo quella bestia immonda fino a farla a pezzi nella polvere.
«Mi sento più forte.» risposi.
«È normale,» ammise «hai ucciso un nemico che è mille volte più piccolo di te!»
«Poteva essere pericoloso.» obiettai «Avrebbe potuto avvelenarmi nel sonno, magari entrarmi dal naso o dalla bocca e andare giù nello stomaco fino a farmi vomitare.»
«Quindi ne sei fiera?»
«Sì,» annuii «ora quale altro insetto schifoso posso ammazzare?»
«Dovresti cercare la moglie dello scarafaggio e anche i suoi figli,» mi sorprese «devi assicurarti che nessuno di loro possa venire nel tuo letto a vendicarsi.»
«Non possono sapere che sono stata io.»
«Potrebbero andare nello stomaco di qualcun altro, pensando che sia lui il colpevole. No... no... devi trovarli e ucciderli. E quando li avrai eliminati, devi sterminare tutti i loro parenti, così da essere assolutamente certa che non ci potrà essere alcuna vendetta.»
«Non si possono schiacciare tutti gli scarafaggi del mondo!» affermai.
«Mi fa piacere che tu abbia imparato questa lezione» sorrise «perché è esattamente ciò che succede in guerra.»
Nalîn Arslan
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto