Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Erri De Luca. Nato a Napoli nel 1950, ha scritto narrativa, teatro, traduzioni, poesia. Il nome, Erri, è la versione italiana di Harry, il nome dello zio. Il suo primo romanzo, “Non ora, non qui”, è stato pubblicato in Italia nel 1989. I suoi libri sono stati tradotti in oltre 30 lingue. Autodidatta in inglese, francese, swahili, russo, yiddish e ebraico antico, ha tradotto con metodo letterale alcune parti dell’Antico Testamento. Vive nella campagna romana dove ha piantato e continua a piantare alberi. Il suo ultimo libro è "A grandezza naturale", edito da Feltrinelli.
Maurizio de Giovanni (Napoli, 1958) ha raggiunto la fama con i romanzi che hanno come protagonista il commissario Ricciardi, attivo nella Napoli degli anni Trenta. Su questo personaggio si incentrano Il senso del dolore, La condanna del sangue, Il posto di ognuno, Il giorno dei morti, Per mano mia, Vipera (Premio Viareggio, Premio Camaiore), In fondo al tuo cuore, Anime di vetro, Serenata senza nome, Rondini d'inverno, Il purgatorio dell'angelo e Il pianto dell'alba (tutti pubblicati da Einaudi Stile Libero).
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Manuale di pubblicazione Amazon KDP. Sempre più autori emergenti decidono di pubblicarse il proprio libro in Self su Amazon KDP, ma spesso vengono intimoriti dalle possibili complicazioni tecniche. Questo articolo offre una spiegazione semplice e dettagliata delle procedure da seguire e permette il download di alcun file di esempio, sia per il testo già formattato che per la copertina.
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Scrittori si nasce. Siamo operai della parola, oratori, arringatori di folle, tribuni dalla parlantina sciolta, con impresso nel DNA il dono della chiacchiera e la capacità di assumere le vesti di ignoti raccontastorie, sbucati misteriosamente dalla foresta. Siamo figli della dialettica, fratelli dell'ignoto, noi siamo gli agricoltori delle favole antiche e seminiamo di sogni l'altopiano della fantasia.
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Nicola Mazzacane
Titolo: La Regina della Musica
Genere Narrativa
Lettori 742 4 8
La Regina della Musica
Musica.
Dal greco “mousikè”, arte delle Muse, arte perfetta. L'arte di creare suoni diversi tra loro, organizzati e carichi di significato fino a formare una melodia, un'armonia, un ritmo.

* * *

Theater Carré, Amsterdam.
1° giugno 1961.
- Prego signora, le abbiamo riservato un posto speciale - intervenne una delle maschere, allargando e cingendo il braccio con delicatezza attorno alla sua vita.
Lei, con la blusa zaffiro a piccoli pallini bianchi, semitrasparente sulle maniche e poco pieghettata sul petto, elegante e raffinata come sempre, si fece avanti lasciando dietro sé almeno cinque anime che invocavano il suo nome, ma non senza averle salutate con un breve cenno. Quella piccola scollatura dava luce alla pelle ruvida, ma piena di saggezza e vita vissuta, che faceva da letto a una collana di minuscole perline che accerchiavano largo il collo rosa e senza solcature: una pelle che svelava una tempra invidiabile a poche dita dal centro delle sue emozioni, quel cuore fragile ma fatto di melodie, di note e sentimento. Un bellissimo e semplice bracciale di piccoli anellini dorati le stringeva appena il polso, impreziosendo la sua immagine e donandole armoniosità.
In sottofondo, le note di Arabesque n.1 di Claude Debussy accompagnarono gli spettatori, deliziati da quell'insolita calma che si diffuse nell'aria.

Lei non aveva ancora aperto bocca, neanche per fumare la sua solita e leggera Mercedes King, come faceva prima di ogni evento. Quell'odore persistente e aromatico le avrebbe fatto solo che piacere, ma l'aveva lasciata nella borsa bianca di pelle che portava sempre con sé da quando gliel'aveva regalata suo marito, tranne quella volta. Prese posto, guardando fisso in un'unica direzione: quel palco splendido dal quale poco dopo le avrebbero reso omaggio e che era distante solo qualche metro. A separarli, una leggera coltre di fumo, odore forte di tabacco e alcune maestranze che si scambiavano vaghe parole e opinioni. Sebbene non fosse la prima volta, l'emozione le toccò le corde del cuore. La poltrona era comoda, tappezzata di pelle morbida e rossa, liscia, gonfia come tutte le altre: il colpo d'occhio del teatro pieno lasciava senza respiro.
Tutti la conoscevano come una donna affermata, vincente e decisa. Lei, però, non avrebbe dovuto far trasparire nulla di più che un nascosto compiacimento.
- Per noi è un'icona! - gridò una voce femminile tra il pubblico.
- È il nostro orgoglio! - continuò.
- Rappresenta la riscossa del mondo delle donne nella società e nel lavoro! - ma lei non si scompose. Sapeva che ciò che aveva raggiunto era stato il frutto di tanto lavoro negli anni, di studio, passione e sacrificio. Ogni singolo granello di successo era legato in modo indissolubile alla sua caparbietà e alla voglia di arrivare. Nonostante molti la invidiassero, non portava - né mai l'aveva fatto - rancore per nessuno; pur apparendo forte e dura a chi non la conosceva davvero.
Da Debussy si passò all' Andante spianato di Chopin, tratto dall' op.22 dello stesso autore, che comprendeva anche la Grande Polacca Brillante.

Non restava, quindi, che attendere l'inizio della serata. Scrutando di fila in fila tra la gente seduta e incuriosita, i suoi occhi si imbatterono in vivaci e allegri gruppi familiari, con bimbi festanti che tamburellavano con le dita, fingendo di suonare, sulla schiena delle poltrone poste dinanzi a loro.
Ancora voci nella folla, voci indistinte, piacevole confusione.
Poi, in mezzo a quel dolce brulichio indefinito, ne giunse una più vicina all'orecchio, calma e gentile. Era quella di un uomo, che l'aveva seguita fin dalla sua entrata in platea, facendosi spazio tra braccia impazienti:
- Mi scusi, madame. Permette? - domandò, appoggiando la mano a quella di lei.
- Prego... -
L'uomo avvicinò le labbra al dorso e continuò:
- Posso assistere allo spettacolo qui, accanto a lei? -
- Se le fa piacere... - rispose la signora, con una freddezza alquanto finta e misurata.
Lui rimase impassibile, ma onorato di sederle accanto.
Lei, invece, emozionata come da tanto non le capitava.
Era bastato poco. Un gesto fine e signorile, ma guai a dimostrarlo.
Silenzio in sala.
Su il sipario.

1.

Danza della fata confetto.
Tratta dal balletto “Lo schiaccianoci” di Pyotr Tchaikovsky, ne è una delle melodie più famose. Lo strumento protagonista è la celesta, una sorta di piccolo pianoforte dal suono simile allo xilofono.
Tema d'argento e zucchero.

* * *

Appleton, Wisconsin, USA, 1899
- Vai a letto cara, è tardi - .
- Sì mamma, ho quasi finito - .
E invece Susan non aveva finito per niente.
Le sue mani avevano continuato per ore a levigare, incidere, smussare e a consumare quel piccolo pezzo indomabile di abete, quasi esso volesse dirle che tanto non le avrebbe potuto mostrare nient'altro che un'anima vuota e irriconoscibile proprio come quello che era all'inizio, un quadrato di legno grezzo tagliato con estrema generosità.
- Voglio finirlo entro domani, mamma - .
Maggie la guardò con occhi umidi. Li chiuse, poi aspettò.
Era sua figlia, la sua bambina.
E non poteva essere migliore di così.
Tuttavia, la notte si avvicinava e né lei né la sua piccola potevano ancora avere le forze per quel lavoro proibitivo che avevano accettato: realizzare cento cavalli in miniatura ben rifiniti e lucidi, entro il giorno dopo. Di giorni ne erano passati sei e loro li avevano promessi ai Clark in una settimana. Il tempo scarseggiava, le energie anche.
- Non ti è venuto bene, Susy. Vedi, qui dovevi essere più precisa. La zampa di un cavallo non è così lunga, dovevi accorciarla prima - sussurrò lei, per non svegliare suo marito, immerso nel sonno nella piccola stanza da letto lì a fianco.
- Non fa niente tesoro, ce l'hai messa tutta, vero? - continuò.
La piccola artista che Maggie aveva di fronte non credeva di aver sbagliato. Era brava, ma anche testarda.
- No, mamma, la zampa va bene, deve essere dritta, vedi? - rispose indicando la postura del suo cavallo mentre continuava a intagliare. In realtà sua madre aveva ragione, anche se il cavallo primitivo di Susan non stava venendo poi così male.
- Ricorda che qualunque sia il tuo soggetto, non deve mai sembrare troppo statico - replicò la donna prendendo in mano il modellino. Lo girò una volta, poi due. Subito dopo, la colpì un fulmine di meraviglia. Ora le sembrava bellissimo, ancora allo stato iniziale ma quasi perfetto nelle dimensioni, come se in un attimo un angelo avesse modificato quell'apparente errore. E non solo. Lo stesso angelo aveva trasformato in poco tempo un pezzo di legno che non ne voleva sapere di prendere forma in un oggetto che di lì a poco avrebbe iniziato a vivere.
“Come diavolo ci è riuscita? Pochi minuti fa era sbagliato” pensò. “Non voglio illuderla, non ce la faremo”.
- Devi migliorare, ma hai un grande talento - commentò - Ora però sei stanca, anzi, lo siamo entrambe. Andiamo a dormire - .
Non arrivò un altro complimento. Maggie si avvicinò alla piccola finestra dello stanzone principale della casa, lo stesso nel quale le due avevano passato quel pomeriggio. Posò le sue dita sulle barre di legno che incrociavano il sottile strato di vetro, osservò il cielo spostando gli occhi verso le stelle, poi si staccò e tirò via la tendina bianca che, come ogni sera, filtrava quella poca luce naturale rimasta tra le lande ghiacciate a nord del lago Winnebago e che si mescolava a quella della lampada a olio posta sul tavolo accanto a essa, con un gesto che significava la chiusura ufficiale della giornata in casa Chambers.
- Ma, mamma... - singhiozzò Susan.
- Ssh... non discutere - interruppe la madre, pizzicando il naso di sua figlia con l'indice e il pollice della mano destra e poi chiudendolo con delicatezza in un pugno - Il lavoro ormai è perso, missione fallita. Ce ne mancavano davvero pochi, peccato - .
- Ma così non ci pagheranno e noi non mangeremo e poi... -
- A letto! Dovevi esser già sotto le coperte. Su, da brava - insistette con tono deciso Maggie, strozzando la sua commozione in ogni parola.
Senza proferire risposta alcuna, la piccola si diresse verso la sua stanza, aprì la pesante porta, ruvida e povera come non lo erano le splendide creazioni che prendevano vita nella stessa casa. Vi entrò, tirò il chiavistello e la chiuse, provocando un grosso cigolio. Si rifugiò, poi, nella rabbia e nel suo letto.
Non l'aveva meritato, per l'impegno e la dedizione, ma sua madre doveva proteggerla. I suoi nove anni erano curiosi, impazienti e anche fragili e il giorno dopo c'era la scuola, nella piazza del paese, con gli amici di sempre, quelli benestanti che la notte dormivano. “È proprio brava, come lo era suo padre fino a quando ha potuto” pensò Maggie. “La sua volontà è encomiabile, vuole dare un aiuto prezioso alla famiglia, ma temo che purtroppo non basterà”.
L'indomani mattina, Maggie ritornò nello stanzone. Si avvicinò alla stessa finestra e ritirò la tendina, facendo il movimento contrario a quel che fece la sera precedente. La luce del giorno, che nei suoi raggi, grazie al vento, trasportava ogni fragranza delle prime ore incontrata nella vegetazione nordamericana del Wisconsin, inondò l'ambiente e illuminò ogni oggetto presente sul tavolo, pregno di fatica veicolata dalle mani che l'avevano lavorato. Niente, però, era come lei lo ricordava, o almeno come ricordava di averlo lasciato. Le sgorbie, il coltellino e gli scalpelli erano al loro posto, appoggiati ai ganci porta utensili sulla parete in legno di fronte al tavolo, non su di esso dove giacevano poche ore prima. Al contrario, c'erano la spugna e la cera d'api, che le due intagliatrici quella volta non avevano usato, ma del cavallino a cui Susan stava lavorando neanche l'ombra.
A Maggie venne subito un sospetto.
Si voltò e andò in cerca del baule nel quale erano stati sistemati i cavalli di legno terminati, novantatre su cento. Per gli altri sette, pazienza. Avrebbero cercato di convincere i Clark a farsi pagare almeno per la parte di lavoro ultimata, anche se gli accordi erano diversi: “cento cavalli, non uno di meno, da esporre nel nostro maneggio. Pagheremo solo a queste condizioni”.
I Clark erano una famiglia di possidenti, centinaia di acri di terra adibiti a coltivazioni di mais e patate e in più centocinquanta cavalli, tra cui American Saddlebred, cavalli arabi, Morgan Horse e numerosi tentativi di incrocio. Non erano diventati ricchi a caso, l'essere scaltri era il loro forte.
Il baule di frassino era sempre lì, chiuso con il coperchio incernierato e le fibbie di cuoio bloccate all'ultimo buco. Fin qui Maggie non notò nulla di strano, ma le bastò sganciare le fibbie e aprire, per capire che non si era sbagliata. Fino all'ultima volta che lo aveva visto aperto, i cavalli erano disposti in maniera ordinata, a cinque strati da venti ognuno, intervallati da un divisorio sottile di legno. Nell'ultimo strato ne mancavano sette, ma non questa volta.
I suoi occhi neri balzarono dalle orbite:
- Santa vergine! - esclamò incredula, richiudendo con uno scatto tremante il baule. Prese una breve pausa e lo riaprì: - Che meraviglia! I cavalli ci sono tutti, non riesco a crederci! -
Sapeva che era stata Susan, non poteva che essere così.
Il lavoro di un giorno intero era stato fatto in una notte da una bambina di nove anni, dalle sue mani, dalla sua voglia di mettersi in gioco. La lavorazione di un pezzo di legno, con tutte le sue fasi come la sgrossatura, l'intaglio e la scultura, non poteva richiedere solo poche ore, tra l'altro per sette volte. Sua figlia era stata a dir poco superlativa, la sua bravura era andata oltre ogni immaginazione. Ma come aveva fatto Susan a non fare rumore, a usare gli attrezzi senza svegliare i suoi genitori?
- Ho cercato di fare piano, mamma - disse la piccola entrando nella stanza con gli occhi gonfi di sonno.
- Cosa, Susy? Come? -
- Forse ti starai chiedendo come abbia potuto fare tutto senza che voi ve ne accorgeste - riprese.
- Come fai a saperlo? Era proprio quello che mi stavo domandando! - .
- Te lo si legge in faccia! - rispose sorridendo Susan - Avremo i nostri soldi, ora? - .
- Sì, certo che sì! - .
Il nuovo giorno iniziò con un abbraccio.
Maggie aveva appena trovato il socio perfetto per l'attività di famiglia.

Susan non andò a scuola quel giorno, malgrado lei volesse.
Sua madre le concesse la grazia di rimanere a casa e riposarsi. Tutta la notte passata a dare una forma, poi una vita, a dei piccoli pezzi di legno era una giustificazione più che sufficiente e lo sarebbe stata anche per la giovane maestra Abigail Adams, che la piccola adorava. Era l'unica che aveva capito la difficile situazione di famiglia ed era a conoscenza dell'aiuto che lei dava, anche di notte, per tirare avanti il carro che permetteva loro di vivere. Da quando suo padre aveva perso l'uso della mano destra per colpa di un saracco sfuggito durante la lavorazione di uno scrittoio, i guadagni erano precipitati. Era lui che prima portava avanti quello stesso carro: ora invece ne curava la manutenzione. Piccoli lavori riusciva ancora a farli, laddove non fosse servita la mano principale, recante una sempre viva ferita che gli procurava dolore e infezioni continue. Inoltre, cercava di attirare clienti portando in giro piccoli manufatti e pubblicizzando la loro attività, parlando con amici e chiedendo se qualcuno fosse interessato a oggetti su richiesta o lavori di restauro.
La maestra Abigail voleva così bene a Susan che spesso si recava a casa sua e chiacchierava con lei tra le quattro pareti di quel mondo magico e ovattato della sua stanza, dove la bambina trovava ogni volta il miglior rifugio e il posto adatto per poter sognare e vivere le emozioni che l'età le suggeriva. Andare a trovare i propri alunni in casa non era una pratica inusuale per gli insegnanti, specie nelle cittadine in via di sviluppo come Appleton, con le famiglie che si stabilivano per lavoro e spingevano i loro figli a frequentare le lezioni scolastiche, comunque obbligatorie. Era un modo per entrare in contatto e stabilire un rapporto più confidenziale, contrario alla tendenza di quegli anni che voleva rendere i fanciulli obbedienti e poco indipendenti nell'elaborazione dei pensieri, per essere sottomessi al potere dello stato. Abigail la aiutava, le leggeva alcuni dei suoi libri disposti con ordine in libreria, fiabe e molto altro. Vedeva in lei un enorme potenziale, che però era offuscato da tante difficoltà. Durante le lezioni di canto Susan dava il meglio di sé, manifestando una particolare predilezione per esso e per la musica. A casa non possedeva strumenti musicali e qualche volta le era capitato di cantare, ma solo in chiesa. Proprio per questo, Abigail cercò di stuzzicare il più possibile la sua curiosità, proponendole lo studio teorico dei vari strumenti come la chitarra, il pianoforte, il flauto e l'organo. Non potendo chiederle di esercitarsi, le spiegava il loro funzionamento, i vari meccanismi, i suoni, il posizionamento delle dita. Susan ascoltava ogni volta incantata ma vogliosa di provare a suonare qualcuno di essi, pregandola di trovare una soluzione per farlo.
Ma Abigail non le aveva ancora detto una cosa: che era anche una bravissima pianista e che a casa sua possedeva uno splendido pianoforte che non suonava quasi mai. Non aveva mai avuto il coraggio di invitare Susan perché non era affatto tranquilla. I litigi con suo marito erano frequenti ed erano di più le volte in cui lui tornava a casa ubriaco rispetto a quelle in cui rientrava con un altro debito accumulato. Non voleva che la piccola si accorgesse di quel fallimento, riportandone turbamento.
La scuola, invece, era un ambiente in cui la bambina non si trovava a suo agio. Il rendimento era più che buono, ma il comportamento no. Il suo carattere ribelle prevaleva sempre sugli altri e nessuno poteva metterle i piedi in testa o approfittare della sua bassa statura o del suo corpo gracile. Era un folletto dal cuore d'oro in casa, ma pestifero fuori. Una volta si beccò una sospensione, con buona pace di Maggie e di suo marito James, per aver mollato un ceffone al compagno di classe William McGregor dopo che questi le aveva dato della poveraccia per via della gonna un po' sdrucita. Dopo quell'episodio, Susan e William diventarono veri amici. Lui non si permise più di offenderla, perché non voleva prenderle, mentre lei non lo sfiorò più perché tanto gli aveva fatto capire chi comandava, ma a parte questo l'uno divenne il punto di riferimento dell'altra.
Tra le bambine, invece, c'era Rose Houston, originaria del Kansas. Pochi erano gli amici nati ad Appleton o comunque in Wisconsin e anche William, addirittura, era di origine inglese, di Londra. Rose era una bambina più timida di Susan ma un po' spocchiosa: la sua famiglia era proprietaria di diverse case in città e di un albergo che però, a detta di Susan, puzzava di birra. Non si sapeva perché le due andassero molto d'accordo, ma Rose sembrava essere la versione femminile di William. Forse alla piccola Chambers piacevano gli amici ruvidi e scontrosi, tant'è che i tre facevano spesso gruppo e tornavano insieme a casa da scuola. Non avevano poi molte distrazioni, la loro era una tranquilla città fiorente di circa quindicimila abitanti, enormi praterie che facevano da cornice al centro abitato e cavalli a volontà, pochi allo stato brado. Il passaggio di secolo, si sperava, corrispondeva al progresso economico e demografico e ogni famiglia, nella sua quotidianità, cercava di emergere tra mille problemi, tranne quelle ricche e sia i McGregor che gli Houston lo erano. Questo, però, a Susan non importava affatto. Lei sapeva bene che uno dei motivi che la spingevano ad avvicinarsi ad amici appartenenti ad altre classi sociali, era proprio il mettersi in gioco e provare a emergere. L'unica volta in cui Rose tentò di far capire alla sua amica che i Chambers non potevano cavarsela con i soli ceppi di legno per tutta la vita, Susan le tirò la cartella addosso, avvertendola che se fosse successo un'altra volta avrebbe usato la stessa mano usata contro William.
- Che cosa hai fatto? - chiese alzando la voce Maggie quando quella volta seppe della cartella - lo sai che gli Houston sono nostri importanti potenziali clienti? Con tutto quello che possiedono potrebbero esporre qualche nostro lavoro prima o poi e nel loro albergo sono presenti dei meravigliosi mobili decorati! -
Da quando Susan aveva iniziato a collaborare con assiduità - soprattutto con sua madre - per la riuscita della piccola azienda familiare, ci faceva più attenzione.
Durante la settimana, la domenica era la sola giornata nella quale ai ragazzi era concessa un'uscita, dopo la messa nella chiesa di Santa Maria, per un'ora. Qui, gli occhi di Susan non si soffermavano su padre George ma sul pianoforte, utilizzato sempre prima o dopo le celebrazioni liturgiche, mai durante e più nascosto rispetto allo strumento maestro, quell'organo a canne, immenso e vicino al coro, del quale Susan avrebbe tanto voluto un giorno far parte, ma l'età non glielo permetteva ancora. Cercava di sedersi sempre il più vicino possibile all'organista e di guardare le sue mani per capire la loro posizione a ogni accordo, così come le aveva detto la maestra Abigail. Non avendoci mai provato, però, poteva solo immaginare a quale nota corrispondesse ogni tasto, a cosa servisse il movimento del piede sul pedale e soprattutto come diavolo si faceva ad andare a tempo con il coro, o se fosse il coro ad andare a tempo con chi suonava. Non si perse più una messa anche per questo motivo. Poi tornava a casa e sapeva che il suo destino era su quel banco da lavoro, dove passava ormai le ore con sua madre. Quando provava a immaginare il futuro, erano due i fuochi sui quali si concentrava: il lavoro da intagliatrice del legno e la musica. Il primo era già lì, avviato da anni. Il secondo era solo un sogno, perché le sue orecchie e la mente assaporavano e interiorizzavano ogni nota musicale, ma le sue mani non avrebbero saputo come ritramutarla nella stessa forma. Aveva scoperto ormai che il dolce suono delle corde di un pianoforte, rispetto a quello più maestoso dello stesso organo, era qualcosa di più della semplice percussione su di esse di un martelletto. C'era in quello strumento qualcosa che la stregava.
Ai suoi genitori non aveva detto nulla di ciò che sentiva quando entrava in chiesa. Un vortice la risucchiava in quell'angolo magico e davanti ai suoi occhi volava un pentagramma fatto di note indecifrabili che via via riempivano la piccola volta, fino a spegnersi e dissolversi sul pianista e sui coristi. Il cuore batteva forte e lei non riusciva a capire cosa le provocasse tale tumulto.
Quando lavorava il legno era sciolta, concentrata, impaziente di terminare l'opera. E farlo le piaceva da morire. Ma con la musica era diverso, sentiva un trasporto mai avvertito prima e voleva seguirlo fino in fondo. Dopo aver smesso di fantasticare, però, la realtà le sbatteva in faccia: suonare sarebbe stato impossibile, perché non c'erano strumenti, non c'era il tempo, non c'erano soldi. E forse le lezioni della maestra Abigail sarebbero rimaste solo teoriche.

2.

Il volo del calabrone.
Dall'opera di Nicolaj Rimskij-Korsakov “La fiaba dello zar Saltan”.
Gvidon, il protagonista, viene trasformato proprio in un calabrone e il compositore riproduce alla perfezione il ronzio dell'insetto nel tentativo di raggiungere la nave dove Gvidon arriverà, senza essere visto dallo zar, suo padre, che l'aveva abbandonato alla nascita con la madre.

* * *

La consegna dei piccoli cavalli in legno di abete avvenne nei tempi stabiliti. I Clark apprezzarono così tanto il lavoro in ogni suo particolare, che non solo decisero di esporre le piccole riproduzioni nel loro maneggio, ma addirittura prepararono un percorso quasi obbligato per permettere a tutti gli ospiti presenti nel giorno della sua nuova inaugurazione, il 5 dicembre 1899, di poterle ammirare. Cento cavallini meravigliosi, intagliati con maestria da mani sapienti e talvolta acerbe, che esprimevano un'arte unica, quella della famiglia Chambers. Le proporzioni, le forme, i dettagli della testa e dei muscoli delle zampe in posizione rampante, i cavalli al trotto, quelli al galoppo; ognuno di essi era diverso dagli altri, un lavoro ineccepibile e perfetto, eseguito con esperienza e passione.
In questo settore i Chambers non avevano rivali.
Erano presenti a quell'inaugurazione numerosi pezzi grossi dei paesi limitrofi, gente proveniente da Green Bay, da Oshkosh e anche da Madison, la capitale del Wisconsin. In tutto lo stato erano tanti i cavalli che nel maneggio dei Clark venivano educati e tanti qui venivano per imparare anche a cavalcare. Gente soprattutto ricca, benestante, che non avrebbe avuto problemi a spendere e che forse avrebbe potuto chiedere chi avesse realizzato quelle bellissime sculture in legno.
Cosa che infatti accadde.
Grazie ai Clark e a quella generosa intuizione, cosa non da poco considerato il loro modo di fare da puri egoisti, la famiglia Chambers ottenne la giusta e meritata visibilità. Nel giro di pochi giorni il giro di clienti si ampliò e alla porta di casa bussarono diverse mani in cerca di qualche lavoro: se prima erano stati loro a chiedere un po' di fortuna, ora il ventò iniziò a cambiare. Inoltre, la festa tanto attesa del santo Natale si avvicinava e si sentiva nell'aria la sua inconfondibile magia: era ovvio che oggetti e giocattoli in legno sarebbero stati un'ottima idea per molti, Susan e Maggie non avrebbero certo perso l'occasione. Anche il clima freddo dicembrino stuzzicò non poco la fantasia dei più abbienti, suggerendo di migliorare l'aspetto estetico delle loro dimore, in particolar modo intervenendo sulle cornici in legno dei camini. Fu così che i Chambers iniziarono a eseguire anche lavori a domicilio. Dal 15 al 19 dello stesso mese furono impegnati proprio in casa degli Houston, i genitori di Rose. Quel camino di quercia era incredibile: i piedritti laterali erano alti, massicci, l'architrave imponente e sopra vi era una mensola larga, liscia senza nemmeno un graffio, ma la parte più bella da vedere era senza dubbio alcuno la parete frontale, quella che rivestiva la cappa interna in pietra. Si ergeva per poco più di un metro, lasciando altrettanto spazio tra esso e la soffitta, decorata con motivi ispirati al mondo della natura. Al centro di questa, una vistosa decorazione in rilievo recante uno stemma araldico racchiuso in quattro angoli fiorati. Appena Maggie e Susan vi si trovarono davanti rimasero a bocca aperta, come incantevole era il resto della stanza: il tavolo centrale in legno di faggio con tovaglia ricamata e attorniato da quattro poltroncine bianche imbottite in camoscio, il lume al centro con un fermacarte che sembrava fatto in oro, uno specchio snello, alto e luminoso al centro di due finestroni impreziositi da tende color zenzero, ognuna delle quali aperte in due gonfi e impettiti drappi che lasciavano passare un'abbondante luce, essendo la casa orientata verso sud. Il pavimento, sempre in legno ma di larice, era perfetto: sembrava nuovo, senza nodi e senza tracce di alburno, di ottima qualità. Maggie, questi particolari, li notava subito, essendone un'intenditrice.
- Che ne dite, signora Chambers? - fu la prima domanda che le venne posta dal padrone di casa, Robert Houston. La donna non poteva che essere sincera nel rispondere.
- È tutto bellissimo, la cura che avete della vostra casa è così... stupefacente! -
Seguì una risata soddisfatta e al tempo stesso velata di superbia.
- Ma no, intendevo il camino. Siete venute qui per questo - .
Maggie tornò un attimo in sé, sopraffatta da tanta perfezione.
- Questo camino è altrettanto meraviglioso. È un legno non facile da lavorare, ma ce la faremo, vedrete. Poi, ogni lato è largo a sufficienza per poter fare un bel lavoro, ci sarà da divertirsi - .
- E questa bellissima bambina? Tu devi essere Susy, non è vero? Rose mi parla spesso di te. Mi ha detto anche di quella volta in cui hai lanciato... -
- È da tanto che l'avete, signor Houston? - interruppe imbarazzata Maggie, rivolgendo un'occhiata a sua figlia, che nel frattempo fece finta di indirizzare il suo sguardo al candelabro presente sulla madia dietro al tavolo.
- Oh, beh - , riprese Houston, - è qui da circa vent'anni - .
- Perfetto - rispose lei - È un legno tutto sommato giovane, possiamo cominciare? - .
- Certo. È chiaro quel che dovete fare? Non voglio errori né sorprese, altrimenti dovrete essere voi a pagare i danni. Se fate un buon lavoro, vi darò i sessanta dollari pattuiti, altrimenti non avrete un centesimo. È un pezzo pregiato al quale tengo tanto e voi non dovrete rovinarmelo! -
Maggie si sentì offesa, umiliata. Nessuno, tranne loro, poteva riuscire a realizzare quanto da lui richiesto.
- Ma siete stato voi a rivolgervi a noi, se volete possiamo togliere anche il disturbo - .
- Mamma, ma sessanta dollari sono tantissimi... - disse sottovoce Susan. Sua madre le schiacciò il piede sinistro, più vicino al suo, in segno di silenzio.
- No, no, lavorate pure. Solo che preferirei ci metteste molta, anzi, troppa attenzione - rispose Houston, timoroso di un ripensamento della signora Chambers.
- È un lavoro importante, ma non facile, ripensandoci bene - riprese lei. Maggie accarezzò la parete del camino, bussando per sentirne la durezza del legno. Poi fece scivolare le mani ai piedritti, lisci come erano in origine, senza nessun tipo di decorazione. Eleganti, fini e di assoluta bellezza, ma un tocco artistico li avrebbe resi immortali.
- Sessanta dollari non bastano - sentenziò con freddezza.
- Cosa? È la somma che abbiamo pattuito, come sarebbe a dire che non bastano? -
- L'abbiamo pattuita senza vedere il camino. Ora che ce l'ho qui davanti a me vi dico che non sarà facile lavorarlo, soprattutto conoscendo la sua importanza e il suo valore - .
- Sentiamo, quale sarebbe la richiesta? -
- Centoventi - .
- Come? Il doppio? Ottanta - .
- Non bastano. Centodieci - .
- Novanta. È la mia ultima offerta - .
- Cento. È la mia ultima richiesta. Ripeto, possiamo andarcene anche ora - .
Tre, quattro secondi, non di più, bastarono per far capire a Houston che Maggie aveva ragione. Lui pretendeva la perfezione nella decorazione dei piedritti e dell'architrave. E perfezione avrebbe ottenuto: i capitelli con le volute, gli abachi, le colonne scolpite nell'architrave e al centro di questo lo stesso stemma araldico presente sulla parete alta, lo stemma degli Houston di Emporia. Sia lui che sua moglie, la signora Anne Houston - che di cognome faceva Montgomery, così come il vero cognome di Maggie era McCoy - erano nati in Kansas, nella città di Emporia, nel 1857, anno della sua fondazione. Robert e suo padre avevano poi scoperto che la loro famiglia, pur non essendo nobile, aveva sempre avuto una certa importanza nel campo economico: ognuno con un ruolo non indifferente negli anni, fino ad arrivare, in ordine cronologico, al nonno di Rose che era stato un importantissimo banchiere di Washington e illustre commediografo. Robert continuò a esercitare lo stesso lavoro in banca, fino a rilevarla nel 1890. Ecco spiegati la loro casa, l'arredo e lo stemma. Quello stemma che Maggie e Susy, ora, avrebbero dovuto replicare sull'architrave, insieme al resto.
Nicola Mazzacane
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto