Writer Officina Blog
Ultime Interviste
Lisa Ginzburg, figlia di Carlo Ginzburg e Anna Rossi-Doria, si è laureata in Filosofia presso la Sapienza di Roma e perfezionata alla Normale di Pisa. Nipote d'arte, tra i suoi lavori come traduttrice emerge L'imperatore Giuliano e l'arte della scrittura di Alexandre Kojève, e Pene d'amor perdute di William Shakespeare. Ha collaborato a giornali e riviste quali "Il Messaggero" e "Domus". Ha curato, con Cesare Garboli È difficile parlare di sé, conversazione a più voci condotta da Marino Sinibaldi. Il suo ultimo libro è Cara pace ed è tra i 12 finalisti del Premio Strega 2021.
Divier Nelli è uno scrittore, editor, insegnante di narrazione e consulente editoriale. È nato a Viareggio nel 1974 e vive nel Chianti. Scoperto da Raffaele Crovi alla fine degli anni Novanta, ha esordito nel 2002 col romanzo La contessa, cui sono seguiti Falso Binario, Amore dispari, Coma, Il giorno degli orchi e la riscrittura del classico ottocentesco Il mio cadavere di Francesco Mastriani. Il suo ultimo libro tratta il tema scottante del bullismo infantile, affidato al racconto della giovane protagonista della storia. Il titolo è Posso cambiarti la vita, edito da Vallecchi-Firenze.
Gabriella Genisi è nata nel 1965. Dal 2010 al 2020, racconta le avventure di Lolita Lobosco. La protagonista è un’affascinante commissario donna. Nel 2020, il personaggio da lei creato, ovvero Lolita Lobosco, prende vita e si trasferisce dalla carta al piccolo schermo. In quell’anno iniziano infatti le riprese per la realizzazione di una serie tv che si ispira proprio al suo racconto, prodotta da Luca Zingaretti, che per anni ha vestito a sua volta proprio i panni del Commissario Montalbano. Ad interpretare Lolita, sarà invece l’attrice e moglie proprio di Zingaretti, Luisa Ranieri.
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Ultimi Articoli
Promozione Letteraria. Il termine angloamericano "slogan" deriva dall'antica voce gaelica "sluagh-ghairm", che aveva la funzione primaria di reclutare i combattenti alle armi. Nei tempi moderni, questo termine è legato a una più banale propaganda commerciale e inglobato nel Marketing per definire una frase facilmente memorizzabile. Ma come possiamo creare una promozione letteraria per far meglio conoscere i nostri libri?
Dialoghi e Menzogne. Il passaggio dal cinema muto al sonoro ha cambiato la percezione di una scena. Se vi soffermate su questo antico concetto, vi ritroverete a paragonare un libro alla stessa forma determinante di comunicazione, ma vi renderete conto che non ha alcun senso imbavagliare i nostri personaggi. E ora vi domando: cosa sarebbe "Il Piccolo Principe" senza i dialoghi con la volpe?
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Home
Blog
Autori
Biblioteca Top
Biblioteca All
Servizi
Inserim. Dati
Writer School
@ contatti
Policy Privacy
Writer Officina
Autore: Franco Filiberto
Titolo: Zic. Il misterioso caso del graffitaro...
Genere Giallo
Lettori 3283 9 11
Zic. Il misterioso caso del graffitaro...
Otto Rea della Rea Investigazioni era seduto alla scrivania del suo ufficio. Era ormai quasi un mese che dalla porta di fronte a lui non entrava un cliente. Un cliente vero, non le solite donne in cerca di prove sull'infedeltà del marito o di qualche vecchietto alla ricerca del cane smarrito. Aveva passato la settimana precedente a indagare su un caso di furto d'auto per poi scoprire che, dietro il furto della Mercedes di un industriale del cuoio, non c'era nessuna organizzazione criminale ma il giovane rampollo di famiglia che aveva voluto fare colpo su una procace e bionda ventiduenne. E il colpo c'era stato, un colpo tremendo contro il tronco di un albero. Il ragazzo non aveva trovato soluzione migliore che tornare a casa con qualche livido e raccontare che l'auto gli era stata rubata da due individui vestiti di nero che non sarebbe stato in grado di riconoscere perché portavano il passamontagna. La cosa suonava falsa come i famosi soldi del Monopoli.
Erano tempi duri. Gli appostamenti notturni per scattare qualche foto del fedifrago di turno erano massacranti, e i compensi si andavano assottigliando sempre di più. Del resto, se si voleva tenere aperta la bottega in attesa di tempi migliori, non si poteva andare troppo per il sottile. Tutto sommato a lui non stava andando peggio che ad altri, pensò, adottando la filosofia del bicchiere mezzo pieno.
E poi aveva sempre sognato che, una volta o l'altra, sarebbe successo anche a lui come al vecchio Marlowe. Avrebbe intravisto, attraverso il vetro smerigliato della porta, una silhouette, lui avrebbe detto con voce roca ‘avanti' e una bionda mozzafiato piena di soldi avrebbe fatto il suo ingresso con tacchi a spillo, calze a rete, scollatura vertiginosa e tutto il resto.
Otto era immerso in questi pensieri quando un breve bussare lo riportò bruscamente alla realtà. La silhouette che intravide era quella di Debora, la segretaria dell'agenzia; la porta si aprì: - La signora Kira Ivanova chiede di lei. Faccio passare? -
- Certamente - rispose Otto, sperando che la sua immaginazione si stesse per tradurre in realtà.
La donna non era certo del genere di quelle nate dalla penna del grande Chandler ma, tutto sommato, non era niente male. Piuttosto alta e longilinea, percorse con passo deciso i pochi metri che la dividevano dalla scrivania di Otto e si sedette accavallando le gambe. Bionda era bionda, ma non aveva calze a rete e, da una prima occhiata, non sembrava neanche piena di soldi.
- Buongiorno, signora Ivanova. Come posso esserle utile? - esordì Otto dopo averle stretto la mano.
- Voglio tu trova una persona. -
- E chi è questa persona? -
- Il mio ex fidanzato. -
- Perché vuole che lo trovi? -
- Sono preoccupata. Non riesco a non pensarci... -
- Se non sbaglio ha detto ex fidanzato... -
- Sì, ma siamo rimasti in buoni rapporti. Tu mi deve credere, lui non fa così. -
- Vede, signora - osservò Otto cercando di essere il più diplomatico possibile, - non ha preso in considerazione la possibilità che non voglia farsi trovare? -
- Non è così. Io lo sa. -
Otto rifletté per alcuni istanti su come affrontare la cosa, poi optò per il più classico e collaudato dei modi: - Signora Ivanova... -
- Kira, mio nome Kira - lo interruppe lei.
- Kira, credo che prima di accettare l'incarico sia utile avere un quadro completo della faccenda. Cominci dall'inizio e mi racconti tutto. Tanto per iniziare, come si chiama il suo ex? -
- Lui si chiama Dario. Dario Fedeli, ma tutti lo chiamano Zic. -
- Zic, certo - ripeté Otto, che aveva iniziato a prendere appunti su un notes.
- Io ero arrivata in Italia da poco. Io sono di Ucraina, di Odessa. Non è stato facile, niente amici, niente lingua, niente lavoro. Io in mio Paese ho studiato filosofia ma qui unico lavoro che ho trovato è cameriera in una trattoria. Lì ho conosciuto Dario. Siamo usciti insieme per qualche volta e poi ci siamo innamorati. Lui è un uomo molto buono e forse io in quel momento avevo bisogno di qualcuno che fosse un punto sicuro. Non so come dire. -
- Si spiega benissimo - la rassicurò Otto, che aveva notato come la donna avesse recuperato in pochissimo tempo una maggiore padronanza della lingua. Probabilmente la mancanza di esercizio aveva arrugginito il suo italiano e qualche termine lo aveva dimenticato ma, tutto sommato, non se la cavava male. La invitò a proseguire.
- Sono stati giorni di sacrifici ma anche di felicità. Siamo andati a vivere insieme e lui mi ha fatto trovare un lavoro con più soldi. Stavamo bene insieme. Lui è un artista e non guadagnava tanto, ma l'arte è molto importante per lui. Arte moderna. E poi scriveva sui muri i suoi pensieri. -
- In che senso scriveva sui muri? -
- Lui scriveva con spray sui muri. Pensieri suoi che voleva dire a tutti. Pensieri di giustizia. Firmava sempre con - Zic - e una scimmia buffa con sigaretta in bocca. -
- E mi dica signora... Kira, da quanto non sente il signor Fedeli? -
- Otto anni. -
Franco Filiberto
Biblioteca
Acquista
Preferenze
Contatto