Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Massimo Bertarelli
Titolo: Due spari al Parco Lambro
Genere Giallo
Lettori 2242 6 9
Due spari al Parco Lambro
La seconda indagine del Tomba tra Milano e l'Oltrepò pavese

Un'ombra si allunga sul tavolo fin sopra il piatto. Avvicino una briciola di pane alle altre, mi sfrego le dita e alzo la testa: il cameriere si è piazzato di fronte con le mani intrecciate davanti allo stomaco. Ha un sorriso appena accennato, gli occhi arrossati. Do un'occhiata all'orologio: le 23:15.
- Che cos'avete per dolce? -
Giorgia, se fossi ancora qui con me ti saresti messa a ridere, vero? Era la tua frase preferita, alla fine di una cena. Piuttosto saltavi il secondo, ma al dessert non rinunciavi mai. Sono passati cinque anni, quanto mi manchi.
- ... oppure, se gradisce, la nostra speciale panna cotta. -
Mi sono perso l'elenco, non mi va di farmi compatire costringendolo a ripetermi tutto. - Una fetta di crostata, grazie. - L'ho vista prendendo posto, ce n'era più di metà.
- Perfetto, signore. -
Si dirige verso il carrello dei dolci, recupera un piatto dalla pila a fianco e solleva il coperchio. Armeggia con coltello e paletta.
Oltre a me, è rimasta soltanto una coppia in sala. Da quando sono arrivato, hanno smesso di stringersi le mani e guardarsi negli occhi solo per mangiare. Sono a due tavoli di distanza dal mio e scommetto che non mi hanno neanche visto.
Il cameriere ritorna e appoggia il piatto sul tavolo. - Ecco, a lei. -
La porzione è esagerata, gliela indico sorridendo. - Non faceva prima a darmela tutta? -
Allarga le braccia. - Domani non sarà più fresca, tanto vale... -
Lo ringrazio con un cenno del capo e si allontana.
Il profumo è delizioso e impugno la forchetta.
La porta d'ingresso si spalanca. Un ragazzo entra barcollando, si appoggia di schiena allo stipite. - Per favore, aiutatemi. - Con una mano si tampona all'altezza del fianco sinistro. Da quel lato, la felpa azzurra è intrisa di sangue: come i jeans, fino al ginocchio.
Mi alzo, recupero nella tasca interna della giacca il tesserino. Lo agito per aria davanti a me e vado incontro al ferito.
- Sono della Polizia, state calmi. - Passo accanto al tavolo della coppia. - Voi due, chiamate un'ambulanza, presto! -
- Mi hanno sparato, mi aiuti. - Il ragazzo mi fissa con gli occhi sbarrati, la smorfia di dolore gli altera i lineamenti.
Gli stanno cedendo le gambe. L'afferro per un gomito e lo aiuto a sdraiarsi per terra. Rimango in ginocchio accanto a lui, odora di sangue e feci. Mi guardo attorno: l'uomo della coppia parla al cellulare, il cameriere è impietrito davanti alla porta della cucina. - Avete un kit di pronto soccorso? - Tentenna. - Mi porti dei tovaglioli puliti. -
Li afferra da un tavolo e arriva di corsa. Gliene strappo di mano un paio per arginare l'emorragia. C'è un buco nella felpa, poco più in alto del bacino: in quella zona non dovrebbero esserci organi vitali. Tampono spingendo la sua mano sotto la mia.
- Prema. Sono il vicequestore aggiunto Tombamasselli... stia tranquillo, resto qui con lei e abbiamo già chiamato i soccorsi. -
Annuisce sbattendo le palpebre.
- Come si chiama? -
- Dino... Mantovani. -
- Che cosa le è successo? Riesce a dirmelo? -
Sposta il braccio libero con l'intenzione di volermi indicare qualcosa. Lo blocco.
- Non si muova, non si agiti. Parli e basta. -
Inclina la testa di lato e chiude gli occhi. Prende fiato.
- Qui nel parco, due negri... mi hanno sparato, si sono fregati lo scooter. La troia che stava con me è scappata. - Serra con forza i denti, mi afferra per una manica. - Ho paura. -
- Va tutto bene, resista, i soccorsi stanno arrivando. -
Il suono di una sirena bitonale è ancora lontano e lui perde conoscenza.

Percorro un lungo corridoio a poca distanza da un'infermiera che spinge il carrello dei medicinali. Il giro del primo mattino è già in corso.
Da una stanza più avanti spunta un camice bianco: una dottoressa agita la mano verso di me. - È lei il commissario? -
- Vicequestore aggiunto Tombamasselli. Mi hanno detto di chiedere della dottoressa Bergamini. -
L'infermiera si ferma e me la indica. - È lei. -
Le vado incontro, mi accoglie a braccia conserte. - Sono io Grazia Bergamini. Venga nel mio studio, staremo più tranquilli. Almeno fino a quando ce lo permetteranno. - Non ha nemmeno fatto il gesto di porgermi la mano e, con un tono di voce freddo e distaccato, mi ha già fatto capire come la mia visita sia una seccatura.
Fa dietrofront con un movimento rapido, la voluminosa coda di capelli neri mi sfiora il naso. Gli occhiali che tiene appoggiati sulla testa rimangono al loro posto.
Mi precede dentro un bugigattolo senza nemmeno una finestra. Per sedersi al suo posto deve mettersi di traverso: si passa solo di sedere, ma con il fisico snello che si ritrova non è un problema.
La scrivania è ingombra di monitor, tastiera, stampante, vaschette portadocumenti. Sul piano rimane soltanto un angolo libero largo quanto un foglio.
Si siede, lo schienale della poltroncina sbatte contro lo schedario. Senza essere invitato, prendo posto su una sedia attaccata alla parete. Non c'è spazio per accavallare le gambe.
Deve avere intercettato la mia espressione perplessa. - È una sistemazione provvisoria. - Ruota l'indice davanti alla fronte. - Periodo di ristrutturazioni, spero si diano una mossa a finire. Aspetti che le prendo la cartella clinica. -
Annuisco e per quanto possibile mi metto comodo.
Si sposta in avanti, solleva una serie di cartelline e ne estrae una verde. Con una mano la apre e con l'altra si porta gli occhiali sopra il naso.
- Dunque... da quanto vedo i barellieri hanno riferito che l'ha trovato lei. -
- Tecnicamente è lui che ha trovato me. Ma non devo essergli piaciuto troppo, mi è svenuto in braccio. - Reagisce alla battuta guardandomi dal basso verso l'alto aggrottando le sopracciglia. Indico i fogli che ha in mano. - Cosa gli è successo? -
- Al signor Mantovani è andata bene. Il proiettile è entrato dalla schiena, ha sfiorato un rene e colpito l'intestino. -
- Dalla schiena? -
- Dato che è stato lei ad aiutarlo a sdraiarsi a terra, non poteva notarlo. -
Ha ragione, l'ho sempre avuto di fronte e per tutto il tempo mi sono preoccupato di tamponargli la ferita. - Mi spieghi meglio, per favore. -
Si appoggia allo schienale e incrocia le braccia sotto il seno. - Come le ho detto, la pallottola è entrata dalla schiena, ha leso gravemente l'intestino, per la precisione il colon discendente, ed è fuoriuscita dal fianco. Data l'entità della lesione gli è stata praticata una emicolectomia sinistra, ma il paziente non è in pericolo di vita. -
- Ho urgente bisogno di parlargli. -
Si raddrizza sulla poltroncina. - Al momento è sedato e l'unica cosa di cui ha bisogno è un buon riposo. Deve aspettare fino a domani mattina. -
Mi sporgo verso di lei. - Ascolti, c'è qualcosa nella dinamica dell'aggressione, per come è riuscito a raccontarmela prima di svenire, poco coerente con quanto gli è successo. Devo raccogliere maggiori dettagli per iniziare le indagini. -
Tira un profondo respiro, mi punta lo sguardo dritto in faccia. - Capisco che lei debba fare il suo mestiere, ma anche io devo fare il mio. Il paziente sta dormendo e non lo posso svegliare, devo garantire il corretto decorso post operatorio. -
Batto una manata sulla coscia. - Domani mattina, alle sette, torno qui e lo voglio trovare sveglio. - Mi alzo.
- Aspetti. - Gira la poltroncina di lato e si alza anche lei. Recupera dalla tasca del camice un mazzo di chiavi e apre lo schedario. Estrae una busta trasparente. - Questi sono gli effetti personali del signor Mantovani. - Prende una scatola di guanti usa e getta. - Tenga. -
Li indosso. Sollevo la pila di vaschette portadocumenti e l'appoggio sopra la stampante. Afferro la busta e travaso il contenuto sulla scrivania.
Controllo lo smartphone: ha metà autonomia ed è di quelli che si attivano tramite impronta. Lascio dove sono un mazzo di chiavi, un pacchetto di sigarette e un accendino. L'orologio è un cronografo Casio, un modello economico. C'è anche un grande anello nero in metallo, a base quadrata. Il portafoglio è gonfio e pesante. Apro lo scomparto delle banconote, ci sono diversi biglietti da cento e da cinquanta. A occhio e croce saranno duemila euro.
Estraggo la carta d'identità, è ancora in formato cartaceo. Controllo la data di nascita: ha ventotto anni, celibe, residente a Melzo. La infilo nella tasca interna del soprabito e rimetto tutto il resto nella busta. La riconsegno alla dottoressa.
- La tenga sotto chiave. -
- Non c'è problema. -
Tolgo i guanti e li lancio sulla sedia. - La saluto. -

Come metto piede fuori dall'ospedale, squillano le note di Hotel California. Controllo chi è, stavo per chiamarlo ma mi ha preceduto. Rispondo. - Buongiorno, Maderna. Che notizie porti? -
- Ciao, Tomba, dove sei? C'è un gran casino vicino a te. -
- Aspetta un momento. - Scanso vecchietti sulla carrozzina e persone che camminano a passo svelto in direzione del CUP. - San Raffaele, ma potevo evitarmi il viaggio. Il ferito sino a domani non si può disturbare. -
- Come sta? -
- Se la caverà, ma per questa storia si è giocato un pezzo d'intestino. -
Arrivo al parcheggio, apro la portiera della Giulietta.
- Senti, Tomba, fai un salto da noi? È meglio che vieni a dare un'occhiata di persona. -
Se si comporta così è perché deve avere repertato qualcosa d'importante. - Dove siete di preciso? -
- Dentro al Parco Lambro. Poco dopo la trattoria dov'eri ieri sera c'è un piccolo slargo. Prendi l'unico sentiero sterrato che s'inoltra verso l'interno, vai avanti un centinaio di metri e ci trovi. Ti aspetto. -
Massimo Bertarelli
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto