10 Romanzi di [Sergio Bertoni] .: Writer Officina :.
 
Sergio Bertoni
Delitti misteriosi Giallo
Un incontro inaspettato. Sferragliando e rombando, quasi con rabbia orgogliosa, la vecchia automobile sta per affrontare, intrepida, la leggera salita che porta al paese vicino. In lontananza la vetta innevata del Gran Paradiso Ŕ lievemente offuscata da nuvole basse. La temperatura Ŕ fresca ma gradevole. Il maresciallo Antinori Ŕ stato puntualissimo, anzi in leggero anticipo. Indossa un sobrio completo grigio e ha con sÚ una cartelletta con al...
Sergio Bertoni
Paride Passacantando Umoristico
L'imperioso squillo del telefono distolse Felice Incorniciato, Direttore della sede napoletana, dalla sua lettura preferita: - Le figlie del peccato - l'ultimo romanzo di Franšois de Basier noto scrittore francese di genere erotico. Sbuffando annoiato, l'alto dirigente port˛ all'orecchio il microtelefono, -sicuramente sarÓ qualche altra schifezza di politico che mi raccomanda qualcuno- pens˛. - Mi scusi, dottore, c'Ŕ una chiamata da Roma d...
Sergio Bertoni
L'Intruso Narrativa
Il robot. C'era una volta... un Re, diranno subito i miei fedeli lettori. No, amici, avete sbagliato! C'era una volta un robot. Non era un robot comune, facile a distinguersi come quelli che magari usate per pulire i pavimenti. Era un robot particolare, che nessuno sarebbe mai stato in grado di distinguere da un essere umano. La sua similpelle era morbida e tiepida, in pratica, del tutto identica alla pelle di uno qualsiasi dei vostri conoscen...
Sergio Bertoni
Cleoth e Arkh Storico
Vendetta Si dest˛ di colpo e trasse un lungo respiro. Gli era mancato a lungo il fiato, si era sentito soffocare e aveva fatto un sogno tremendo che, per quanto si sforzasse, non riusciva a rammentare. Aveva solo il vago ricordo di un qualcosa o di qualcuno che lo aveva scagliato in fondo a un pozzo, ove le pareti si erano rinchiuse su di lui stritolandolo. Si riscosse, sfregandosi gli occhi con la mano. Dalla finestra penetrava un soffio d'ar...
Sergio Bertoni
L'Intruso Narrativa
Ore sei di quel sabato mattina. Le strade erano ancora semideserte; rari passanti camminavano veloci rasente i muri per recarsi al lavoro, alcuni si fermavano in piccoli gruppi presso le fermate dei tram. Altri saltellavano e sbattevano i piedi per terra, nel tentativo di accelerare la circolazione sanguigna per cercare di riscaldarsi. Un vecchio mendicante, infreddolito, si avvolse ancor pi¨ nel suo tabarro sdrucito, ricoprendosi le orecchie e ...
Home
Blog
Biblioteca New
Biblioteca All
Biblioteca Top
Autori
Recensioni
Inser. Romanzi
@ contatti
Policy Privacy
Biblioteca di Writer Officina

Dedicato a chi vuole sognare, dedicato a chi crede in se stesso e vuole incantare il mondo con le parole. Dedicato ai ribelli e ai sognatori, dedicato a chi non si arrende davanti a un rifiuto e vuole continuare a dipingere la vita con mille colori. Questo è il luogo di tutti, un acro di terra sconsacrata, dove ognuno può coltivare i propri sogni, affinché si realizzino e non abbiano padroni. Questo è il luogo dei folli che vogliono cambiare il mondo e ci riescono davvero, questa è l'ultima speranza di chi vuole nascere mille volte e non morire mai...

Abel Wakaam