Writer Officina Magazine
Ultime Interviste
Piergiorgio Pulixi fa parte del collettivo di scrittura Mama Sabot, creato da Massimo Carlotto, di cui è allievo. Insieme allo stesso Carlotto e ai Sabot, ha pubblicato diversi titoli a partire da Perdas de Fogu, per poi continuare con L’albero di microchip, Un amore sporco (nel trittico Donne a perdere) e Padre nostro. Nel 2009 inizia la saga poliziesca di Biagio Mazzeo con il noir Una brutta storia, proseguita con La notte delle pantere e Per sempre.
Younis Tawfik (Mossul, 1957) è un giornalista e scrittore iracheno naturalizzato italiano. In Iraq ha ottenuto nel 1978 il Premio di Poesia Nazionale. Vive in esilio in Italia dal 1979. Nel 1986 ha conseguito la laurea in Lettere all'università di Torino. È noto al pubblico televisivo per alcune partecipazioni a programmi di approfondimento giornalistico, quali L'infedele di Gad Lerner, e altri. Con il suo romanzo d'esordio "La Straniera" ha vinto numerosi premi.
Ilaria Tuti. Appassionata di pittura, nel tempo libero ha fatto l’illustratrice per una piccola casa editrice. Nel 2014 ha pubblicato il thriller Fiori sopra l’inferno. Il secondo romanzo, Ninfa dormiente, è del 2019. Entrambi vedono come protagonisti il commissario Teresa Battaglia. Con Fiore di roccia, e attraverso la voce di Agata Primus, Ilaria Tuti celebra un vero e proprio atto d’amore per le sue montagne, dando vita a una storia profonda e autentica, illuminata dalla sensibilità di un’autrice matura e generosa.
Ultimi Articoli
Self Publishing. In passato è stato il sogno nascosto di ogni autore che, allo stesso tempo, lo considerava un ripiego. Se da un lato poteva essere finalmente la soluzione ai propri sogni artistici, dall'altro aveva il retrogusto di un accomodamento fatto in casa, un piacere derivante da una sorta di onanismo disperato, atto a certificare la proprie capacità senza la necessità di un partner, identificato nella figura di un Editore.
Ego Sum, ovvero l'Ego d'Autore nella sua eterna e complessa contraddizione. Ma quanto conta davvero la personalità dello scrittore nel successo dei suoi testi? E quanto pesa la sua immagine pubblica sul piatto della bilancia che lo porta a scalare il gradimento del pubblico? È davvero possibile scindere autore e testo, senza pregiudicarne irrimediabilmente il successo?
Lupus In Fabula, analisi del protagonista negativo nella scrittura antica e moderna, interpretando le favole di Esopo nel contesto della letteratura. "È questa figura che ha il compito di rendere una trama davvero interessante. Non è la tragedia in sé che tiene attanagliati i lettori davanti al nostro libro, ma l'attesa che si manifesti."
Altre interviste su Writer Officina Magazine
Home
Magazine
Writer Officina
Autore: Andrea Esposito
Titolo: Un punto di vista
Genere Autobiografico
Lettori 135
Un punto di vista
Un percorso all'autorealizzazione attraverso il risveglio della coscienza. Il punto di vista di una persona “normale” che dopo una serie di avvenimenti straordinari incontra un cammino di pensieri e di esperienze volte a scoprire una visione del mondo fatta di panorami emozionali, diversa da quella che siamo abituati a vivere, per riuscire ad esaltare le enormi potenzialità che sono in ognuno di noi, metterle in atto e costruirsi con nuove credenze e intenzioni la vita che ognuno di noi merita di vivere alla scoperta del vero senso della vita.

INTRODUZIONE

Mi sono sempre sentito un po' diverso dal resto della massa quindi anche l'inizio del mio libro in qualche modo deve essere diverso! Quasi sicuramente lo sarà visto che non ho mai scritto prima di adesso!
A tal proposito tengo a precisare che non sono uno scrittore. Piuttosto mi definirei un pensatore e una persona che parla troppo. Difatti sto improvvisando e di certo una minima idea di quello che devo scrivere ce l'ho anche se fino a qualche anno fa non avrei mai pensato di arrivare a questo punto. Oggi so che è una delle poche cose che desidero davvero fare nella mia vita.
Ti racconterò la mia storia ed in particolare scriverò delle mie esperienze, degli avvenimenti accaduti e di come questi, attraverso i miei pensieri, abbiano potuto cambiare il mio punto di vista sulla vita e su ciò che sono e desidero.
Spero in questo modo di aiutare chiunque ne abbia voglia a risvegliare la propria coscienza attraverso la mente, le intenzioni e le emozioni, sostituendo le vecchie credenze con delle nuove volte al raggiungimento della felicità.
Spero di riuscire ad apportare alla tua vita qualche domanda e qualche risposta in più, per riuscire ad essere più cosciente di quello che siamo e del potere che abbiamo in noi.
Ti racconto come riuscire a sfruttare al massimo questo potenziale infinito di coscienza come strumento per la costruzione di una migliore e più felice realtà fatta di infinite possibilità, con la consapevolezza che - se questa viene vissuta con un'introspezione diversa da quella che abbiamo sempre avuto può dispensarci emozioni che ci fanno rendere conto che la felicita è uno stato d'animo presente in noi molto più di quello che immaginiamo e che va soltanto abituato a persistere il più possibile nella nostre vite cosi da creare, giorno dopo giorno, quella che abbiamo sempre sognato, riscoprendo che ognuno di noi può essere adesso la migliore versione di se stesso.

1. PERCHÉ

Sin da bambino ho desiderato lasciare in qualche modo un segno, anche se all'inizio non sapevo come farlo, né tantomeno immaginavo il mezzo con cui farlo. Qualche anno fa pero è capitato un evento strano che avrebbe rivoluzionato completamente il mio modo di pensare e quelle che io ritenevo certezze e convinzioni assolute fino a quel giorno. Sono stato sempre una persona abbastanza normale, fino ai trenta anni credo di aver vissuto una vita tranquilla comune e simile sicuramente alla vita che tante persone come me vivono o hanno vissuto. Forse mi sono sempre posto qualche domanda in più rispetto alla media e credo di aver risposto in maniera efficiente a tante di queste o comunque, in qualche modo, gli eventi e ciò che è successo lo hanno fatto per me.
MI PRESENTO
Nato a Napoli nel 1983, sono cresciuto in una cittadina di provincia ed ho vissuto un'infanzia e un'adolescenza abbastanza normale, con ottimi valori e affetti grazie alla mia famiglia che mi è sempre stata accanto; ho sempre amato la musica tanto da iniziare a suonare la chitarra all'età di tredici anni, cosa che mi faceva sentire diverso dalla maggior parte dei ragazzi della mia età, un po' più speciale della media, forse perché pochi avevano tale interesse o perché non ho mai amato tanto accontentarmi di fare quello che fanno tutti gli altri spesso come un'obbligazione di ciò che va fatto perché è qualcosa che fanno tutti. Non mi ritengo assolutamente migliore degli altri, anzi anche io come la maggior parte delle persone ho i miei vizi, le mie stranezze, i miei segreti, i miei momenti di pazzia, perché ogni persona è un mondo a sé, piena di sfaccettature diverse anche se spesso ci si comporta adattandosi al resto. Sono una persona normale come te e tanti altri, un anticonformista! Ad un certo momento della mia vita il mio punto di osservazione è cambiato ed ha iniziato a farmi apprezzare tantissime cose che davo per scontato e ad apprezzarne altre che nemmeno credevo esistessero.
Credo che il bello della vita sia proprio riuscire a scoprire il nostro “io” più interno ed esaltarlo il più possibile per poter far vedere al mondo la perla che ognuno di noi ha dentro di sé, viverla attraverso le nostre emozioni e le nostre azioni e lasciare che questa continui a brillare anche quando non ci saremo più.
INTRODUZIONE DELL'INTENZIONE
Tutto ciò di cui parlerò, sarà possibile grazie ad un po' di attenzione e soprattutto “all'intenzione” di cambiare le proprie credenze e il proprio punto di vista. L'intenzione, ti dirò in anticipo, è ciò che ha fatto sì che io scrivessi questo piccolo libro e ciò che ha portato un ragazzo come tanti alla convinzione che tutto può accadere e che siamo proprio noi a farlo accadere, e che ciò avviene in una forma molto più semplice di quella che credi o che ti abbiano fatto credere fino ad oggi. Alcuni - vuoi per la loro provenienza sociale, per l'educazione o i luoghi in cui sono cresciuti, le influenze che hanno avuto e le esperienze buone o cattive che hanno vissuto - ci riescono sin da piccoli con una naturalezza tale che le loro convinzioni sono basate su credenze molto diverse dalla maggior parte delle persone comuni se così vogliamo chiamarle. Altri invece nascono, crescono e restano gran parte della propria vita intrappolati in una realtà che non vorrebbero vivere, infelici e seppur coscienti, non fanno niente per poter cambiare o ci provano ma si scoraggiano, magari pensando che sia solo un'illusione, avviliti dalle mille regole o processi che suggeriscono per poter raggiungere uno stato di vita felice, o perché intrappolati consapevolmente o inconsapevolmente in uno status di vita che li ha vinti. Questi si lasciano scivolare la vita addosso vivendo passivamente, senza produrre alcun cambiamento significativo.
Ho vissuto con i miei pensieri e le mie convinzioni in parte simili alla maggioranza delle persone che vivono su questo mondo senza realmente pormi una domanda: la vita che stavo vivendo era veramente ciò che desideravo? Fortunatamente un giorno mi sono svegliato e pensiero dopo pensiero sono arrivato qua soprattutto grazie ad alcune esperienze che ho vissuto. Ho rimandato per tanti anni la scrittura del libro e poi una sera, mentre guardavo la tv, mi venne un'improvvisa voglia di voler finalmente riprendere questo mio scritto e, nella miglior forma possibile, riuscire a realizzare una delle poche cose che da tanti anni desideravo o meglio avevo come scopo, come obiettivo, qualcosa che dovevo fare assolutamente per riuscire a tacere la mia voglia di farlo.
Non so se ti è mai capitato di dover fare qualcosa che rimandi sempre ma poi quando sei a letto prima di dormire, gli ultimi pensieri del giorno ti conducono sempre a quella cosa che desideri tanto fare e che anche oggi hai rimandato! Addirittura delle sere quando ero già più addormentato che sveglio mi sono venute in mente delle cose e cercherò con tutte le mie risorse di trasmetterti il mio messaggio nel modo più trasparente e chiaro riesca a fare. Se poi non t'interessa tanto meno mi dispiace, giacché credo che se non trovi interesse in quello che dico, e può tranquillamente accadere, forse è solo perché non ti sei posto le mie stesse domande o te le sei poste e hai notato che avere delle risposte fosse troppo difficile soltanto con i tuoi ragionamenti o per i pensieri che ti poni, forse meno profondi di quelli che ho io, o semplicemente visti da un altro punto di vista che non coincide con il mio.

IL GIUDIZIO

Forse fino a qualche anno fa sarebbe stato molto diverso anche per me. Credo che anche un solo giudizio negativo o un mio pensiero su qualsiasi tipo di commento o giudizio che possa risultare in futuro dalla lettura del mio libro, mi avrebbe bloccato completamente, e avrebbe fatto sì che oggi questo libro non fosse tra tue mani. Ho notato che molto spesso il giudizio degli altri ci può influenzare o comunque precludere nel fare ciò che veramente vogliamo ma ho anche vissuto abbastanza, anche se non troppo, per poter affermare che il giudizio della gente poco conta al cospetto di quello che hai dentro di te da voler esprimere. Per quanto ci tenga al fatto di voler essere giudicato in forma positiva dalle persone a cui voglio bene, tanto meno conta anche perché tutto passa, i rapporti, le amicizie e soprattutto i giudizi della gente che col tempo cambiano come pure le priorità che ognuno di noi nel tempo va cambiando a seconda del suo più profondo risveglio personale e di scopo che ha su questa terra, ammesso che ne abbia uno!
Poi intendiamoci, ciò che ha cambiato il mondo nei vari anni sono stati sempre pensieri e persone azzardate che all'esporre le loro teorie vengono spesso confinate come persone strane o folli fin quando la massa non si abitua a tale genio e lo venera per gli input che ha proporzionato grazie al suo unico e raro estro nel processare ed esprimere le sue più segrete aspirazioni e soprattutto ciò che ha da dire.
Fortunatamente o sfortunatamente da come la vuoi vedere tu, lo sviluppo del mio pensiero si è costruito con influenze che sono arrivate dall'esterno e soprattutto da mio modo personale di metabolizzare le mie esperienze e pensieri fino a volerli esternare. Personalmente non ho mai saputo veramente cosa fare della mia vita né tanto meno se avessi o meno una vocazione particolare. Sono anche laureato ma, man mano che completavo i miei studi, a poco a poco è andata scemando la voglia di impegnarmi in un ambiente lavorativo vincolato alla mia laurea. Questo è accaduto per vari motivi e ragioni diverse e con il passare degli anni forse sono riuscito a spiegare queste mie decisioni come date dal fatto che l'università potesse essere una buona alternativa per conseguire in seguito un lavoro migliore per il mio futuro. Col passare del tempo il mio pensiero è andato maturando ed ho abbandonato sempre più l'idea di poter lavorare con la mia laurea. È cresciuta in me la voglia di voler lasciare un segno o in qualche modo di voler esprimere ciò che dal più profondo penso, ovvero che sia triste l'idea di passare su questa terra tra milioni di persone in un tempo molto breve e non lasciare alcun segno, in un intervallo di tempo insignificante comparato alla storia del mondo in cui viviamo. Se un determinato giorno della tua vita ti fermi e t'innalzi per un momento da quelli che sono i pensieri quotidiani o ciò che occupa gran parte dei tuoi giorni e provi a riflettere sulla vita, nella sua essenza e alla facilità con la quale questa passa, che i minuti e i giorni volano, forse cambieresti anche tu i tuoi pensieri o il senso che vorresti dare a questa. Quante persone arrivate agli ultimi giorni potranno dire di aver vissuto una vita piena di esperienze ed emozioni? Quante invece si saranno lasciate vincere dalla vita, dalle regole, dalle cose che andavano fatte per avere una vita per esse dignitosa, fatta di traguardi molto più superficiali, inconsistenti ed insoddisfacenti. Questo per me è stato un pensiero ricorrente e ho sempre avuto in qualche modo quest'ansia di voler scoprire il mio scopo o la mia vocazione. Sicuramente dopo gli studi ho iniziato ad avere una sorta di repulsione verso il conformismo comune del mondo vedendolo come una trappola intellettuale ed emozionale rivolta a poter ammaestrare ed amministrare le masse che seppur non felici per la situazione attuale continuino a vivere nel loro piccolo cerchio di convinzioni volte a giustificare silenziosamente una situazione di vita che non gli appartiene a livello emozionale e che però, avendo avuto il sopravvento, è troppo profonda da poter avere il valore necessario per sradicare alla radice e intravedere l'essenza e la bellezze emozionali che questa ha da offrirci. Non ho mai pensato che scrivere un libro sia il mezzo che possa procurarmi soldi o farmi smettere di lavorare ma semplicemente anno dopo anno ho compreso che questa fosse la mia vera vocazione. Poi negli anni sono accaduti eventi che hanno cambiato radicalmente il mio modo di pensare e soprattutto mi hanno spinto a voler indagare più profondamente sui miei dubbi e domande, riuscendo spesso ad avere le risposte che stavo cercando.
Andrea Esposito
Biblioteca
Acquista
Contatto