Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Sabina Camani
Titolo: Racconti in controcanto
Genere Narrativa
Lettori 3101 317 48
Racconti in controcanto
Il bastione impossibile.

Invasori della notte: aerei leggeri, veloci. Arrivavano dall'oscurità. Un rombo improvviso sopra le case. Cercavano una seppur minima fonte di luce e, se la individuavano, si lanciavano a volo radente e mitragliavano alla cieca qualunque cosa.
Per gli Alleati queste azioni si chiamavano “Operazione Night Intruders”.
Tra il 1943 e il 1944, questa operazione doveva servire a demolire del tutto la già delusa e stanca fiducia che gli Italiani, in parte, ancora nutrivano per il regime della Repubblica Sociale.
Retta più da Hitler che da Mussolini, divenuto ormai un fantoccio nelle mani del Führer, la Repubblica Sociale era agli sgoccioli. Si ostinava a reprimere una Resistenza, che nonostante le feroci ritorsioni messe in atto, diveniva ogni giorno più forte in tutto il Paese.
Nessuno sapeva chi pilotasse i night intruders, a quale nazionalità appartenesse il pilota; se fossero tanti o uno solo. Per tutti il suo nome era Pippo.
Di notte, in Veneto, le città, i villaggi, i paesini, i casolari sperduti, tutto si oscurava fino a confondersi con le tenebre. La gente invece di spogliarsi si vestiva. I bambini venivano avvolti in scialli e coperte. Tutti tenevano le scarpe e i vecchi andavano a letto con il tabarro indosso per essere pronti, per non perdere neanche un istante. Quando suonavano le sirene non c'era il tempo per altro che non fosse fuggire.
Anche quella notte Giuseppa lo sentì arrivare un istante prima che le sirene ululassero per dare l'allarme. Come le altre volte prese dal comò la sua pentola più pesante e se la mise in testa a mo' di elmetto. Ritornò a letto, si infilò di nuovo sotto le coperte.
Gli adulti presero in braccio i piccoli ancora addormentati e, conoscendola, si preoccuparono per lei.
“Nino, vai a prendere la nonna, fai presto! Noi andiamo avanti con i bambini.”
Nino, quasi 15 anni, unico maschio abile della famiglia; il nonno e lo zio troppo vecchi per la guerra e lui, per fortuna, ancora troppo giovane. Calcò il berrettone di lana e sollevò tra le braccia la nonna dal letto con tutte le coperte. Il rombo di Pippo sempre più forte e vicino copriva le sirene.
“Mettimi giù!” “Dai nonna, ti prego, andiamo, non fare così.”
“Come ve lo devo dire? Non intendo morire fuori al freddo in mezzo ai campi!”
Giuseppa, una contadina robusta e testarda, si liberò dalla presa del nipote e lo spinse fuori con tutte le sue forze. Chiuse la porta e si rimise a letto con la sua pentola in testa. Nino dovette arrendersi. Lasciò la nonna e corse verso il fossato. Non c'era più tempo. Pippo stava volando basso per evitare i radar della contraerea. Le sventagliate della mitragliatrice sollevavano zolle di terra ghiacciata vicino alle gambe del ragazzo. Afferrò la cuginetta trascinandola verso il fossato e vi si gettò dentro tenendo la bambina sotto di sé, le mani e le braccia avvolte intorno a lei per proteggerla dall'urto. I proiettili sibilarono sopra i loro corpi rannicchiati sul fondo ghiacciato del fosso. Pochi istanti immobili ad ascoltare il suono cupo e mortifero che si allontanava. Fino alla notte successiva non sarebbe tornato.
Le voci si chiamavano, si cercavano. C'erano tutti con i bambini che piangevano, i vecchi che tremavano nei tabarri fradici, con le orecchie assordate da quel suono, ma c'erano tutti.
Entrarono in casa, chiamarono a gran voce Giuseppa. Lei era in cucina, la sua pentola in testa e l'acqua calda pronta per riempire le boule da mettere intorno ai bambini. Gli adulti sistemarono i piccoli mormorando sottovoce per rassicurarli, li cullarono, li scaldarono. Compivano quei gesti dolci come se tutto fosse normale, tranquillo, per rincuorare se stessi per primi. Nino depose Clara nel letto grande accanto agli altri bambini e, rimboccando le coperte, mentre le ripuliva il viso dal fango, sentì nel petto e nei pensieri che neppure per un solo istante della vita avrebbe voluto smettere di esserle vicino e mai avrebbe permesso che alcun male le potesse accadere. Poi si stese stremato e, nonostante Pippo e la guerra, si addormentò con un sorriso.
Clara e Nino erano parenti acquisiti. Uno zio paterno di Nino aveva sposato la zia materna di Clara.
Quando i Tedeschi nel 1943 occuparono il Veneto, molte famiglie dovettero lasciare le loro abitazioni che a volte venivano requisite per scopi militari, o era necessario abbandonare la casa perché vicina a obiettivi sensibili, soggetti ai bombardamenti degli Alleati, come ferrovie o campi di aviazione.
La famiglia di Clara, che viveva vicino alla zona ferroviaria di Padova, fu sfollata presso la famiglia di Nino che si trovava ad Abano, considerata la zona più sicura, sia dagli abitanti che dai Tedeschi. In alcuni alberghi termali, infatti, la Croce Rossa Internazionale aveva allestito ospedali di emergenza che ospitavano i soldati feriti. Questo purtroppo non fermava le incursioni di Pippo ma diminuiva di molto l'eventualità di attacchi aerei da parte dei grossi bombardieri dell'aviazione inglese che colpivano con maggiore frequenza le zone dove transitavano convogli tedeschi che trasportavano uomini e approvvigionamenti. Sui tetti degli alberghi campeggiavano enormi teli bianchi con il disegno di una croce rossa nel centro ed erano posizionati in modo da essere molto ben visibili dal cielo.
Il comando tedesco aveva impartito ordini precisi per quanto riguardava i rapporti con la popolazione, bisognava dimostrare gentilezza e supporto.
Il terzo Reich sapeva che gli Italiani erano stanchi e che molti, da numerose parti del Paese, si stavano unendo agli alleati Anglo Americani. Inoltre gli alberghi di Abano erano pieni di feriti tedeschi e i soldati avevano assoluto bisogno di cibo, medicine, coperte. Gli ufficiali si facevano ospitare e sfamare nelle case più grandi e meglio attrezzate.
Il capitano Heinrich, segretamente innamorato di Maria, osservava lo sguardo di lei posarsi con luminosa tenerezza sulla foto del marito che, si diceva, sarebbe presto tornato dalla prigionia in Germania e sulla piccina che teneva in braccio, concepita durante l'ultima licenza del padre prima della sua cattura. In cuor suo, il giovane capitano si riprometteva che, appena finita la guerra, avrebbe cercato una donna da amare così tanto da poterne essere ricambiato con quello stesso sguardo. Poi sospirava malinconico, ringraziava per l'ospitalità e, con un leggero inchino, si accomiatava.
Purtroppo i soldati tedeschi non erano tutti gentili, dolci e intelligenti come Heinrich. Accadeva spesso che Maria, la zia di Nino, fosse fatta oggetto di attenzioni pesanti e insistenti.
Era giovane, bruna di carnagione, con gli occhi neri come la notte e la bocca rossa come una ciliegia e i soldati erano affamati di tutto, non solo di cibo.
Quella sera, come di consueto, Giuseppa stava cucinando per i soldati e quando arrivarono incominciò a servirli ma uno di loro la scostò in malo modo “Bitte frau, chiama figlia, ya? Figlia giovane bella, tu troppo vecchia, e riposa, ya?”
Giuseppa sentì il puzzo di alcol e mantenne i nervi saldi. Si frappose tra il soldato ubriaco e Maria che, tremante di rabbia e di paura, cercava di staccarsi di dosso quelle mani e rimaneva muta; assolutamente muta. Se avesse gridato, Nino e gli altri ragazzini sarebbero corsi lì. Non voleva metterli in pericolo.
Il soldato spinse lontano Giuseppa e abbrancò Maria mente gli altri ridevano sguaiati, fradici di vino. Maria smise di lottare. Il soldato, stupito, fece per baciarla. Lei socchiuse le labbra e l'attimo successivo, con un morso feroce, lo costrinse a urlare di dolore e di sgomento per il sangue che gli colava copioso dalla bocca. Heinrich entrò in quel momento. Prese Maria, la fece sedere vicino a Giuseppa poi ordinò al suo luogotenente di tradurre i soldati ubriachi agli arresti. Si scusò in tutti i modi che la sua conoscenza della lingua gli permise. Pregò le due donne di fidarsi di lui, assicurando che una simile offesa non si sarebbe più ripetuta.
Il giorno dopo di buon'ora le due famiglie al completo fecero le valigie e si misero in cammino per spostarsi più vicino a Padova, dove c'erano altri parenti. Lì non erano più al sicuro...
Sabina Camani
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto