Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Dacia Maraini nasce a Fiesole (Firenze). La madre Topazia appartiene a un’antica famiglia siciliana, gli Alliata di Salaparuta. Il padre, Fosco Maraini, per metà inglese e per metà fiorentino, è un grande etnologo ed è autore di numerosi libri sul Tibet e sull’Estremo Oriente. Nel 1943 si trova con la famiglia in Giappone e vive la drammatica esperienza di un campo di prigionia. Ad oggi, è considerata a pieno titolo "la signora della letteratura Italiana".Gli ultimi romanzi pubblicati con Rizzoli, sono Corpo Felice e Trio.
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
"Il destino di ogni uomo è un segreto sepolto nel silenzio" A pronunciare queste parole è Glenn Cooper, uno scrittore che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e che ha un legame particolare con la storia Italiana. Il suo ultimo libro si intitola Clean - Tabula Rasa e racconta di una epidemia mondiale molto simile a quella che abbiamo appena vissuto.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Fabula, trama e chiacchiere davanti al fuoco. Perché non proviamo a raccontare una storia come lo faremmo di notte, con degli sconosciuti, attorno a un fuoco? Perché non dimentichiamo le tecniche della fabula e dell'intreccio per trasformare la trama in una storia tatuata sulla pelle di chi legge o ascolta? È davvero così importante seguire uno schema e incanalarci nel modus operandi corrente?
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Gaetano Barone
Titolo: Il delfino degli Argàn
Genere Noir
Lettori 576 42 18
Il delfino degli Argàn
Marionette.

“Questo mio amore, inutile come un ombrello in una splendida giornata di sole, lo porto con me ovunque vada. Mi ripara dagli sguardi della gente che non ti ha mai conosciuta, dalle parole senza significato che ascolto ogni giorno, dalle vane illusioni che mi assalgono ogni volta che vedo una donna che ti somiglia e, mentre il ricordo di te passa attraverso gli occhi e m'intasa l'anima, la vita brucia ad ogni passo e mi consuma, mi stravolge l'umore, mi devasta la coscienza e si prende gioco della mia mente. Ora che non ci sei più, il mio viso allo specchio riflette l'immagine di un uomo fallito, che aveva la felicità a portata di mano e non se ne è reso conto. Tu mi hai donato la tua vita e la tua morte, e io non so cosa farne di questo tesoro, non riesco a sentire nient'altro che il vuoto della tua assenza. Vivo in una specie di terra di confine tra la rassegnazione e il desiderio di vendetta, sopraffatto continuamente dalla mia stessa indecisione, refrattario ad ogni minimo accenno di emozione, succube di un rimorso atroce al quale non riuscirò mai a sottrarmi. Ti ho lasciata andare da sola senza avere il coraggio di seguirti, ho assistito inerme al tuo addio, ho pianto come un moccioso, ho bestemmiato e urlato al cielo la mia disperazione ma sono sopravvissuto e questo non me lo perdonerò mai. Lurido amante senza onore! Non è la morte ad averci separati, non è la malattia, non è la volontà di Dio e nemmeno il destino avverso: sono io la causa di tutto! Io dannato! Se quella mattina nella Cattedrale di San Gregorio mi fossi lasciato convincere a sposarti, forse a quest'ora saresti ancora qui, accanto a me. Avremmo avuto dei figli, una casa tutta nostra, un futuro da condividere e invece mi ritrovo a scrivere queste parole che tu non leggerai mai e che saranno il mio tormento estenuante, da adesso fino alla fine dei miei giorni.”
Distesa sul letto, Marlene rileggeva in continuazione il foglio spiegazzato che Jack le aveva consegnato e che, quasi certamente, Kaspar aveva strappato in tutta fretta da quel quaderno ingiallito su cui annotava i pensieri e i ricordi della sua storia d'amore con Olga. In quelle parole cercava disperatamente un segno, un indizio, una minima traccia che potesse, in qualche modo, aiutarla a trovare quello che stava cercando. Allo stesso tempo, però, era affascinata dal profondo significato e da quello struggente romanticismo che ne impregnava ogni singola sillaba: lo stretto legame tra l'amore e la morte, quel connubio affascinante che l'aveva stregata sin dai tempi del liceo. Rifletteva sulla sua condizione e paragonava il suo sentimento nei confronti di Giugiù a quello che trapelava da quel testo. Sarebbe mai stata in grado di provare tanta passione nei confronti di un essere umano? Non seppe darsi una risposta ma, al contrario, le sue considerazioni la posero di fronte ad un'ulteriore domanda, se possibile ancor più complessa della precedente: il bambino che stava per nascere era davvero frutto dell'amore come diceva Marta o le sue erano solo parole pretestuose? Erano tanti i particolari di quella storia che non quadravano. Tra questi, il più inquietante riguardava l'uomo che aveva prelevato Kaspar dal suo appartamento, il messaggio che aveva lasciato per lei e quel dettaglio relativo alla sua voce metallica. Che la clonazione umana da parte de “la cuspide” fosse molto più avanzata di quanto le era stato detto?
La sensazione di essersi infilata in un tunnel senza uscita cresceva minuto dopo minuto mentre quelle trecentotrentatre parole scritte da Kaspar, come uno stillicidio, scavavano un solco sempre più profondo nella sua mente. Andò avanti così per quasi un'ora, distesa sul letto a leggere quel foglio, cercando collegamenti e associazioni di idee tra intere frasi e singole parole, fino a quando si rese conto che la catena e la concitazione degli eventi l'avevano sfiancata a tal punto da farle perdere lucidità e obiettività. Fece una doccia, indossò la tuta, uscì dalla sua camera e raggiunse il bar dell'albergo, un piccolo ambiente separato dalla hall per mezzo di una porta di vetro, a quell'ora completamente deserto. Al suo interno, oltre ad una giovane barista, c'erano due tavolini e un divanetto, un bancone lungo all'incirca un paio di metri, due sgabelli di metallo e un frigo per i gelati. Dopo aver ordinato il solito gin tonic, Marlene si accorse che, quasi nascosto in un angolo, c'era un pianoforte verticale; così, dopo aver chiesto il permesso per suonare qualcosa, si sedette e improvvisò uno swing. Era molto brava e, nonostante non avesse molte occasioni per suonare, se la cavava ancora alla grande.
Intanto Giulia, che dalla camera di fronte a quella di Marlene aveva seguito tutte le sue mosse, aveva raggiunto la hall dell'albergo prima di lei e da lì aveva osservato tutto. Quando vide la ragazza sedersi al piano, pensò che fosse quello il momento giusto per entrare nel bar e mettere in atto i suggerimenti che le aveva dato Lorenzi. E così fece, ordinò una Coca Cola e si sedette al bancone. Quando Marlene ebbe terminato il brano, applaudì quel tanto che bastò per attirare la sua attenzione. Poi, prese il bicchiere in mano e le si avvicinò.
- È davvero brava! - le disse, mentre continuava ad avanzare.
Solo quando Marlene si voltò per osservarla, continuò il suo discorso.
- Mi perdoni la sfacciataggine ma vorrei chiederle una grossa cortesia. -
Marlene annuì con un cenno del capo.
- Mia madre suonava il piano ed era brava quasi quanto lei. Ha provato in tutti i modi a trasmettermi questa passione ma io non ne ho mai voluto sapere. Oggi fa esattamente un anno che è venuta a mancare. Sono lontana da casa per lavoro e non ho potuto nemmeno portare un fiore sulla sua tomba. - le disse in tono sommesso.
Poi fece una breve pausa.
- Conosce “My Funny Valentine” di Rodgers e Hart? - riprese. - Vorrebbe suonarla per me? Era la sua canzone preferita. -
Marlene sorrise.
- È fortunata - rispose e le voltò le spalle per iniziare a suonare.
Le sue dita sfiorarono i tasti con la stessa leggerezza di un battito d'ali di farfalla e le note di quella struggente canzone risuonarono nell'aria viziata del piccolo locale trasformandolo, per qualche attimo, in un angolo di paradiso. Giulia, dal canto suo, ascoltò a bocca aperta tutta l'esibizione, come in preda ad un incantesimo, incapace di muoversi. Cinque minuti di pura magia, durante i quali l'emozione e il sogno si sostituirono alla realtà. Anche la barista, dietro al bancone, smise di sistemare i bicchieri e ascoltò immobile quella meraviglia. Alla fine, applaudirono entrambe con entusiasmo e Marlene, come una consumata artista, si alzò in piedi e accennò un inchino di ringraziamento. Poi riprese in mano il suo gin tonic e si allontanò dal pianoforte per raggiungere il bancone del bar dove Giulia, qualche istante dopo, le si avvicinò.
- Grazie! Grazie dal profondo del mio cuore - disse, con la voce rotta dall'emozione.
Marlene le sorrise senza dire nulla e sedette sullo sgabello.
- Mi permetta di offrirle qualcosa da bere. Mi chiamo Giulia, Giulia Norge - e le tese la mano.
Marlene la fissò negli occhi e attese qualche secondo prima di stringerla. Poi si decise a farlo.
- Piacere, Marlene - rispose - e dammi del tu, che ad occhio e croce siamo quasi coetanee. -
Giulia prese posto sullo lo sgabello accanto al suo. Aveva fatto in tempo a metter su un po' di mascara, quel tanto che bastava a far risaltare gli occhi azzurri, sicuramente il particolare più attraente del suo, per il resto, normalissimo viso. I capelli biondissimi, lunghi fin sulle spalle, tradivano le sue origini nordiche, così come la carnagione chiara e le efelidi tra il naso e le guance. Aveva cercato invano nel suo borsone qualche indumento che potesse farla apparire sexy e attraente ma non era proprio il tipo di donna che faceva leva sull'aspetto esteriore per attirare l'attenzione. Così aveva optato, alla fine, per una camicetta rossa e un maglioncino a bottoni nero, un jeans attillato e scarpe con il tacco alto. L'unico vezzo che si era concessa era la camicetta sbottonata fino a lasciare intravedere il reggiseno di pizzo nero.
- Sei una musicista? - riprese, dopo essersi seduta.
- Non direi - rispose Marlene.
- Comunque, sei bravissima. È stato emozionante. Per un attimo ho chiuso gli occhi e mi è sembrato che mia madre fosse accanto a me - disse, quasi con soggezione.
Marlene la osservò a lungo mentre lo sguardo della ragazza puntava verso il basso. Le ispirava tenerezza, cosa abbastanza inusuale.
Gaetano Barone
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto